Stecche con pepe nero e aglio

Dopo avere provato la versione base delle stecche (che trovate QUI), ho provato le varie varianti suggerite da lui, come le stecche con pomodorini e timo (che invece trovate QUI), ed oggi è la volta delle stecche con pepe nero e aglio.

Questi profumati e sfiziosi sfilatini ci avevano appassionati fin dalla prima… sfornata: leggermente croccanti fuori, tenere dentro, nelle stecche con pepe nero e aglio si aggiunge anche una sferzata di sapori decisi. Sono perfette alleate per realizzare dei panini fragranti e gustosi, ma sono talmente sfiziose che finirete per mangiarle anche così, da sole.

Facilissime da preparare, come del resto la maggior parte delle ricette di Jim Lahey, le stecche con pepe nero e aglio sfruttano il metodo senza impasto: è sufficiente quindi qualche breve movimento con una forchetta e potete riporre tutto a lievitare senza pensarci più. Un’idea geniale da sfruttare quando non avete tempo (o la voglia) di stare troppo con le mani in pasta e con la certezza di un risultato spettacolare.

Stecche con pepe nero e aglio

•••••

stecche con pepe nero e aglio

ingredienti | 4 pezzi

400 g di farina 0
350 g di acqua
60 ml di olio extravergine d’oliva
5 g di sale
3 g di lievito di birra
3 g di sale grosso
3 g di miele
2 spicchi d’aglio
pepe nero

semola rimacinata di grano duro
farina 0 per la spianatoia

procedimento

In una ciotola, riunire la farina ed il sale. In una caraffa, disciogliere il lievito nell’acqua con il miele e versare il tutto nella ciotola, amalgamando brevemente con una forchetta fino ad assorbimento della farina.

Coprire con pellicola trasparente e riporre a lievitare dalle 12 alle 18 ore a temperatura ambiente, al termine delle quali l’impasto dev’essere più che raddoppiato.

Trascorso questo tempo, trasferire il composto (che risulterà molto idratato, ma è tutto ok) sulla spianatoia infarinata, quindi raccogliere un lembo di impasto e portarlo verso il centro, proseguire con il lembo opposto e ripetere l’operazione un’altra volta o due. Pennellare la superficie con un po’ di olio, distribuire un pizzico di sale grosso, che si dissolverà.

Cospargere un panno di cotone con abbondante semola di grano duro, quindi trasferirvi l’impasto con il punto di giunzione delle pieghe rivolto verso il basso e riporre a lievitare per una o due ore, fino al raddoppio. Premendo con un dito, questo lascerà un’impronta di circa mezzo centimetro; in caso contrario, lasciare riposare ancora.

Trascorso questo tempo, trasferire l’impasto sulla spianatoia infarinata e dividerlo in quattro parti. Trasferire ciascun pezzo sulla leccarda foderata con carta da forno, stirandolo delicatamente con le mani ed avendo cura di mantenerli un po’ distanziati tra loro. Pennellare la superficie con l’olio, cospargere con il sale e qualche macinata di pepe, quindi distribuire in superficie l’aglio pelato e tagliato a fettine sottili.

Cuocere in forno elettrico ventilato preriscaldato a 250°C per circa 15 minuti, o comunque fino a doratura. A cottura ultimata, lasciare riposare 5 minuti sulla leccarda, quindi trasferire su una griglia fino al raffreddamento completo.

•••••

Stecche con pepe nero e aglio

Se ti è piaciuta questa ricetta e vuoi rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità della Lifferia,
seguimi sulla pagina Facebook e diventa fan! :-)
Lifferia è anche su TwitterGoogle+ e Pinterest!

Torna alla HOME PAGE oppure naviga tra le RICETTE
…e non dimenticare di iscriverti alla NEWSLETTER GRATUITA di Lifferia.

8 Commenti su Stecche con pepe nero e aglio

  1. A Perugia viene sempre servita questa gustosa schiacciatina al rosmarino in attesa del pasto e si può gustare con formaggi o salumi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.