Supplì con cuore filante

Chiamarli supplì con cuore filante, probabilmente, è una cosa un po’ azzardata. A volte, questa specie di obbligo di dare un nome alle ricette improvvisate mi mette davvero in difficoltà. Supplì? Crocchette di riso? Polpette di riso? Chissà qual è il nome corretto per questa pietanza che ha salvato in corner la nostra cena! Non sono una cuoca, non sono una gastronoma; sono soltanto una che, una sera, non sapendo cosa preparare per cena e pensando al ragù avanzato dal giorno prima, ha pensato come fare ad utilizzarlo senza dover riproporre lo stesso piatto di pasta.

«Come si chiamano questi cosi, Socio?» dico mentre ne addento uno.
«Mia mamma li chiama supplì, li fa spesso.» mi risponde lui, cercando di non farsi sfuggire il filo di formaggio che si allunga mentre ne apre in due uno.
«Ma il vero supplì non dovrebbe avere la mozzarella? E poi, il riso mi pare vada condito diversamente…» gli rispondo incerta, con la bocca piena.
«Non saprei… però assomigliano a quelli di mia madre» dice distrattamente di rimando mentre ne afferra con decisione un secondo.

Insomma, alla fine, con questo profumino sotto al naso, ormai il nome passava in secondo piano e mi trovo quasi costretta a chiamarli supplì con cuore filante. Tanto, io e voi ci siamo capiti. Sarà una variante, sarà una modifica, sarà quello che volete: l’unica cosa di cui sono certissima è che i supplì con cuore filante sono buonissimi!

Supplì con cuore filante

•••••

supplì con cuore filante

ingredienti | circa 15 pezzi

250 g di ragù di carne
140 g di riso arborio
80 g di Asiago mezzano
6 cucchiai di farina
6 cucchiai di pangrattato
3 uova
sale

olio per friggere

procedimento

In una pentola, portare ad ebollizione abbondante acqua salata e lessarvi il riso. Quando sarà cotto, scolarlo e raffreddarlo sotto acqua fredda corrente per arrestarne la cottura, quindi trasferirlo in una ciotola. Unire il ragù e mescolare bene.

Tagliare il formaggio a cubetti di circa un centimetro di lato. Stendere nel palmo della mano inumidito una quantità di riso, posizionare al centro un cubetto di formaggio e richiudervi intorno il riso formando una pallina. Procedere fino ad esaurimento degli ingredienti e trasferire ogni pallina su un vassoio. Riporre in frigo e far riposare per circa 30 minuti, meglio se un’ora.

Nel frattempo, predisporre una ciotola con la farina, una per il pangrattato e, nella terza, sbattere le uova con un un pizzico di sale.

Trascorso il tempo di riposo, rotolare ciascuna pallina prima nella farina, poi nell’uovo e infine nel pangrattato. In un tegame, scaldare abbondante olio e friggervi i supplì con cuore filante fino a doratura, avendo l’accortezza di girarli molto spesso per uniformare la cottura. Servire caldi o tiepidi, ma sono ottimi anche freddi.

•••••

Supplì con cuore filante

Se ti è piaciuta questa ricetta e vuoi rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità della Lifferia,
seguimi sulla pagina Facebook e diventa fan! :-)
Lifferia è anche su TwitterGoogle+ e Pinterest!

Torna alla HOME PAGE oppure naviga tra le RICETTE
…e non dimenticare di iscriverti alla NEWSLETTER GRATUITA di Lifferia.

Supplì con cuore filante

4 Commenti su Supplì con cuore filante di formaggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.