LESSATURA DEI CECI

 

LESSATURA DEI CECI

Ricetta di Piero Benigni

I ceci sono legumi molto usati, nutrienti, economici e di facile conservazione. La raccolta è estiva e quelli novelli si trovano a partire dall’autunno.

Ricordate che la loro durata è fino alla fine dell’anno che segue quello di raccolta.

Come contorno si considerano 50 grammi di ceci secchi per ogni commensale, 100 se ammollati e 150 se lessati e sgocciolati.

Per lessarli con un buon risultato basta seguire queste semplici regole.

la cucina di piero

http://blog.giallozafferano.it/pierobenigni/lessatura-dei-ceci/

  • Difficoltà:Bassa
  • Cottura:3–4 ore
  • Porzioni:50 g da secchi a ersona
  • Costo:Basso

Ingredienti

  • ceci secchi, aglio, sedano, olio

Preparazione

  1. LESSATURA DEI CECI

    Ricetta di Piero Benigni

    – La sera prima lavateli bene sotto l’acqua corrente e metteteli in ammollo in acqua salata come quella della pasta che li copra di due dita.

    – Al mattino sciacquateli bene e metteteli in un tegame con acqua fredda che li copra di due dita, senza aggiungere sale.

    – Aggiungete un rametto di rosmarino, 2 spicchi d’aglio, una costolina di sedano e un cucchiaio d’olio.

    – Accendete il fuoco e regolatelo molto basso. Meglio se mettete la reticella spandifiamma sotto il tegame.

    L’ebollizione deve arrivare dopo 30 – 40 minuti, non prima, e proseguire pianissimo, senza che i ceci si rincorrano nel tegame.

    In pratica dovranno solo sobbollire e si dovrà vedere solo una piccola colonna di bollicine che salgono.

    – Fate cuocere così, a tegame scoperto, per il tempo necessario, che sarà di almeno 3 ore, spesso di più, anche in ragione dell’età dei ceci.

    Più sono vecchi e più tempo richiede la cottura. Se tendessero ad asciugarsi, aggiungete qualche mestolino di acqua a bollore. A fine cottura regolateli di sale.

    I ceci ben cotti devono essere interi e con la buccia, teneri ma non papposi. Si servono ben caldi, con olio e pepe nero a disposizione.

     

Precedente GRIFI ALL'ARETINA Successivo LESSATURA DEI FAGIOLI

Lascia un commento