Barchette di patate ripiene, ricetta senza forno

Con l’utilizzo di pochi e semplici ingredienti si può realizzare un piatto diverso e saporito, che può anche essere preparato in anticipo e gustato freddo! Deliziose barchette di patate ripiene, in questa ricetta vegetariana sono arricchite da un gustosissimo formaggio galbanino filante e da peperoni saltati in padella, ma voi potete utilizzare altre verdure o il condimento che preferite! Una ricetta simpatica, divertente e che non richiede l’uso del forno, per servire le patate bollite o per riutilizzare quelle avanzate da altre preparazioni 🙂

Barchette di patate ripiene | ricetta senza forno | La Bora Bianca

Ingredienti per 3 persone:

  • patate medie: 4
  • peperoni: 1
  • galbanino (formaggio a pasta morbida): a piacere (più ce n’è, meglio è :D)
  • cipolla: circa 10 g
  • prezzemolo: q.b.
  • olio e.v.o.: q.b.
  • sale: q.b.
  • pepe nero: q.b.
  • peperoncino: q.b.

Preparazione

Lavare le patate e metterle ancora con la buccia in una pentola piena d’acqua fredda, quindi lasciarle cuocere fino a quando risulteranno cotte, ma ancora sode.

Nel frattempo fare rosolare la cipolla tritata in padella con un po’ d’olio, quindi aggiungere il peperone tagliato a listarelle ed insaporire con sale, peperoncino e prezzemolo tritato. Lasciare cuocere per circa 15′-20′, fino a che i peperoni risulteranno ammorbiditi. A questo punto aggiungere del formaggio tagliato a cubetti e lasciarlo sciogliere un istante.

Pelare delicatamente le patate ormai cotte, tagliarle a metà e scavarle con l’aiuto di un cucchiaino, in modo da formare delle barchette. Condire con olio, sale e pepe nero, quindi mettere nella cavità altro formaggio tagliato a cubetti, infine riempire con il composto di peperoni. Il piatto è pronto per essere servito!

Precedente Pasta con pomodorini e ricotta salata, ricetta vegetariana Successivo Torta fredda allo yogurt, ricetta senza cottura nè colla di pesce

Un commento su “Barchette di patate ripiene, ricetta senza forno

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.