Pasta alla carlofortina

La pasta alla carlofortina è un piatto tipico di Carloforte, da cui prende il nome. Si tratta di un condimento a base di tonno, pesto e pomodorini. Solitamente, si dovrebbe usare il tonno fresco ma, ormai, la maggior parte delle persone la prepara con il tonno in scatola. Come formato di pasta, secondo me è meglio quella corta,  È ottima anche come pasta fredda.

pasta corta (caserecce, trofie)   350 gr.

Pesto   120 gr.

Tonno in scatola sott’olio di oliva   160 gr.

Pomodorini cherry   10-12

Olio extravergine di oliva

Aglio   1 spicchio

Pepe

Sale

Pasta alla carlofortina 06 RITAGLIATA LOGO DSC_0166

Per prima cosa, preparare il pesto. Trovate la ricetta QUI.

 

VERSIONE A CRUDO

Tagliare i pomodorini a picchietti.

Se si decide di usare il tonno in scatola, scolarlo dall’olio di conservazione (o, se piace, usarlo per condire), metterlo in una insalatiera e schiacciarlo con una forchetta.

Aggiungere un cucchiaio di olio o l’olio di conservazione del tonno

Unire il pesto e i pomodorini e mescolare bene.

Scolare la pasta e mescolare con il condimento preparato.

A piacere, ci sta benissimo una spolverata di pepe.

 

VERSIONE SALTATA IN PADELLA

In una padella, far imbiondire uno spicchio d’aglio intero (ricordarsi di toglierlo) con un pochino di olio extravergine di oliva.

Unire il tonno e far cuocere per 1-2 minuti al massimo. Spegnere il fuoco e unire i pomodorini.

Scolare la pasta e farla saltare un minuto in padella con il condimento.

Spegnere il fuoco e unire il pesto.

A piacere, ci sta benissimo una spolverata di pepe.

Seguire lo stesso procedimento se si decide di usare il tonno fresco.

Precedente Pesto alla genovese BIMBY Successivo Gelato Pan di stelle - Ricetta con il Bimby

2 commenti su “Pasta alla carlofortina

  1. Those that are different tend to prove themselves even just in this competition. Usually, when a willing aspirant satisfies all
    necessary responsibilities for 70-685 examination and effectively passes it,
    they’re then awarded particular certifications for it. Furthermore, when these cultures switch on the western diet, they begin to display the signs of these agricultural
    diseases.

Lascia un commento

*