Crea sito
I pasticci di casa mia

Pesche sciroppate

Pesche sciroppate
Pesche sciroppate
Pesche sciroppate

Come vi avevo detto nella ricetta della marmellata di pesche, ho preparato anche le pesche sciroppate, che possiamo consumare così, come fa mia figlia, golosissima appunto di pesche sciroppate, oppure utilizzarle per altre preparazioni più complesse o come accompagnamento a del gelato alla vaniglia.
In inverno, soprattutto nel periodo natalizio si trovano in commercio le pesche, che provengono chissà da dove e naturalmente saranno state trattate con prodotti antimuffa o simili. Meglio le nostre pesche a km 0 conservate ora, se poi le abbiamo acquistate dal contadino o da rivenditori di prodotti biologici, ancora meglio.

La procedura per la realizzazione delle pesche sciroppate è molto semplice e neppure molto lunga, tranne che per il tempo di sterilizzazione, in circa 2 ore riusciremo a preparare la nostra conserva.

Ingredienti

Kg. 1.700 circa di percoche (una volta pulite e private del nocciolo saranno circa 1 kg)
1 litro d’acqua
Gr. 400 zucchero semolato
Vasetti con tappo a vite sterilizzati a bocca larga
Pressini antimuffa (facoltativi)

Preparazione

  • Le percoche devono essere mature al punto giusto, sane e sode, naturalmente potete utilizzare le pesche che preferite, ma questa varietà sono le più adatte.
  • Portate a bollore dell’acqua (che non è quella che servirà per lo sciroppo) in una pentola capiente, versate le pesche, fate riprendere il bollore e scottatele per circa 3 minuti.
  • Con una schiumarola scolatele in una ciotola e passatele sotto il getto dell’acqua fredda.
  • Mettete in una pentola il litro d’acqua e lo zucchero portate a bollore e fate andare per 5 minuti.
  • Sbucciate delicatamente le pesche, con la scottatura dovrebbe andare via facilmente.
  • Con un coltellino affilato, tagliatele a metà e separatele, togliete il nocciolo
  • Mettetele direttamente nei barattoli sterilizzati, cercando di lasciare meno spazi possibili, arrivando ad un centimetro dal bordo.
  • Ricoprite le pesche con lo sciroppo di zucchero, sbattete un pochino i barattoli sul tavolo, per far uscire eventuali bolle d’aria.
  • Ricopritele completamente con lo sciroppo, mettete i pressini con le punte rivolte verso l’alto e chiudete bene.
  • Date ancora qualche colpetto per far venire in superficie eventuali bolle d’aria residue.
  • Prendete una pentola capiente, ricoprite il fondo con un canovaccio e metteteci i barattoli, inframmezzandoli con altri canovacci, affinché durante la sterilizzazione non si urtino tra loro, ricopriteli d’acqua e metteteli sul fuoco.
  • Portate a bollore e lasciate sterilizzare per 30 minuti.
  • Spegnete il fuoco e lasciateli nella pentola sino a completo raffreddamento.
  • A questo punto riponeteli al buio in luogo fresco e asciutto.
  • Le nostre pesche sciroppate saranno pronte per essere gustate dopo due settimane.

Pubblicato da ipasticcidicasamia

Mi chiamo Silvana, non più giovanissima, sposata, con due figli ormai grandi, Fabio e Valentina. Fabio vive e lavora lontano da casa, Valentina, studentessa universitaria, vive ancora in famiglia. Ho un lavoro a tempo pieno da ben 36 anni, in una pubblica amministrazione e una grande passione: la cucina. In questa mia passione ho coinvolto Valentina che si diletta con me in cucina. Siamo due pasticcione impunite. Ci divertiamo molto a cucinare insieme, ma sopratutto a bisticciare. Vi chiederete perchè pasticcione, semplice, non abbiamo entrambe alcuna cognizione sulla coreografia del piatto, riusciamo a fare buone ricette, ma la presentazione lascia sempre molto a desiderare. Il nostro motto: Non sempre belli, ma sempre buoni. Mi auguro che anche voi, sperimentando le nostre ricette, concordiate con noi sulla bontà e non sull'aspetto. Dimenticavo una cosa importante, ma mi raccomando non ditelo a Valentina, spesso io mi prendo il merito delle sue ricette :) La nostra pecca? La coreografia dei piatti è per noi qualcosa di veramente sconosciuto. Pazienza, la speranza è l'ultima a morire. Un giorno, forse.... miglioreremo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »