Come Spurgare le Vongole

Le Vongole sono tra i frutti di mare che mangiamo di più, io per esempio ne vado matta e le mangerei ogni giorno, ma bisogna che siano spurgate bene in modo da eliminare completamente la sabbia e non ritrovarla in bocca.

Ecco che di seguito vi mostro COME SPURGARE LE VONGOLE, telline e lupini a casa e preparare dei piatti squisiti con un metodo molto facile e che richiede poco impegno!

Vedi anche: COME PULIRE I FIORI DI ZUCCA (o di Zucchina); SPAGHETTI con le COZZE e PANGRATTATO CROCCANTE

  • DifficoltàFacile
  • CostoMedio
  • Tempo di riposo2 Ore
  • Tempo di cottura10 Minuti
  • CucinaItaliana
  • StagionalitàTutte le stagioni

Ingredienti

Ecco cosa serve

1 kg vongole
3 cucchiai sale
q.b. acqua

Strumenti

1 Ciotola

Passaggi

Come Pulire e Spurgare le Vongole

Innanzitutto è preferibile acquistare le Vongole il giorno stesso o al massimo il giorno prima e assicuratevi che siano fresche.

Dopodiché verificate se ci sono gusci rotti o vongole aperte ed eliminatele, invece quelle chiuse le mettiamo in uno scolapasta e le sciacquiamo per bene sotto acqua fredda corrente.

Di seguito vi mostro come procedere se volete preparale in giornata o il giorno seguente dall’acquisto!

METODO IN GIORNATA:

Sciacquate le vongole, quindi mettetele in una ciotola copritele con acqua fredda e aggiungete il sale, mescolate con le mani come a sbatterle tra loro e fate riposare per circa 2 ore in frigorifero, o minimo un’oretta.

Una volta fatte spurgare per bene, sciacquatele agitandole l’una contro l’altra delicatamente, mettetele in un colapasta ed ecco che sono pronte per essere utilizzate.

METODO DI RIPOSO:

Sciacquate le vongole, quindi mettetele in una ciotola copritele con acqua fredda e aggiungete il sale, mescolate con le mani come a sbatterle tra loro e fate riposare per circa 2 ore in frigorifero, trascorso il tempo scolandole trasferite le vongole in un’altra ciotola, ricopritele con acqua e sale e fate riposare ancora, facendo questa operazione almeno un paio di volte.

Poi all’ultima operazione mettete nella ciotola uno canovaccio pulito, adagiate le vongole, ricopritele sempre con acqua e sale, coprite con il canovaccio e infine lasciate le vongole in frigo tutta la notte.

Il giorno dopo procedete lavandole sotto l’acqua corrente fredda e adesso sono pronte per essere preparate.

Riposo tutta la notte coperte in frigorifero

COME CUCINARE LE VONGOLE:

Anche qui voglio mostrarvi due metodi diversi per cucinarle ed essere sicuri di non trovare sabbia nelle pietanze.

METODO CLASSICO nonché quello più conosciuto:

Versate un filo d’olio d’oliva in una padella, aggiungete uno spicchio di aglio, il prezzemolo, fate soffriggere leggermente e unite le vongole. Quindi, coprite con coperchio e fate cuocere a fuoco vivo, agitando di tanto in tanto la padella sino a quando saranno tutte schiuse. Non appena saranno tutte aperte spegnete subito la fiamma, invece quelle che non saranno riuscite ad aprirsi dovrete buttarle in quanto significa che sono morte. A questo punto potete sgusciare le vostre vongole oppure lasciarle nelle loro conchiglie, dipende dalla ricetta, l’importante però è filtrare sempre il liquido di cottura con l’aiuto di un colino e del cotone idrofilo o un panno di lino.

METODO PIU’ INDICATO (a modo mio)

Questo metodo è quello che preferisco di più e attuo sempre, soprattutto se le vongole vengono cucinate in giornata.

In una pentola, mettete le vongole senza aggiungere altri ingredienti, coprite con un coperchio e fatele cuocere a fiamma vivace il tempo necessario per farle aprire tutte, quelle invece che non saranno riuscite ad aprirsi dovrete buttarle in quanto significa che sono morte e non sono buone. Quindi, mettetele da parte e filtrate il loro fondo di cottura con un colino a maglie strette e un poco di cotone idrofilo sopra, così da eliminare ogni eventuale impurità dal liquido prodotto dalle vongole.

Le vongole sono pronte per preparare tante ricette!

1° foto Metodo “a modo mio” – 2° foto Metodo classico

Consigli Utili

Il consiglio più importante è quello di assicurandovi che le vongole acquistate siano fresche ma ovviamente se non riuscite a trovarle fresche potete optare per quelle surgelate che non hanno bisogno di pulizia.

Una volta cotte si possono congelare, in barattoli ermetici insieme al loro liquido di cottura.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da pasticciandoconilenia

Cucinare è la mia passione... e adoro condividerla con voi! Ricette di casa semplici e gustose alla portata di tutti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.