Crea sito

Linguine all’astice

Le Linguine all’astice sono un primo piatto decisamente raffinato e ricco di gusto. Ideali soprattutto per occasioni speciali come il cenone di Capodanno, la vigilia di Natale, oppure per una cena romantica, ma anche semplicemente se volete togliervi uno sfizio o conquistare i vostri ospiti a cena. Di sicuro con questo favoloso piatto farete un figurone e accontenterete tutti. Tra l’altro sono anche molto semplici da preparare il che non guasta!

Questa volta ai fornelli si è messo mio marito e io l’ho lasciato fare senza problemi, anzi ero felice che almeno il primo giorno dell’anno non ho dovuto cucinare. Devo dire che ha fatto uno splendido lavoro, le Linguine all’astice erano davvero molto buone!!

Leggi anche:

LINGUINE CON SUGO DI CANOCCHIE

SPAGHETTI AGLI SCAMPI

Linguine all'astice
  • DifficoltàBassa
  • CostoCostoso
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di cottura25 Minuti
  • Porzioni3 persone
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti delle Linguine all’astice:

  • 250 glinguine
  • q.b.sale grosso
  • 1astice (di circa 600 g)
  • q.b.olio extravergine d’oliva (4-5 cucchiai )
  • 3 spicchiaglio
  • 1peperoncino
  • q.b.vino bianco secco
  • q.b.pomodori pelati (circa 150 g )
  • 2 ramettiprezzemolo

Preparazione

Per le Linguine all’astice ho usato un astice fresco e non surgelato. È preferibile che sia ancora vivo in quanto questo tipo di crostaceo deperisce molto in fretta
  1. Linguine all'astice

    Mettete sul fuoco abbondante acqua per la pasta. Appena inizia a bollire aggiungete il sale e versate le linguine. Dopodiché scolatele piuttosto al dente lasciando da parte dell’acqua di cottura della pasta.

    Nel frattempo preparate l’astice per la cottura: sciacquatelo bene sotto l’acqua corrente fredda.

    Poi potete procedere in due modi (il primo è più indicato ma dipende se ve la sentite, altrimenti scegliete il secondo):

    1.) Fate a pezzi l’astice da vivo: per fare questa operazione usate un contenitore o terrina in modo che tutti i succhi vengano conservati. Staccate la coda dal corpo e fate un taglio per il lungo nella parte interna della coda in modo che alla fine sia semplice togliere la polpa. Tagliate con la forbice la parte bassa del corpo (sempre dalla parte interna dove sono le zampette) e infine staccate le chele. Volendo le potete rompere leggermente con il batticarne in modo che anche loro rilascino più sapore nel sugo.

    2.) Lasciate l’astice intero e lo farete a pezzi dopo una breve rosolatura in padella di circa 5 minuti, quando avrà appena cambiato colore.

    Preparate il condimento: in un tegame o padella capiente fate imbiondire gli spicchi d’aglio sbucciati e leggermente schiacciati (che poi alla fine andrete a togliere) e il peperoncino spezzettato. Unite i pezzi di astice e fateli rosolare a fiamma media per circa 5 minuti o finché non avranno cambiato colore. Sfumate con il vino bianco e alzate la fiamma per farlo evaporare. Dopodiché aggiungete i pomodori pelati tagliati a dadini e un po’ del loro sughetto, il liquido che ha rilasciato l’astice e allungate il tutto con un mestolo di acqua di cottura della pasta. Fate cuocere il sugo per un massimo di altri 15 minuti. In totale ricordatevi di non cuocere l’astice per più di 20-22 minuti altrimenti la carne potrebbe diventare un po’ gommosa.

    Unite al condimento le linguine scolate un po’ in anticipo e completate la cottura, aggiungendo se c’è bisogno ancora un po’ di acqua della pasta che avete lasciato da parte. Infine cospargete le Linguine all’astice con del prezzemolo tritato e servite in tavola.

    Potete servire la pasta così con l’astice a pezzi, oppure togliere la polpa dalla coda e dalle chele e farla a pezzetti prima di servire. Buon appetito!

Note aggiuntive:

In alternativa potete usare l’astice congelato, in questo caso basterà prima scongelarlo nel frigorifero e poi procedere come descritto nella ricetta.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.