Crea sito
I pasticci di casa mia

Pollo all’arancia cotto a bassa temperatura

Pollo all’arancia cotto a bassa temperatura, questo è il mio primo esperimento con le cotture a bassa temperatura e mentre vi scrivo (sono le 2 di notte), non so neppure com’è riuscito, l’ho già cotto, ma non l’ho tolto dall’involucro, voglio lasciarlo così, sino a domani mattina,voglio fare una foto decente per voi, anzi prima lo assaggerò, se ne è valsa la pena continuerò questo articolo, altrimenti dovrò aspettare il prossimo tentativo.

Pollo all'arancia cotto a bassa temperatura
Pollo all’arancia cotto a bassa temperatura

Pollo all’arancia cotto a bassa temperatura

Ingredienti

1 petto di pollo
3 arance
gr. 30 marsala
erbe aromatiche (maggiorana, rosmarino, timo, zenzero, cumino, ..fate un po’ voi, secondo i vosri gusti)
sale
pepe
1 sacchetto per la cottura in forno

Preparazione
    • Preparate la marinatura, in una ciotola versate il succo e la buccia grattugiata di 3 arance, il marsala, un cucchiaino colmo di sale fino, le erbe aromatiche, io ho abbondato con lo zenzero in polvere, ne ho messo 1 cucchiaino e il pepe, rimescolate affinche si sciolga il sale
    • controllate il petto di pollo nell’eventualità che ci sia qualche ossicino, privatelo degli scarti e immergetelo nella marinatura, dopo circa un’ora rigiratelo, io l’ho lasciato marinare 3 ore e 30

      Marinatura
      Marinatura
    • a questo punto, sgocciolatelo, tamponatelo con carta assorbente e inseritelo nel sacchetto (ci vorrebbe la macchina che fa il sottovuoto, ma io non ce l’ho, per cui mi arrangio come posso) cercate di far uscire più aria possibile, poi legatelo stretto

      Pronto per la cottura
      Pronto per la cottura
    • accendete il forno a 80°, ponete il pollo dentro una teglia e cuocetelo per ore 2 – 2, 15, non occorre controllare nulla, passate le due ore spegnete il forno e lasciatelo raffreddare nel sacchetto. Ora però vi dico buonanotte, e ci risentiamo …. se l’esperimento è ben ruscito, … domani.

Riecccomi, sono nuovamente le due di notte, purtroppo, ho tempo solo di notte da dedicare al blog.  L’esperimento è ben riuscito, carne tenerissima, saporita e tanto succosa, mai assaggiato una carne così, se la servite calda tutti gli aromi saranno ben esaltati, è ugualmente buona fredda, oppure tagliata sottilissima come fosse un salume, servita come antipasto o per farcire dei tramezzini con qualche foglia di insalata. La foto ovviamente è orribile, l’attesa è stata inutile.
Con questo tipo di cottura, è inutile dire che gli alimenti conservano tutte le loro proprietà nutrizionali, ma non solo anche il gusto ci guadagna, non disperdendosi nella pentola
Voglio fare qualche altro esperimento con altri alimenti, visto che non occorre avere macchinari sofisticati e costosi, ma solo un po’ di tempo a disposizione.

Se ti piacciono le mie ricetta seguimi anche su Facebook sulla mia pagina I pasticci di casa mia rimarrai sempre aggiornato su tutti i miei articoli. Mi raccomando per visualizzare i miei articoli clicca mi piace sulla pagina, grazie.

Pubblicato da ipasticcidicasamia

Mi chiamo Silvana, non più giovanissima, sposata, con due figli ormai grandi, Fabio e Valentina. Fabio vive e lavora lontano da casa, Valentina, studentessa universitaria, vive ancora in famiglia. Ho un lavoro a tempo pieno da ben 36 anni, in una pubblica amministrazione e una grande passione: la cucina. In questa mia passione ho coinvolto Valentina che si diletta con me in cucina. Siamo due pasticcione impunite. Ci divertiamo molto a cucinare insieme, ma sopratutto a bisticciare. Vi chiederete perchè pasticcione, semplice, non abbiamo entrambe alcuna cognizione sulla coreografia del piatto, riusciamo a fare buone ricette, ma la presentazione lascia sempre molto a desiderare. Il nostro motto: Non sempre belli, ma sempre buoni. Mi auguro che anche voi, sperimentando le nostre ricette, concordiate con noi sulla bontà e non sull'aspetto. Dimenticavo una cosa importante, ma mi raccomando non ditelo a Valentina, spesso io mi prendo il merito delle sue ricette :) La nostra pecca? La coreografia dei piatti è per noi qualcosa di veramente sconosciuto. Pazienza, la speranza è l'ultima a morire. Un giorno, forse.... miglioreremo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »