Crema di Porro in pentola a pressione

Ormai avrete capito che le minestre di ogni tipo, creme, vellutate, passati mi fanno impazzire: oggi ho cucinato una fantastica crema di porro in pentola a pressione, con patate e rosmarino. Una vera delizia!

crema di porro
  • Difficoltà:Bassa
  • Preparazione:15 minuti
  • Cottura:10 minuti
  • Porzioni:4 persone
  • Costo:Basso

Ingredienti

  • Porri 1
  • Patate 3
  • brodo vegetale 300 ml
  • rosmarino 1 rametto
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • sale q.b.
  • Pepe q.b.

Preparazione

  1. Il procedimento per fare la crema di porro con la pentola a pressione è semplice e rapido: dopo aver tagliato a cubetti le patate le metto sul fondo della pentola a pressione a rosolare con un po’ di olio, poi aggiungo il porro precedentemente tagliato a rondelle, lascio insaporire il tutto e copro con il brodo vegetale già caldo.

  2. Chiudo la pentola a pressione con il suo coperchio e lascio andare a fiamma sostenuta finché non inizia a fischiare. A quel punto abbasso la fiamma e attendo 10 minuti.

  3. Dopo aver spento il fuoco, aspetto che la pentola sfiati completamente prima di aprirla. Prelevo un poco di brodo dalla pentola con un mestolo e un colino, mi serve per regolare la densità dopo aver ridotto in crema la minestra.

  4. Frullo il tutto con il frullatore a immersione, a questo punto aggiungo il rametto di rosmarino intero e riporto sul fuoco per un minuto. Se occorre regolo la densità aggiungendo un poco del brodo che avevo messo da parte. Tolgo il rametto di rosmarino,  verso nei piatti e aggiungo in ognuno abbondante parmigiano grattugiato.

Note

Il porro, parente della cipolla, ne condivide molte proprietà salutari: alleato dell’intestino poiché ricco di fibre, questo ortaggio contiene poche calorie, ma abbonda in vitamine e sali minerali, il suo consumo è infatti consigliato a chi è a dieta. Le virtù di questo ortaggio sono note fin dall’antichità ed erano in particolare i romani ad apprezzarle ritenendo il porro utile a mantenere la salute di gola e corde vocali oltre che a conciliare il sonno e ad avere doti afrodisiache.

Se ti è piaciuta la mia ricetta, seguimi anche sulla pagina facebook: Sara, elfa pasticciona

Precedente Castagnaccio Successivo Ciambelle alla cannella, la ricetta di mia mamma

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.