Pennotta con lupini, pomodoro e salicornia

Spesso la salicornia è chiamata anche asparago di mare ed in effetti seppur molto comune, non è conosciutissima. E’ una simpatica pianta a cespuglio che cresce lungo i litorali sabbiosi, è stagionale e spontanea. Ha un sapore gustoso e sapido (quindi attenti con il sale), dovete prendere solo le parti più tenere, la parte centrale dei rametti è legnosa. Si può usare in molti piatti, un po’ come tutte le verdure: frittate, primi piatti o come contorno semplicemente condita con olio e limone. Ha tante proprietà benefiche, è ricca di iodio, vitamina C  ed è diuretica e depurativa. Ed è tanto buona!

La scelta degli ingredienti è fondamentale e la pasta Verrigni dell’Antico Pastificio Rosetano è sicuramente una garanzia di altissima qualità. Come anche il pomodoro Ciro Flagella, rosso da amare, che ricorda fortemente i sapori dei pomodori di una volta, non mi tradisce ma, è un peccato cuocerlo troppo perché è squisito anche crudo.

Ingredienti

  • Pennotta Verrigni di grano Senatore Cappelli gr 320
  • lupini o vongole veraci kg 1
  • salicornia gr 400
  • pomodori pelati Ciro Flagella gr 200
  • olio evo
  • aglio

Preparazione

In una padella fate soffriggere un po’ di aglio e poi versate le vongole, lasciatele schiudere ed aggiungete qualche pelato a pezzi. Lasciate andare un paio di minuti e coprite con un coperchio.

Lavate le cimette di salicornia e bollitele in abbondante acqua che non dovete buttare. Scolate la salicornia ed aggiungetela nella padella con i lupini.

 

Nell’acqua della salicornia, cuocete la pasta; quando mancano 2 o 3 minuti alla fine  della cottura, assaggiate ed aggiustate di sale. Questa pasta ha un’intrigante sezione quadrata, è particolarmente invitante ed ha una consistenza piacevolissima, inoltre è biologica. Veramente ottima.

Scolate la pasta, aggiungetela al condimento, saltatela aggiungendo un po’ di acqua di cottura all’occorrenza. Se gradite un po’ di peperoncino o di pepe, ovviamente potete usarli a vostro piacimento.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!

Related posts:

Precedente Come fare vino in casa: degustazione vino Successivo Nasce a Lecce l'Hambirreria "Il Cantiere"