Crea sito
I pasticci di casa mia

Insalata di patate e cozze

A Bari fanno la tiella di riso, patate e cozze e io ho pensato, perché non togliere il riso e fare un piatto fresco, estivo trasformandolo in una insalata di patate e cozze? Ed ecco qui l’insalata di patate e cozze, manca solo il riso e poi patate, cozze, pomodorini, prezzemolo, c’è tutto, in un piatto veramente saporito.

Insalata di patate e cozze
Insalata di patate e cozze

Insalata di patate e cozze

Ingredienti per 4 persone

kg. 1 patate
kg. 1 cozze
12 pomodorini
1 cucchiaio di prezzemolo tritato
olio evo q.b.
sale q.b.

Preparazione

Non so se è per l’abitudine pluridecennale, a preparare sempre il pranzo la sera prima, visto che di mattina lavoro, fatto sta che, indipendentemente se è lunedì o sabato, preferisco cucinare di sera o meglio ancora, di notte, ovviamente le cozze me le sono preparate la sera prima. Comunque lasciando perdere le mie abitudini notturne, quando acquistate delle cozze, e in generale i frutti di mare, ricordate sempre di cuocerli subito, non rischierete di avere brutte sorprese il giorno dopo. Bene che vi vada, si sono raggrinzite, perché stando in frigorifero, perderanno parte dei loro fluidi, diventando piccole e striminzite e poco appetibili.
Quindi, per la pulizia e la cottura delle cozze, vi rimando ad altri articoli, ultimamente non ho voglia di ripetere sempre le stesse cose, leggetevi tagliolini al cacao con cozze e vongole che è tra i più recenti oppure altri articoli simili, ma più vecchi, mettendo la parola “cozze” nella ricerca.
Le patate andrebbero lessate, con la buccia, in acqua fredda, dopo averle lavate accuratamente, però occorre circa un’ora per cuocerle, poi lasciarle intiepidire, sbucciarle e tagliarle a cubotti o a fettine. Io, per velocizzare il tutto, ho messo a bollire dell’acqua, e nel frattempo le ho sbucciate, lavate e tagliate già a cubotti, Quando l’acqua è arrivata a bollore, ho salato e ho versato le patate, dalla ripresa dell’ebollizione ho contato 10 minuti, poi le ho scolate.
Le ho versate subito in una ciotola e le ho condite con olio, onde evitare che si attaccassero tra loro.
Sicuramente avrete seguito il mio consiglio e le cozze, ve le ritrovate già in un bel contenitore, sommerse dal loro liquido di cottura, scolatele, e unitele alle patata, spolverizzate di prezzemolo e rimescolate per bene e lasciate raffreddare.
Nel frattempo che le patate si raffreddano, preparate in un’altra ciotola i pomodorini, che avrete precedentemente lavato, tagliandoli a cubetti e condendoli con un filo d’olio evo e sale.
In questo modo, si insaporiranno, ma non si ammosceranno con il calore delle patate.
Quando le patate si saranno ben raffreddate, aggiungete i pomodori, amalgamate e lasciate riposare in frigorifero per un’altra ora, prima di servire, in questo modo tutti i sapori si amalgamano per bene.
Mi scuso per le spiegazioni, abbastanza contorte di oggi, ma a quanto pare la fretta di rientrare al lavoro, i rientri pomeridiani non mi piacciono, preferirei fare la pennichella, e un’inc@@@@ presa appena sono tornata a casa, mi ha spinto ad essere, per così dire poco simpatica. E già che ci siamo, con aria polemica, vi invito ad iscrivervi a questo blog, così vi arriva via mail la notifica di ogni mio nuovo articolo,……… e dai, movimentiamolo un po’.  Compilate il modulo qui a destra. Sono gentile non vi invito neppure a mettere il vostro mi piace alla mia pagina Facebook I pasticci di casa mia
[contact-form-7 404 "Non trovato"]

Pubblicato da ipasticcidicasamia

Mi chiamo Silvana, non più giovanissima, sposata, con due figli ormai grandi, Fabio e Valentina. Fabio vive e lavora lontano da casa, Valentina, studentessa universitaria, vive ancora in famiglia. Ho un lavoro a tempo pieno da ben 36 anni, in una pubblica amministrazione e una grande passione: la cucina. In questa mia passione ho coinvolto Valentina che si diletta con me in cucina. Siamo due pasticcione impunite. Ci divertiamo molto a cucinare insieme, ma sopratutto a bisticciare. Vi chiederete perchè pasticcione, semplice, non abbiamo entrambe alcuna cognizione sulla coreografia del piatto, riusciamo a fare buone ricette, ma la presentazione lascia sempre molto a desiderare. Il nostro motto: Non sempre belli, ma sempre buoni. Mi auguro che anche voi, sperimentando le nostre ricette, concordiate con noi sulla bontà e non sull'aspetto. Dimenticavo una cosa importante, ma mi raccomando non ditelo a Valentina, spesso io mi prendo il merito delle sue ricette :) La nostra pecca? La coreografia dei piatti è per noi qualcosa di veramente sconosciuto. Pazienza, la speranza è l'ultima a morire. Un giorno, forse.... miglioreremo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »