Polpette di pollo al limone

Della mia infanzia, ricordo con affetto le polpette che mi preparava la mamma. Le chiamava le polpettine, un nome vagamente fraudolento se si pensa alle sue dimensioni: credo che usasse il diminutivo, per il gusto di usarlo, un po’ come accadeva per le frittelline. Faceva più o meno sempre le stesse polpette, a base di carne di manzo, e le friggeva. Ma nell’attesa che formasse le palline, che poi schiacciava con le mani, io e il papà andavamo a rubare il “pesto” delle polpette, e cioè l’impasto che lei appallottolava. Ben amalgamato, con la forchetta ladra raccoglievamo un po’ di questo composto e lo mettevamo su una fetta di pane e lo mangiavamo così, crudo. Ed anche se qualche lettore inorridirà al pensiero, per me era una cosa buonissima. Un piacere che appartiene al passato, come una fotografia, perchè immagino siano cambiati i miei gusti, o chissà per cos’altro.

Sta di fatto che mi capita spesso di preparare le polpette, con la carne di manzo, ma anche con altre carni: sono simpatiche da vedersi, gustose da mangiare e sono, in molti casi, anche un buon modo per recuperare una carne avanzata e cambiarle faccia. Fritte, lessate, piastrate, fatte col sugo e persino al microonde: senza nessuna remora le preparo in ogni modo e, man mano, avrò modo di raccontarle qui.

Oggi, ad esempio, ho preparato le polpette di pollo al limone: la carne di pollo ha molteplici vantaggi; per esempio, ha pochi grassi e, quei pochi, sono per lo più polinsaturi, contiene poco colesterolo ed è ricca di proteine nobili utilissime al nostro organismo. Perchè non farne delle gustosissime polpette? E perchè non dare loro una marcia in più con una nota agrumata? :-)

Polpette di pollo al limone

•••••

polpette di pollo al limone

ingredienti

400 g di petto di pollo (o di carne macinata di pollo)
40 g di Parmigiano Reggiano
2 cucchiai di prezzemolo tritato
uno spicchio d’aglio
un uovo
un limone non trattato
olio di semi per friggere
qualche cucchiaio di pangrattato
sale, pepe

procedimento

Lavare ed asciugare il limone; con un rigalimoni (o anche un pelapatate), asportare la buccia del limone, avendo cura di non raccogliere la parte bianca: conferirebbe un sapore eccessivamente amaro alla preparazione. Tritare molto finemente la buccia.

Macinare la carne di pollo, a meno che non abbiate acquistato carne già macinata, e radunarla in una terrina; unire l’aglio passato allo spremiaglio, il Parmigiano Reggiano grattugiato, il prezzemolo, l’uovo e la scorza di limone; salare, pepare e mescolare accuratamente, fino ad ottenere un composto omogeneo.

Inumidirsi le mani e prelevare un po’ del composto preparato e formare una polpetta della dimensione desiderata: io ho usato circa un cucchiaio di impasto per ogni polpetta. Rotolare la polpetta nel pangrattato e disporla in un piatto in attesa della cottura. Proseguire in questo modo fino ad esaurimento del composto.

In una larga padella, scaldare abbondante olio di semi: quando, buttando un pizzico di pangrattato reagirà subito in superficie, l’olio sarà pronto per ricevere le polpette (circa 170°C). Friggere le polpette e, a cottura ultimata, prelevarle con una schiumarola e trasferirle su carta assorbente per eliminare l’unto in eccesso.

Servire accompagnate alle fette del limone e, magari, da una leggera e saporita insalatina.

•••••

Polpette di pollo al limone

Se ti è piaciuta questa ricetta e vuoi rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità della Lifferia,
seguimi sulla pagina Facebook e diventa fan! :-)
Lifferia è anche su TwitterGoogle+ e Pinterest!

Torna alla HOME PAGE oppure naviga tra le RICETTE
…e non dimenticare di iscriverti alla NEWSLETTER GRATUITA di Lifferia.

4 Commenti su Polpette di pollo al limone

  1. ciao Debora sicuramento entro domani forò queste polpette mi ispirano tanto, hai ragione la cucina Emiliana è buonissima avevo anche io il Papà Emiliano e faceva di quelle cose mi puoi midire il nome di quel secondo fatto con tt cipollee copn sopra l’uovo? Baci

    • Ciao Luisa, se ti fa piacere fammi sapere come è andata con le polpette. :)
      Riguardo al piatto emiliano di cui mi chiedi informazioni, pensando a “tante cipolle” mi viene in mente il friggione bolognese, nel quale però non è previsto l’uovo: assomiglia un po’ ad una crema di cipolle. Esiste anche la siguleda, in cui le uova sono presenti, ma insieme ai cipollotti freschi (e non alla cipolla) ed è una sorta di frittata di cipollotti.
      Il piatto che mi descrivi sembra essere differente da questi che ti ho citato: mi sai dare qualche informazione in più per capire meglio di cosa si tratti?

      A presto e buona domenica!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.