Crea sito

Cavolfiore in pastella

Il cavolfiore in pastella rappresenta un ottimo antipasto o contorno molto saporito presente, soprattutto, nella tavola dei meridionali, poiché al Sud la coltura è maggiore.

Il cavolfiore è un ortaggio che non dovrebbe mai mancare sulla nostra tavola (crudo, fritto, al vapore, gratinato, in zuppa) per i suoi  principi nutritivi e per i principi attivi che contiene: anticancro, antibatterico, antinfiammatorio, antiossidante. Inoltre, è depurativo, rimineralizzante e favorisce la rigenerazione dei tessuti.

E’ particolarmente indicato in caso di diabete perché le sue proprietà contribuiscono a controllare i livelli di zuccheri nel sangue.

Piace tantissimo anche ai bambini.

cavolfiore in pastella, Passione dolce e salataCAVOLFIORE IN PASTELLA

INGREDIENTI (per 4 persone):

  • 1 kg cavolfiore
  • 1 uovo + 1 albume
  • 150 g farina di semola
  • 3 g lievito di birra disidratato ( oppure 10 g fresco)
  • aglio in polvere disidratato q.b.
  • 15 g olio extravergine d’oliva (farà assorbire meno unto)
  • 150 g di acqua a temperatura ambiente
  • sale e pepe q.b
  • 1 l olio extravergine d’oliva per friggere

PREPARAZIONE

Per prima cosa bisogna dividere il cavolfiore in cimette regolari, lavarle e lessarle molto al dente in acqua salata (8′ circa dalla ripresa del bollore). Intanto, a parte preparate la pastella con la farina, il lievito (se fresco occorre scioglierlo in poca acqua tiepida), l’aglio in polvere, olio, sale e pepe, l’acqua e un uovo intero. Lasciate riposare qualche minuto e mescolate energicamente; coprite la pastella con la pellicola e far lievitare per un’ora. Quando sarà lievitata aggiungere un albume montato a neve, incorporandolo con movimenti dal basso verso l’alto per non smontarlo. Immergete le cimette del cavolfiore nella pastella, man mano che si devono friggere, e tuffarle nell’olio extravergine d’oliva portato a temperatura.
Si otterrà una frittura dorata, che verrà messa su carta assorbente per togliere l’unto in eccesso.

Con lo stesso procedimento si possono fare carciofi e cardi.

Se volete seguirmi per restare sempre aggiornati trovate qui la mia pagina Facebook, Twitter e Google+.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.