Crea sito
I pasticci di casa mia

Linguine seppioline e gamberetti

Con un po’ di organizzazione, anche quando non si ha il tempo di far la spesa, si possono realizzare degli ottimi piatti,e le linguine seppioline e gamberetti è appunto una di queste. Per la preparazione di questa ricetta sono stati usati solo prodotti surgelati, e il risultato è stato sorprendente. Ovviamente il prodotto fresco dà risultati migliori, ma se acquistiamo dei surgelati di buona qualità possiamo ottenere degli ottimi piatti. Gli impegni di lavoro, famiglia, casa o imprevisti di qualsivoglia natura a volte ci tolgono il tempo necessario a far la spesa, organizziamoci e accendiamo i fornelli.

Linguine seppioline e gamberetti
Linguine seppioline e gamberetti

Linguine seppioline e gamberetti

Ingredienti

gr. 350 linguine o bavette
gr. 450 seppioline surgelate
gr. 200 gamberetti surgelati
5 o 6 pomodorini
1/2 bicchiere di vino bianco
4 cucchiai olio evo
1 spicchio d’aglio
sale q.b.
pepe q.b.
prezzemolo surgelato q.b.

Preparazione

  • Fate scongelare gamberetti e seppioline se ne avete il tempo, altrimenti pazienza si può fare ugualmente, si allungheranno un po’ i tempi di cottura
  • in una padella mettete l’olio e l’aglio schiacciato e fate rosolare
  • quando l’aglio sarà ben rosolato aggiungete le seppioline e fate cuocere a fiamma vivace, attenzione non salate, molte marche surgelano le seppioline col sale,
  • mettete intanto a bollire l’acqua per la pasta
  • quando il liquido che avranno prodotto si è del tutto evaporato aggiungete i gamberetti e fateli rosolare
  • quando non vi è più liquido, sfumate col vino bianco
  • una volta evaporato l’alcol, aggiungete i pomodorini tagliati a spicchi o a cubetti
  • fate cuocere sino a che i pomodorii non si siano ammorbiditi
  • controllate di sale
  • a fine cottura pepate e aggiungete il prezzemolo tritato se l’avete fresco bene, altrimenti quello surgelato va benissimo
  • scolate la pasta al dente, tenendo da parte un po’ d’acqua di cottura e versatela nelle seppioline e gamberetti e spadellate, se occorre, dovesse risultare troppo asciutta aggiungete qualche cucchiaio d’acqua di cottura della pasta.

Questo articolo vuol essere un valido aiuto per chi non ha tempo, per chi va a vivere da solo, studenti e lavoratori o per le giovani spose che ancora non hanno l’esperienza per destreggiarsi tra i fornelli. Per chi sta per andare a vivere da solo consiglio di leggere questo articolo: Organizzare la cucina, può essere un valido aiuto a destreggiarsi tra i fornelli e non solo.
Se ti è piaciuta questa ricetta seguimi anche su Facebook sulla mia pagina I pasticci di casa mia rimarrai sempre aggiornato su tutti i miei articoli. Mi raccomando per visualizzare i miei articoli clicca mi piace sulla pagina, grazie.
Se invece vuoi farmi qualche domanda, o lasciarmi semplicemente un commento, compila il modulo che trovi qua sotto. Ciao e alla prossima ricetta. [contact-form-7 404 "Non trovato"]

Pubblicato da ipasticcidicasamia

Mi chiamo Silvana, non più giovanissima, sposata, con due figli ormai grandi, Fabio e Valentina. Fabio vive e lavora lontano da casa, Valentina, studentessa universitaria, vive ancora in famiglia. Ho un lavoro a tempo pieno da ben 36 anni, in una pubblica amministrazione e una grande passione: la cucina. In questa mia passione ho coinvolto Valentina che si diletta con me in cucina. Siamo due pasticcione impunite. Ci divertiamo molto a cucinare insieme, ma sopratutto a bisticciare. Vi chiederete perchè pasticcione, semplice, non abbiamo entrambe alcuna cognizione sulla coreografia del piatto, riusciamo a fare buone ricette, ma la presentazione lascia sempre molto a desiderare. Il nostro motto: Non sempre belli, ma sempre buoni. Mi auguro che anche voi, sperimentando le nostre ricette, concordiate con noi sulla bontà e non sull'aspetto. Dimenticavo una cosa importante, ma mi raccomando non ditelo a Valentina, spesso io mi prendo il merito delle sue ricette :) La nostra pecca? La coreografia dei piatti è per noi qualcosa di veramente sconosciuto. Pazienza, la speranza è l'ultima a morire. Un giorno, forse.... miglioreremo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »