Risotto “pasqualino” con spinaci, uova e formaggio

Ciao a tutti! Oggi risotto “pasqualino” con spinaci, uova e formaggio!

Visto che è stagione di spinaci e non avevo proposto ancora nessuna ricetta in cui questa verdura fosse protagonista, ho pensato a questo risotto, complice forse la voglia di primavera, ispirandomi alla torta Pasqualina, che è anche una delle mie prime ricette in cui mi sono cimentata…  La torta Pasqualina è una torta salata, originaria della Liguria e tipica del periodo pasquale, sia per gli ingredienti sia per il fatto che è un pranzo perfetto per le scampagnate, che iniziano proprio nel periodo di Pasqua.

Vista la presenza di uova, formaggio e verdure, direi che questo può essere considerato un perfetto piatto unico, e siete a posto così!

Siete curiosi di conoscere tutte le proprietà degli spinaci? Questa verdura ha la fama di essere ricca di ferro, ma attenzione perché l’organismo ne assorbe soltanto una piccola parte! Se volete saperne di più potete leggere quest’articolo che ho trovato su my-personaltrainer.it cliccando QUI.

 

  • Preparazione: 30 minuti Minuti
  • Cottura: 15 – 18 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 2 persone

Ingredienti

  • 160 g Riso Carnaroli
  • 1 l Brodo vegetale
  • 2 cucchiai Olio extravergine d'oliva
  • 60 g Scamorza (provola)
  • 100 g Spinaci
  • q.b. Sale
  • 2 cucchiai Mascarpone
  • 2 Uova
  • q.b. Parmigiano reggiano

Preparazione

  1. Mettete il riso a tostare per 3-4 minuti a fiamma media in una padella, dopodiché abbassate un po’ la fiamma ed aggiungete un mestolo di brodo vegetale ben caldo (per la ricetta del dado granulare fatto in casa clicca QUI) per volta, dopo che il precedente si sarà ben assorbito. Mescolate sovente e continuate così fino al termine della cottura.

    Quando mancheranno 5 minuti alla cottura, aggiungete gli spinaci già lavati e privati della radice, la scamorza tagliata a cubetti ed i due cucchiai di mascarpone.

    Continuate a mescolare ed a fine cottura regolate di sale e mantecate con olio e parmigiano.

    Il risotto “pasqualino” è pronto per essere servito!

Conservazione

Si consiglia di consumare subito il risotto “pasqualino”.

Si sconsiglia la congelazione.

Precedente Biscotti al cacao, latte e farina di mandorle senza burro Successivo Zuppa di lenticchie rosse e verdure

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.