BRASATO DI MANZO AL VINO ROSSO

Il brasato di manzo al vino rosso è una preparazione classica della cucina italiana. Tutti conosciamo, o abbiamo sentito parlare, del brasato al Barolo vero?! Ecco questa è una versione più economica, ma altrettanto buona. Non ho usato il Barolo, ma un vino rosso più alla mia portata, l’importante che non sia “acido” perciò va bene anche il Nebbiolo, il Barbera o il Barbaresco.

brasato di manzo al vino rosso
brasato di manzo al vino rosso
  • DifficoltàFacile
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di riposo30 Minuti
  • Tempo di cottura3 Ore
  • Porzioni4 porzioni
  • Metodo di cotturaCottura lenta
  • CucinaItaliana

Ingredienti

1 kg manzo (cappello del prete )
0.75 l vino rosso (Barbera – 1 bottiglia)
1 cipolla bianca
50 g carote
50 g sedano
6 chiodi di garofano
Mezzo spicchio aglio (senza anima)
1 pizzico noce moscata
1 pizzico cannella in polvere
1 pizzico pepe nero
1 pizzico sale
q.b. burro

Strumenti

1 Bacinella
1 Colino
1 Pentola
1 Frullatore / Mixer
Pellicole per alimenti

Preparazione del brasato di manzo al vino rosso

Per prima cosa, ed è fondamentale, bisognerà far riposare la carne per minimo 12 ore immersa nella marinatura. Perciò iniziamo la sera prima, se vogliamo preparare il nostro brasato di manzo al vino rosso per il pranzo del giorno dopo.

Prendiamo una bacinella e mettiamo al suo interno il pezzo di carne. Prendiamo poi la carota ed il sedano, li puliamo e li tagliamo a dadini piccoli, invece la cipolla la sbucciamo, la tagliamo a metà e gli incastriamo dentro i chiodi di garofano (così sarà più facile trovarli e non si disperderanno nella marinatura). Mettiamo insieme alla carne e uniamo anche il mezzo spicchio di aglio.

Insaporiamo con il pepe, la noce moscata e la cannella (pochissima) e massaggiamo la carne. Ora versiamo la bottiglia di vino nella ciotola, chiudiamo con la pellicola trasparente e mettiamo in frigorifero per 12 ore (o anche di più)

Trascorso il tempo, togliamo la carne dalla marinatura, e mettiamo da parte. Prendiamo un colino e passiamo il liquido, teniamo da parte anche questo. Le verdure che rimangono non buttatele, togliamo invece i chiodi di garofano alla cipolla, e mettiamo da parte.

Ora calcolate che ci vogliono 3 ore per la cottura, più almeno 30 minuti di riposo, perciò organizzatevi voi con i tempi. Prendiamo una padella, mettiamo al suo interno il burro e lo facciamo sciogliere, poi uniamo la carne e la facciamo dorare da entrambi i lati.

Prendiamo un frullatore e frulliamo le verdure insieme al vino, se rimangono dei pezzettini non vi preoccupate. Versiamo poi sopra la carne e abbassiamo la fiamma. Cuocere per 3 ore rigirandola ogni tanto. Se vedete che il liquido si sta asciugando troppo aggiungere un pò di acqua.

Trascorse le tre ore, spegnere e lasciare riposare per 30 minuti. Poi togliere la carne e tagliarla a fette. Mentre il sughetto bisognerà addensarlo, perciò aggiungiamo un cucchiaio abbondante di farina, mescoliamo con una frusta a fiamma medio–alta.

Ora il nostro brasato di manzo al vino rosso è pronto. Servire le fette di carne con della polenta e un pò di sughetto.

Se invece preferite la carne di vitello, qui trovate la ricetta del brasato di vitello al vino rosso

Note

I vini rossi che si possono usare sono il Barolo, il Nebbiolo, il Barbera o il Barbaresco.

I tagli di carne consigliati sono il cappello del prete (come ho usato io) oppure un taglio di carne di manzo che abbia un buon bilanciamento tra parte magra e grassa, perciò chiedete al vostro macellaio cosa vi può consigliare in alternativa.

La marinatura deve essere minimo di 12 ore in frigorifero, se di più, è anche meglio.

Possiamo usare anche del rosmarino o delle bacche di ginepro.

Potete seguirmi su FACEBOOK cliccando QUI e lasciando il LIKE alla pagina

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da ledolcezzedimammanene

Sono una "pasticciona" sempre con le mani in pasta... Mi diverte cucinare per le persone che amo, e adesso lo posso fare a tempo pieno! La mia passione, l'amore per il cibo e per la cucina mi è stato trasferito dalla mia nonna, che giornalmente preparava pasta fresca e leccornie per tutti. Cucinare e pasticciare mi rilassa... ma non sono sola, con me c'è il mio inseparabile Bimby!!! Un aiuto indispensabile!!! Adesso posso dire grazie nonna... grazie bimby ;) vi lovvo!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.