come utilizzare il lievito madre secco

 

buongiorno!!! dopo aver scritto tutte le operazioni da eseguire per essiccare il lievito madre e quindi non doverlo più rinfrescare ogni volta quando non si ha intenzione di utilizzarlo,oggi vi mostro come utilizzare il lievito madre secco … è importante sapere che non va utilizzato così com’è ma va riattivato…tutte le informazioni le ho trovate qui e ringrazio l’autore perché ho provato e …funziona!!! ma ecco come utilizzare il lievito madre secco….

innanzitutto attivatevi qualche giorno prima di volerlo utilizzare…prendete il vostro lievito madre secco (nel mio caso era solo una prova quindi ne ho utilizzato 60 gr calcolate che comunque con 75 gr di lievito madre secco una volta pronto ne avrete già a disposizione 260 gr) aggiungete acqua frizzante per 5/3(nel mio caso 100 ml) mescolate bene il tutto e lasciate riposare una notte…vedrete che il lievito madre formerà delle bollicine,è importante mescolare bene appena si mette l’acqua per far sciogliere tutti i granellini,a questo punto aggiungete la farina nella stessa quantità dell’acqua del giorno prima (nel mio caso 100 gr) mescolate bene coprite con garza o pellicola e attendete almeno 24 ore per poi procedere come d’abitudine con i rinfreschi ogni 24 ore…dopo 2-3 rinfreschi e magari un poco di miele per dare ‘forza’, il lievito madre è pronto per essere utilizzato…guardate il mio risultato…la prima foto è dopo aver aggiunto l’acqua e la seconda foto dopo 24 ore che ho aggiunto la farina….

come utilizzare il lievito madre seccocome utilizzare il lievito madre secco..

funzionaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!

ecco altre proporzioni per utilizzare questo metodo:

100 gr di lievito madre secco: aggiungere 166 ml di acqua frizzante e 166 gr di farina

150 gr di lievito madre secco: aggiungere 250 ml acqua frizzante e 250 gr di farina

per ottenere altri risultati fate questa operazione peso del lievito madre secco diviso 3 per 5 e otterrete la quantità di acqua da aggiungere e quindi quella di farina

esempio pratico…nel caso dei 150 gr di lievito madre secco fate 150:3=50×5=250 quindi aggiungere 250 ml di acqua frizzante e il giorno dopo 250 gr di farina

spero di essere stata chiara,per altri dubbi…io sono qui a rispondere,ciaoooo a presto!!!

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

29 commenti su “come utilizzare il lievito madre secco

  1. CARLA il said:

    BUON GIORNO
    innnanzitutto complimenti per il tuo blog…
    lo seguo con molto interesse.
    Io il lievito madre lo conservo in frigo e lo alimento per l’utilizzo una volta alla settimana… con 2/3 panifico e 1/3 lo conservo per la volta successiva.
    Saresti così gentile da spiegare come fare i rinfreschi ogni 24 ore nel caso del lievito essicato.
    grazie mille

    • @carla ciao!!! benvenuta nel mio blog e grazie per i complimenti sempre graditissimi!!! se decidi di essiccare il lievito madre è perché non lo utilizzi molto spesso,ad esempio d’estate quando non si ha voglia di accendere il forno,quindi dopo averlo essiccato come spiegato qui in pratica non devi più guardarci fino a quando deciderai di riusarlo….in quel momento lo riattivi come spiegato in questo articolo dove stiamo commentando e una volta pronto prosegui come fai di solito con i rinfreschi,io non lo tengo in frigorifero ma fuori quindi rimane più ‘sveglio’ e procedo con il rinfresco ogni 24 ore mentre se lo tieni in frigo puoi procedere con il rinfresco una volta a settimana come fai tu tranquillamente!!! spero di aver risposto alla tua domanda e di esserti stata utile…in caso contrario chiedi pure…sono qui!!! ciao a presto!!!

  2. cristina il said:

    ciao, io non l’ho mai fatto, ma vorrei provare visto che faccio sempre focaccie ,pizze e torte lievitate tipo la torta delle rose. una cosa non mi è chiara: quando dici rinfrescarlo, aggiungo sia l’acqua che la farina in ugual misura? scusa, ma sono un tantino dura!!! =)

    • @cristina ciao!!! no tranquilla magari non mi sono spiegata bene io…quando il lievito è secco e vuoi riattivarlo aggiungi prima l’acqua frizzante e il giorno dopo la stessa quantità di farina come spiegato nell’articolo,una volta riottenuto il lievito madre fresco,lo rinfreschi come fai di solito ovvero aggiungi lo stesso peso del lievito di farina e la metà del peso del lievito di acqua…spero di esserti stata d’aiuto,se hai bisogno di altro sono qui…ciao a presto!!! pam

  3. Roberta il said:

    Ciao sono Roberta volevo dire una cosa importante x me ,ho fatto il lievito madre con la ricetta di giallo zafferano e ci sono riuscita benissimo soddisfatta di me stessa però quando vado a fare l’impasto x fare il pane non mi riesce come deve essere fatto aiutatemi sos

    • @roberta ciao!!! benvenuta nel mio blog!!! sicura di aver fatto benissimo tutti i passaggi?? ti dirò 2 cose,una è che il lievito madre ha tempi raddoppiati di lievitazione rispetto al lievito normale se non di più e secondo se il lievito madre non è a’attivo’ e cioè rinfrescato più e più volte e che raddoppia il volume in meno tempo rispetto all’inizio ti può dare problemi di lievitazione….fammi sapere e se posso aiutarti…più che volentieri!!! a presto e grazie della visita Pam

  4. Susanna il said:

    Ciao, complimenti mi piace il tuo blog… Io non ho mai tempo, quindi impossibile crearmi il lievito madre e seccarlo, ho trovato una bustina di lievito rossetto lievito madre essiccato… Posso rinfrescare anche questo come quello fatto in casa??? Grazie

    • @susanna ciao!!! anche io momentaneamente non sto più tenendo il lievito madre ma presto lo rifarò perché da davvero tantissime soddisfazioni,rispondo alla tua domanda,credo che il lievito madre secco in bustina va utilizzato così com’è senza bisogno di rinfreschi vari….fammi sapere!!! grazie per la visita a presto!!! Pam

  5. michela il said:

    Ciao, davvero interessante questa cosa del lievito madre essiccato. Secondo te, una volta fatti i rinfreschi ed utilizzata la quantità necessaria, si può essiccare un’altra volta?

  6. stefano altieri il said:

    ciao e complimenti.. ho comprato un lievito madre essiccato, ma leggendo gli ingredienti ho trovato il lievito di birra (70%lievito naturale 30% lievito di birra). il procedimento di attivazione è lo stesso? può essere riutilizzato all’infinito togliendone una porzione e rinfrescandola? grazie un saluto Stefano

    • @stefano altieri ciao!!! grazie della visita e del commento…purtroppo non so se con il lievito acquistato puoi comportarti nello stesso modo che con il lievito madre secco…non c’è nulla nel modo d’impiego? si il lievito madre può essere utilizzato all’infinito togliendo una porzione e rinfrescandola…l’unica cosa è che dopo un mese circa diventa più lento a lievitare,in questo caso devi rafforzarlo e lo fai semplicemente aggiungendo mezzo cucchiaino di zucchero,si riprenderà al volo e lo puoi fare ogni volta che vedrai che rallenta…fammi sapere ciao Pamela

      • Marco il said:

        Ciao, complimenti per il blog, mi sto avvicinando ora alla pianificazione in casa, potresti dirmi se i rinfreschi vanno fatti sempre con acqua frizzante oppure va bene la naturale, inoltre se posso usare farine grosse… tipo semola o addirittura integrale che preferisco. Ps. parto dal madre in polvere. Grazie mille. Marco

        • @marco ciao!! rispondo alle tue domande….i rinfreschi io non li ho mai fatti con acqua frizzante ma solo con la naturale quindi…si li puoi fare e per quanto riguarda le farine grosse secondo me puoi farlo ma hai un tempo di lievitazione più lungo…fammi sapere ciao a presto Pam

  7. giorgiomomb96 il said:

    Ciao,io ho comprato il lievito madre essiccato da 100g della cuoredi ma non so se va prima rinfrescato o no. Se lo rinfresco anche se non serve si rovina???

  8. Ciao!
    Che articolo interessante!
    Quindi, se ho capito bene, questo procedimento ti evita di coltivare il tuo lievito da zero per 15 giorni e poi, quando lo prepari, lo puoi utilizzare e conservare proprio come quello che ti sei fatta tu?
    (Ma che frase complicata ho scritto? Spero si capisca…)
    Hai notato differenze rispetto a quello classico che si preparar in casa?
    Grazie!

    • @silvia ciao!!! in pratica tu essichi quello che utilizzi tu in modo di non doverlo rinfrescare sempre,poi essiccato lo puoi conservare anche un anno e quando lo riprendi aggiungi un po’ d’acqua e lo fai rapprendere continuando poi come facevi con il lievito madre fresco….quindi nessuna differenza…fammi sapere ciaoooo Pam

  9. silvana il said:

    ciao ho rinfrescato il mio sfarinat di lm ke aveva 1 annoe co n grande meraviglia dopo le canoniche 3 ore si era quadruplicatoa.ho impastato il pane alle1 9 e fatto lievitare tutta a notte al mattino l’ho infornato e venuto bellomorbido ma aeva un sapore un po acido.da cosa puo dipendere? forse avrei dovuto fare più rinfreschi avedone fatto solo 2 in 48 ore?grz silvana

    • @silvana ciao!!! si esattamente devi continuare a rinfrescarlo ogni 24 ore per almeno una settimana…dico almeno perché più vai avanti a rinfrescarlo più diventa attivo e quindi anche meno acido….grazie a te della visita e del commento! a presto Pam

    • @mary ciao!!! l’acqua frizzante aiuta la ripresa del lievito madre…puoi provare anche con quella naturale però secondo me è più lenta. dopo aver fatto il rinfresco del lievito madre secco io consiglio di fare i rinfreschi come con quello fresco per almeno una settimana ogni 24 ore aggiungendo miele a metà settimana, mezzo cucchiaino e poi sarà attivissimo!!!

  10. Tiziana domizio il said:

    Dopo aver diluito 75gr di lievito con 125gr di acqua normale(la frizzante non la uso e quindi non ce l’ho in casa) ,il giorno dopo aggiungo 125gr di farina e OK.ma dopo questo procedimento quando lo posso usare?e come mi regolo di quanta farina ci posso impastare?

    • @tiziana ciao! Dopo il primo giorno fai i rinfreschi come un lievito madre normale ogni 24 ore x una settimana,io consiglio a metà settimana di metterci un cucchiaio di miele o zucchero per rinforzarlo e attivarlo bene , per le dosi dipende quanto ti richiede la ricetta in media se ne utilizza 150 gr ogni mezzo kg di farina…spero di averti aiutata se hai bisogno d’altro scrivimi ! Fammi sapere

Lascia un commento