Puntarelle alla romana

Un contorno facilissimo da fare, che troviamo molto spesso sulle tavole romane nei giorni di feste importanti, come Natale e Pasqua, ma anche sulla tavola di tutti i giorni, molto gustoso e dai sapori forti. Le puntarelle, molti non sanno che sono nient’altro che le parti più tenere e fresche di quello che noi a Roma chiamiamo il cicorione (la cicoria o meglio catalogna spigata) e girando in questo periodo  per i vari mercati  rionali iniziano a farsi vedere sui banchi dei fruttivendoli e ci saranno fino a primavera.
Per chi come me non ama molto pulire la verdura, si trovano anche le puntarelle pulite, sia nei mercati che nei supermercati.

Gli ingredienti per le Punterelle alla romana sono:

500 gr di puntarelle pulite
6/7  alici sott’olio
uno spicchio di aglio
aceto di vino bianco
olio evo 
sale e pepe q.b.
 
Io come ho già accennato sopra, ho comprato le puntarelle già pulite, se no, se volete farvele da soli dovete prendere il mazzo di verdura, togliere le foglie esterne grandi e dure ed arrivare così a quelle interne, tenere, di colore verdi chiaro e sono queste le puntarelle, che andrete a tagliare dal ceppo, poi le taglierete e le metterete in una ciotola con acqua con ghiaccio per circa 30 minuti, o comunque fino a quando vedrete che si arricciano. (la parte della cicoria che avete tolto non buttatela, lessatela, scolatela, strizzatela e ripassatela in padella con aglio, sale, olio e peperoncino)
Prendete le alici, lo spicchio di aglio e iniziate a schiacciare questi ingredienti se ce lo avete con l’aiuto di un  mortaio, se no fate come ho fatto io, quindi con un cucchiaio in una ciotolina fino ad ottenere una crema.
Alla crema di alici ottenuta unite il pepe macinato e un pochino di olio e girate la crema e versatela sulle puntarelle lavate e strizzate.
Amalgamate bene il tutto, poi aggiungete il sale e l’aceto q.b. e continuate a girare bene la verdura: io faccio questa operazione con le mani, perchè riesco meglio ad insaporire le puntarelle in modo equo.
Ed ecco le mie Puntarelle alla romana

 

 

puntarelle alla romana

Precedente Frittata di patate Successivo Conchiglie gratinate con broccoli e salmone

12 commenti su “Puntarelle alla romana

    • lacucinadivane il said:

      eh, le puntarelle vengono buone solo a Roma!!scherzo, forse hai mangiato una cicoria amara…cmq grazie per la visita!

    • MIra, vedi che le puntarelle a differenza della Cicoria, che può essere amara quando è selvatica, non lo sono, sono molto tenere e delicate, e se noti il condimento non è proprio dei più delicati, proprio per questo motivo.

      Brava Vane. Puntarelle preparate alla maniera classica 😀

  1. vickyart il said:

    che buoneee! io le mangiavo sempre a roma! le trovavo già pulite, comodo davvero! io le mangiavo così senza niente ma mi ricordo che i vicini di casa li condivano con le alici!

    • lacucinadivane il said:

      ecco, allora allo scatolone con colla di pesce e pistacchi, aggiungiamo un mezza tonnellata di puntarelle…..ahahah!!!guarda che non scherzo, se un giorno capito dalle tue parti ti porto tutto…e tu cucini!!!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.