Crea sito

Come fare la pasta madre

Come fare la pasta madre. Il fascino della pasta madre,chi non lo subisce? Quel piccolo panetto vitale che racchiude sapori e profumi e rinasce ad ogni rinfresco. Apro il frigo e lo guardo orgogliosa perchè l’ho fatto io con le mie mani e nonostante sia giovane si fa valere ad ogni impasto! In questo post farò un passo passo della facilissima preparazione che ho seguito. Troverai tutti i passaggi spiegati giorno per giorno per arrivare ad un risultato perfetto e poi inizierà la grande avventura dei lievitati più soffici che ci siano.
Se ti interessa creare il LICOLI la pasta madre liquida che si rinfresca una volta al mese clicca quì
Andiamo insieme in cucina e poi…Tutti a tavola con Cinzia.
SEGUIMI ANCHE SU INSTAGRAM, NE VEDRAI DELLE BELLE, MI TROVI CLICCANDO QUI’
Potrebbe anche interessarti
LE BRIOCHE SICILIANE COL TUPPO LA RICETTA SOFFICISSIMA
VIENI A LEGGERE LA RACCOLTA DEDICATA AL PANE FATTO IN CASA, 25 RICETTE TUTTE PER TE

pasta madre,Oggi cucina nonna Virginia
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • CucinaItaliana

Vediamo insieme come fare la pasta madre

Ho iniziato a fare la pasta madre scegliendo di usare 100 g di farina manitoba (per il suo alto contenuto in proteine) in modo da avere un impasto piccolo e poco scarto nelle prime fasi.
Il riposo inizialmente è di 48 ore ad ogni rinfresco finchè si avrà in 4 ore il raddoppio del volume: quello sarà il segno che la vostra pasta madre è pronta per panificare. A me è successo dopo una settimana e mezzo ma l’ho usato solo dopo 2 settimane.
La parola d’ordine in ogni caso è “pazienza” qiundi vediamo passo passo la spiegazione

Giorno 1

  1. Come fare la pasta madre

    100 g di farina manitoba

    50 g di acqua tiepida

    1 cucchiaino scarso di miele

    Impasta acqua, farina e miele fino ad ottenere un panetto liscio che metteremo nella ciotola in vetro coperta da un panno umido e che lasceremo riposare in forno spento e chiuso per 48 ore .

    La temperatura ottimale è tra 18 e 25 gradi.

Giorno 3

  1. 100 g di impasto

    100 g di farina manitoba

    50 g di acqua tiepida

    Facciamo il primo rinfresco del nostro panetto che già dovrebbe avere qualche piccola alveolatura dopo 48 ore: sciogli l’impasto nell’acqua tiepida e dopo aggiungi la farina, impasta fino ad ottenere un panetto liscio che metterai in una ciotola in vetro o in un barattolo coperta da un panno umido e lascerai riposare sempre in forno chiuso e spento per 48 ore.

    Ti ricordo che la temperatura ottimale è tra 18 e 25 gradi.

Giorno 5

  1. 100 g di impasto

    100 g di farina manitoba

    50 g di acqua tiepida

    Trascorse le 48 ore farai lo stesso procedimento di rinfresco del giorno 3 finchè il piccolo impasto riuscirà a raddoppiare il suo volume in 4 ore: in pratica ogni tanto controlla la pasta madre per vedere se è raddoppiata di volume.

Giorni successivi

  1. Come fare la pasta madre

    Procedi con il rinfresco ogni 2 giorni fino a che noterai che raddoppia in 4 ore.

    Il raddoppio dell’impasto in 4 ore è il segnale che la pasta madre è attiva, questo potrebbe avvenire anche prima di una settimana e mezzo: quando noterai che raddoppia il volume in 4 ore inizia a fare dei rinfreschi giornalieri per una settimana.

  2. Trascorsi i sette giorni in cui hai rinfrescato ogni giorno potrai iniziare ad usare la pasta madre perchè è pronta!

Come rinfrescare la pasta madre pronta

  1. Questo lievito madre ha un rapporto acqua-farina di 1:2 quindi al rinfresco dovrai prendere una parte di farina e la metà di acqua: In pratica se il lievito madre da rinfrescare pesa 100 g andrà impastato sciogliendolo con 50 g d acqua e poi aggiungendo 100 g di farina.

  2. Ricorda sempre che la pasta madre per essere usata dev’essere attiva quindi toglila dal frigo, lasciala acclimatare a temperatura ambiente per un’ora poi rinfrescala eliminando la parte di sopra più dura e prendendo il cuore soffice ed alveolato poi lascia raddoppiare il volume (ci vogliono in genere 3-4 ore per un lievito in attività e bello vitale) ed infine impasta.

  3. Per tenerla vitale ed in salute rinfresca una volta a settimana, lascia riposare un’oretta fuori dal frigo poi copri con pellicola, bucherella e rimetti in frigo se non la usi.

  4. Come fare la pasta madre

    Tenere sotto controllo se raddoppia ed in quanto tempo è facilissimo: mettila in un barattolo appena rinfrescata e fai un segnetto con un pennarello oppure metti un elastico all’altezza della pasta madre, controlla dopo quanto tempo raddoppia.

  5. Ora che hai scoperto come fare la pasta madre non ti resta che metterti all’opera, buon impasto!!!

I miei consigli

Ricorda che per impastare si usa circa il 20 % di pasta madre rispetto al peso della farina: ad esempio su 1 kg di farina metteremo 200 g di lievito madre oppure su 500 g di farina metteremo 100 g di pasta madre.

Più frequentemente rinfreschi la tua pasta madre e più sarà attiva e vitale.

Nelle prime fasi quello che avanza dai rinfreschi io l’ho buttato mentre quando è diventata in forza l’ho aggiunto ad altri impasti che stavo facendo

4,2 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.