Crea sito

Pizza di scarole con olive nere e mozzarella

Pizza di scarole con olive nere e mozzarella.

Piatto tipico napoletano, la pizza di scarole può essere servita sia calda che fredda, ideale per buffet, ottima come piatto unico.

La mia versione è col lievito naturale, quindi i tempi di lievitazione sono lunghi, se volete usare il lievito di birra troverete la mia dose nella descrizione, ma sempre per lievitazione lunga.

Andiamo ad impastare.

  • Preparazione: 24 Ore
  • Cottura: 40 Minuti
  • Difficoltà: Medio
  • Porzioni: 8 persone
  • Costo: Basso

Ingredienti

Impasto

  • 600 g Farina Sprint Amalfi Petrucci
  • 60 g pasta madre rinfrescata
  • 350/400 g Acqua
  • 15 g Sale
  • 4 cucchiai Olio

Ripieno

  • 1 kg Scarole
  • 1 Cipolla
  • q.b. Olio di oliva
  • q.b. Sale
  • 200 g Mozzarella
  • 150 g Olive nere

Preparazione

  1. Se volte fare la pizza di scarola per la cena del giorno dopo, iniziate con rinfresco della pasta madre nel primo pomeriggio, al raddoppio procedete con la preparazione dell’impasto.

  2. Mettete in planetaria la farina, la pasta madre spezzettata ( potete sostituire con 2 g di lievito di birra) e metà dell’acqua in dotazione, fate partire a velocità 2. Man mano unite l’acqua necessaria, regolatevi potrebbe non servire tutta o ne potrebbe servire altra, unite l’olio e per ultimo il sale, consiglio di fare un impasto abbastanza morbido.

    Trasferite l’impasto in ciotola e fate, sempre nella ciotola 3 giri di pieghe ogni 30 minuti.

    Dopo le pieghe, coprite con pellicola o con coperchio e fate raddoppiare a temperatura ambiente. Ci vorrà tutta la notte, ricordate con i lievitati non bisogna avere fretta.

    Mentre in nostro impasto lentamente lievita, prepariamo il ripieno per la pizza di scarole.

    Lavate e tagliate la scarola, in una padella fate appassire la cipolla con poco olio, unite le scarole, coprite con un coperchio e appena appassisce salate.

    Una volta cotta, mettete le scarole a scolare in uno scolapasta, devono perdere tutti i liquidi della cottura.

  3. Al raddoppio, fate ancora un giro di pieghe in ciotola e rifate lievitare, ci vorranno ancora un paio di ore, ( questo passaggio si può anche evitare).

    Trasferite l’impasto, senza maltrattarlo sul piano di lavoro e dividetelo in due parti uguali, pirlate delicatamente e mettete a lievitare in due ciotole unte di olio. 

    Quando l’impasto sarà lievitato, ungete con pochissimo olio una teglia di 30 cm, prendete una ciotola con l’impasto e capovolgetela sul piano infarinato, delicatamente con le mani allargate l’impasto e foderate la teglia, fate in modo che esca dai bordi.

    Farcite con le scarole, le olive nere e la mozzarella tagliata a tocchetti. Stendete l’altro impasto nello stesso, se volete con un coppa pasta fate un disegno al centro, coprite  e premete sui bordi per far si che le due pizze si uniscano. 

  4. Cuocete in forno preriscaldato a 250° x 20 minuti, come vedete che prende colore abbassate a 190° fino a cottura finale.

    Con impasto che avanzerà dai bordi, fate una pagnotta.

  5. pizza di scarole

    Se volete, per rimanere sempre aggiornati, seguitemi sulla mia pagina facebook:

    https://www.facebook.com/Gabriellaaifornelli/

  6. Sul link di seguito trovate una ricetta tipica siciliana: 

    https://blog.giallozafferano.it/gabriellaaifornelli/pane-cunzato-alla-trapanese/

Note

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.