Rotolo d’agnello farcito

A grande richiesta… riesco finalmente a postare la ricetta di un altro dei secondi protagonisti del mio pranzo di Pasqua, un rotolo d’agnello farcito con pistacchi e mandorle! E quando dico “a grande richiesta” non dico tanto per dire, questo piatto infatti è stato talmente apprezzato da tutti i miei commensali, che non ho potuto fotografarlo e mi son dovuta “sacrificare” a rifarlo per permettere a tutti voi di apprezzarlo almeno visivamente, davvero un sacrificio bello e buono, soprattutto… buono! ^_^

Si tratta di una ricetta che mi sono inventata del tutto,  che anche il macellaio di fiducia, a buon titolo, avrebbe curiosità di conoscere, dato che con grande pazienza e gentilezza ha disossato per tre volte, tre spalle d’agnello, due per la Pasqua e una per il… sacrificio 😉

Suggerimento: se avete difficoltà a reperire il pesto di pistacchi o mandorle (nei supermercati ormai si trovano), fateveli da voi tritando finemente al mixer mandorle o pistacchi con qualche cucchiaio d’olio extravergine d’oliva, sale, pepe e un po’ d’aglio.

Ingredienti

per il rotolo

spalla d’agnello disossata

pesto di pistacchi alla brontese  (Bacco)

pesto di mandorle (Bacco)

aglio secco in polvere

pangrattato

sale e pepe

per la cottura

farina 00

5/6 cucchiai di olio extravergine d’oliva (Ursini)

60 g di burro

1 spicchio d’aglio

1/2 bicchiere di vino bianco

250 ml circa di brodo di dado

1/2 di brandy

1 cucchiaio di panna da cucina

Stendete per bene la vostra spalla d’agnello disossata e cospargete di sale, pepe e aglio secco. Spalmatevi due cucchiai di pesto ai pistacchi e due di pesto alle mandorle (Bacco), infine cospargete con un velo di pangrattato. A questo punto dovete arrotolare e legare con lo spago da cucina per benino soprattutto alle due estremità.

Infarinate il rotolo e rosolatelo velocemente in olio e burro, aggiungete l’aglio tritato, salate, pepate e sfumate col vino bianco. Dopo un po’ versate il brandy, aggiungete un cucchiaio di panna e il brodo.

Infornate a 200°C, calcolando 25/30 minuti di cottura per ogni mezzo chilo di carne, ricordando di rigirare il rotolo durante la cottura e aggiungendo dell’altro brodo se necessario.

Sfornate, fate intiepidire e togliete lo spago. Tagliate a fette e servite col sugo di cottura che nel frattempo si è arricchito anche dei pistacchi e delle mandorle che inevitabilmente fuoriescono durante la cottura e il taglio.

Vi dico solo che in tanti hanno provveduto ad “eliminare” ogni traccia di condimento, “scarpettando” con gusto e grande soddisfazione… e io ho dovuto rifarlo!!! ^__^

 
Precedente Sarde a beccafico alla palermitana Successivo Torta hamburger... 18 ANNI!

15 thoughts on “Rotolo d’agnello farcito

  1. Questo rotolo di agnello è una vera delizia, hai fatto bene a rifarlo per noi!! E beati i commensali che se la mangiano!!! Bravissima stellina, una vera fantasia d’artista!!! Buona festa della mamma e buona domenica!! Maria Luisa.

  2. lericetteditina il said:

    Buona festa della mamma carissima!!
    Povero macellaio hihihi..non ho mai pensato nemmeno lontanamente di prepararlo in questo modo complimentissimi cara!!è una meraviglia davvero.Buona domenica

  3. Ciao Lori, grazie per partecipare ! Che magnifica ricetta e poi…più primaverile di così !!! Sto facendo caso che questo fatto di ripostare le ricette è molto apprezzato dai “follower” che magari si sono persi qualche “puntata precedente” !
    Comunque, brava ! La metto su subito !
    Besos
    Marilì

  4. maniamorefantasia il said:

    Ciao… no, la ricetta non è stata ripostata, l’ho postata proprio nella data che vedi! Non ho mai pensato di ripostare una ricetta, mi hai dato un’idea magari per i nuovi follower! Grazie per averla inserita! Ciao 🙂

  5. Mamma mia Lory, potrei svenire di fronte a questo agnello..se vuoi la prossima volta che ti devi “sacrificare” ti do molto volentieri una mano a finirlo!!! ^_*

  6. LUCI GABBIA il said:

    Mi incuriosisce molto e vorrei provare a rarlo x pasqua…. ma il pesto di pistacchi e quello di mandorle nn li ho mai visto al supermercato… son facili da reperire???

  7. maniamore il said:

    Più facile forse quello di pistacchi, in ogni caso puoi provare a frullare pistacchi o mandorle con dell’olio extravergine d’oliva, un po’ d’aglio, sale e pepe. 🙂

  8. Anna il said:

    L’ho inserito nel mio menu di Pasqua. Lo proverò quel giorno ma, sarà sicuramente delizioso. E poi …. si può preparare prima 🙂 Il macellao non mi disossa una spalla ma un cosciotto … bah … vi farò sapere.
    Anna

  9. E’ da sballo Lori e dico sul serio! Mamma mia chissà che sapore..non ho mai cercato il pesto mandorle-pistacchi provo a cercarla–e poi ti imito!!! Tanti auguri carissima amica, una serena Pasqua con i tuoi cari!!

  10. Anna il said:

    Ho preparato il mio cosciotto di agnello disossato ….. una delizia! Buonissimo e’ andato a ruba. Grazie del consiglio, mi si e’ aperto un mondo … ripieno di carciofi … castagne e prugne …

    • maniamore il said:

      Wow… ti sarà venuto delizioso!!!! Spalla o cosciotto poco importa, poi la fantasia e il gusto completano l’opera! Complimenti, e grazie a te! 🙂

Lascia un commento