La Pizza Gourmet sbarca a Lucera grazie a Gola di Giangi De Masi…

Giangi De Masi, pizzaiolo e Istruttore di Pizza News School, da febbraio realizza il sogno di avere una pizzeria tutta sua e grazie alla sua ricerca e la sua dedizione e amore per la pizza ha deciso di chiamare la sua pizzeria Gola Pizza Gourmet.

Giangi si definisce “Diversamente Pizzaiolo” percheè punta ad essere diverso dagli altri e si differenza con le altre pizzerie grazie alla ricerca della qualità delle materie prime, l’alta digeribilità, la fragranza e la scioglievolezza. Il continuo studio e la ricerca delle farine “NATURALI” per una pizza che sia sempre più buona e “LEGGERA”.

La Pizza di Giangi è davvero straordinaria e sicuramente è una vera e propria punta di diamante per Lucera e per tutto il Gargano.

Ecco alcune Pizze :

Tutte pizze gourmet e di altissimo livello.

Complimenti a Giangi De Masi per l’ottimo lavoro che sta facendo nella sua pizzeria. Puntare sulla ricerca dei prodotti e l’umiltà del proprio lavoro è un arma vincente per continuare su questi livelli e per essere i migliori del Gargano e dell’intera Puglia.

Consiglio i miei lettori di andare a mangiare la Pizza da Gola Pizza Gourmet a Lucera in Via Famiglia de Nicastri, 10.

I migliori impasti Alternativi per la Pizza li trovi a Solaro da Pizz@…

In Centro a Solaro, un paese della provincia di Milano, Troviamo Pizz@ un locale consigliato dai proprietari di Alterego cafè di Ceriano Laghetto Alessandro Reami e Alfonso Bassani.

Pizz@ è una pizzeria d’asporto con il forno a legna gestita da Simone Di Bitonto ed è famosa per i suoi speciali e ottimi impasti alternativi alla classica pizza fatta da acqua farina e lievito di birra.
Da Pizz@ trovi impasti con la farina di lupini, impasto con la paprika, alla curcuma, alla quinoa, alla canapa, kamut, soia, farina integrale e grano saraceno.

Tutti impasti preparati con cura e con estrema attenzione da Simone, utilizzando pochissimo lievito, infatti la sua pizza oltre ad essere speciale è digeribilissima e profumatissima.

Ecco alcune foto:

Tutte pizze con impasti speciali e di ottima realizzazione. Gli ingredienti per il condimento sono di livello medio alto e Simone le sue pizze le fa molto “cariche” e piene di gusto.

Ringrazio Simone per la sua ospitalità nella sua pizzeria e per avermi trattato da Re facendomi assaggiare le sue creazioni. Consiglio a tutti i miei lettori di prendere le Pizze con impasti speciali da Pizz@ a Solaro Via Abate Pellizzoni 21 o chiamando al numero 02 – 96790454. Invito anche a vedere le novità sulla loro pagina facebook e sul loro sito http://www.pizzeriasolaro.it/

Rosanna Melillo incanta Milano con il suo super Babà…

Rosanna Melillo, giovane e bellissima pasticcera Casertana, ha incantato il numerosissimo pubblico della Host 2017 svoltosi a Milano con la sua grande dimostrazione di un dolce molto tipico della sua regione.
Il Babà è un dolce da forno ed è molto difficile da realizzare ma Rosanna con la sua estrema concentrazione e il suo amore per la pasticceria ha di fatto incantato i numerosi spettatori e altri pasticceri che seguivano attentamente tutti i passaggi per la realizzazione. La ricetta del babà è interamente preparata con l’olio extravergine d’oliva.

Rosanna Melillo, è una donna di un estrema educazione e di una dolcezza infinita, la sua grande dedizione al lavoro e la sua grande voglia di ricerca sulla pasticceria, la rende una pasticcera Unica e Rara.

Ecco alcune foto scattate alla Fiera Host 2017

Un babà davvero unico e buonissimo. Preparato e decorato con estrema facilità da Rosanna ma di estrema difficoltà per qualsiasi altro Pasticcere.

Ringrazio Rosanna Melillo per avermi permesso di seguirla in questa avventura con questi scatti “rubati” passo passo mentre era concentrata a fare il suo ottimo lavoro. Consiglio di continuare su questa strada con la stessa determinazione e umiltà che la contraddistingue nel lavoro e nella vita. Complimenti davvero a questa nuova stella della pasticceria Italiana e Campana e spero un giorno di passare qualche giorno nel suo splendido laboratorio presso Villa Turrita di Dragoni in provincia di Caserta.

Cubi di Cinisara alle tre panature, con salsetta al nero d’avola e verdurine croccanti

Ricetta di Antonio Pio Triolo.

Ingredienti per 4 persone:
Cinisara 12 cubi da 50 g cadauno nero d’avola 400 ml
granella di pistacchio di Bronte 100 g cucchiaio di amido di mais 1 cucchiaio
granella di nocciole 100 g acqua minerale 1 bicchiere
granella di mandorle 100 g burro 25 g
carote 2 sale q.b
pepe q.b
zucchina genovese 1
cipollotti 2
erbe aromatiche (salvia, timo,rosmarino)
burro 30 g
striscioline di crostini di pane 9

Procedimento per la salsa al Nero d’Avola
In un tegamino versare i 400 ml di nero d’avola e i 25 g di burro farlo cucinare per circa 4 minuti a fiamma media-bassa. In un bicchiere aggiungere un cucchiaino di amido di mais e l’acqua e mescolare il tutto in modo tale che l’amido si sciolga e non faccia risultare grumi. Aggiungere il tutto al nero d’avola e continuare a mescolare a fuoco basso fino ad ottenere una salsa di una certa densità.

Procedimento contorno:
Lavare zucchine,carote e pulire i cipollotti del primo strato di pelle.
Pelare e tagliare carote e fare una tornitura,tagliare le zucchine a metto e suddividerle a mezze lune da 2 cm l’una. Tagliare i cipollotti ad una angolatura di 45° e metterli da parte. In un tegamino mettere dell’acqua e portarla ad ebollizione in modo tale da dare una sbollentata veloce alle carote e zucchine con un pizzico di sale. In una padella far sciogliere 30g di burro con le erbe aromatiche (salvia, timo,rosmarino) sale e pepe.
Scottare i cipollotti in una padella calda con un pizzico di sale in modo tale di farli rimanere croccanti e bianchi. In una eglia di forno mettere un foglio di carta forno e tagliare delle fettine di pane a striscioline e condirle con un batturo di erbe aromatiche e un filo d’olio

Preparazione della carne:
Impostare il forno a 200° ventilato e farlo arrivare a temperatura nel mentre tagliare a cubi la carne. Passare i cubi nell’olio evo per poi panare con le granelle. Suddividere in una teglia i vari cubi ricoperti di granella in modo tale da facilitare l’impiattamento. Appena il forno avrà raggiunto la temperatura stabilita infornare la teglia dei cubi di cinisara e la teglia delle striscioline di pane precedentemente preparati.Mantenere il forno sempre ben chiuso in modo tale d’avere una cottura omogenea e costante per circa 10 minuti

Impiattamento:
Prendere la salsa al Nero d’avola e con l’aiuto di un cucchiaio distribuirla sul nostro piatto in modo uniforme. Inserire le verdurine croccanti e la carne solo per ultima in modo tale che non si raffreddi subito. Inserire i crostini di Pane e del finocchietto selvatico e un filo d’olio

A Cogliate al Pizza Time una Pizza ai frutti di mare di lusso…

A Cogliate, in via Dante Alighieri 1, c’è Pizza time, una pizzeria d’Asporto gestita da due giovani fratelli di origine Napoletane, Valter e Francesco Comune, la loro passione, la loro dedizione al lavoro e la loro voglia di ascoltare e di accontentare il cliente, rende la loro pizzeria e soprattutto la loro pizza la miglior Pizza d’asporto della Brianza.

Valter e Francesco mi hanno invitato ad assaggiare una delle ultime novità presenti a Cogliate: la Pizza ai frutti di Mare, preparata con Arte e Maestria da Francesco e cotta alla perfezione da Valter.

Ecco la Pizza:

Un ottima pizza ed è un vero lusso per Cogliate. Gusti semplici e decisi con prodotti freschi e di qualità nonostante sono una pizzeria d’asporto. Complimenti a Walter e a Francesco per il loro lavoro… e spero di conoscere al più presto le novità che avete in cantiere….
Intanto io mi gusto questa favolosa pizza e non solo….

Cheesecake salmone affumicato e rucola di Marcella Vago

Tortiera da 18 cm rivestita di pellicola.

ingredienti:
crackers salati 100 g (Io ho utlizzato i Tuc ma si possono usarre anche taralli o creckers normali salati)
burro 40 g
rucola una manciata
ricotta 250 g
robiola 100 g
philadelphia 80 g
sale q.b
pepe (nero o rosa) q.b
gelatina 2 fogli
salmone affumicato 1 confezione

Procedimento:
Tritare i creckers salati con una manciata di rucola. Aggiungere a piacere la rucola per avere un colore verde più o meno intenso.
Aggiungere il burro fuso amalgamare il tutto e stendere la base sulla tortiera compattando il composto. Riporre in frigorifero a raffreddare.
Mettere in ammollo la gelatina in acqua fredda. Mescolare i formaggi aggiungere circa una metà della confezione di salmone a pezzetti aggiustare di sale e pepe e aggiungere la gelatina. Io mi assicuro che sia bene sciolta prima di metterla nel composto quindi eventualmente scioglierla sul fuoco per evitare grumi.
Prendere la base dal frigorifero e versare il composto di fromaggi e salmone. Livellare bene.
Riporre in frigorifero per circa 6 ore.
Guarnire a piacere con ciuffetti di rucola e il salmone restante. Lucidare con un goccio di evo e una spolverta di pepe.
Per essere certi che si stacchi dalla tortiera rivestire il tutto con della pellicola.

Nico Bucco, il suo Amore per la cucina conquista il Belgio…

Nico Bucco, Executive Chef insieme a Elio Miggiano al ristorante Delecta a Bruxelles è uno chef molto innovativo e molto competente nel campo della ristorazione. Il suo amore per la cucina e il suo essere umile fa si che è uno degli Chef Italiani più importanti a Bruxelles e in tutto il Belgio.

Lo chef Nico Bucco nasce a Genova il 16 settembre del 1970 da madre campana ( Torre del Greco) e padre abruzzese, precisamente di San Vito Chietino un comune che si affaccia sul mare in provincia di Chieti.
Il padre, in quanto chef di cucina sulle navi Tirrenia e Costa Crociere non riesce ad essere sempre presente ma nonostante tutto riesce a mantenere la famiglia unita anche con la sorella di 5 anni più piccola.

All’età di otto anni la famiglia Bucco si trasferisce in Germania per motivi di lavoro e la vita cambia per tutti amici studi ma nonostante le varie difficoltà la passione per la cucina è innata e segue le orme del papa chef fino ad arrivare a 16 anni che con decisione Nicola Bucco detto Nico decide di seguire le orme del papà e inizia a lavora come aiuto cuoco in vari ristoranti della zona.
Cresce la passione per l’arte culinaria fino a quando a 21 anni Nico Bucco lascia la Germania per tornare in Italia per prestare il servizio di leva obbligatorio che lo tiene lontano dai fornelli solo fino alla fine del servizio di leva, infatti come si congeda trova subito lavoro come cameriere in
un ristorante ma la sua passione rimane la cucina. Notato dallo chef per la sua voglia di rimanere a vedere le lavorazioni dei piatti lo stesso chef decide di coinvolgerlo facendosi aiutare fino a farlo iscrivere in una scuola di cucina nonostante Nico Bucco giovane intraprendente non potesse
permettersi di pagare gli studi, lo chef lo prende a cuore lo fa studiare a sue spese fino a farlo diplomare in una scuola alberghiera.
Al suo ritorno al ristorante con lo chef che aveva creduto in lui a tal punto da pagargli gli studi trova solo la giacca del suo chef Salvatore e un bigliettino con scritto :” questa e per te indossala con onore il tuo chef Salvatore”
Da quel momento Nico Bucco comincia a viaggiare lavorando in diversi ristoranti.

Ecco alcuni piatti presentati dallo Chef:

Complimenti allo chef Nico per il lavoro che svolge ogni giorno con estrema educazione e umiltà. Con la sua cucina ha “stregato” Bruxelles e l’intero Belgio. Spero un giorno di collaborare insieme al Grande Chef Nico Bucco e il grande Chef Gianni Pimpinella.

Alfonso Bassani, quando la passione per la cucina supera ogni tabù…

Nella vita c’è sempre qualcuno che critica sempre l’operato degli altri. Molte volte le persone screditano le persone che lavorano duramente e onestamente dicendo che non è possibile che una persona può cambiare lavoro “da Grande”. Voglio raccontare una grande e bella storia…

Alfonso Bassani, proprietario dell’Alterego Cafè, barman professionista d’avanguardia a livello nazionale, un giorno ha deciso di alzare il livello culinario del suo locale puntando sull’aperitivo. Alfonso insieme a suo cugino Alessandro, anche lui proprietario, decidono di dividersi i compiti, Alessandro prende in mano la parte del Beverage e Alfonso prende in mano la gestione del Food.
Giorno dopo giorno Alfonso mette del “suo” ai fornelli e propone ai suoi clienti nuovi gusti e abbinamenti. Ricevendo molti complimenti decide di ottimizzare la sua nuova passione per la cucina iscrivendosi ai primi corsi di cucina. La sua Passione e la sua dedizione al lavoro e la sua super umiltà nella cucina mescolata all’apprendimento dei corsi fatti, a fatto si, che oggi Alfonso è migliorato tantissimo realizzando dei piatti davvero favolosi.

Ecco alcuni piatti realizzati Alfonso Bassani:

Questi piatti sono stati realizzati da Alfonso grazie ai corsi di formazione, dove ha partecipato. Alfonso Bassani è la dimostrazione che chi lavora con passione ha fatto la metà dell’opera in cucina. L’umiltà di Alfonso è da apprezzare perchè ogni giorno cerca di migliorarsi chiedendo ad amici Chef e iscrivendosi a nuovi corsi di formazione professionistiche.
Complimenti ad alfoso Bassani e il mio consiglio è quello di essere sempre curioso e di apprendere sempre di più.

Più magri e sani mangiando di Alessandro Lucciardello

La “patata bollente” passa nelle mani di un esperto in nutrizione ed educazione alimentare, che vi aiuterà a risolvere tutte quelle domande che spesso ci si fa di fronte allo scaffale del supermercato. Vi presento Alessandro Lucciardello, da tempo esperto in materia, che ho il piacere di avere qui accanto a me e che da due mesi ad oggi mi ha permesso di salire sulla bilancia senza più dovermi preoccupare dell’ago.
Con molto piacere e disponibilità vi parlerà di alimenti, alimentazione e corrette abitudini strettamente legate alla cucina ed al sentirsi bene con se stessi.

S: Cosa significa per te “mangiare bene”?
A: Nutrirsi in modo corretto significa rifornire l’organismo degli elementi di cui è costituito e che vengono consumati durante la nostra giornata.

S: Cosa da realmente energia al nostro organismo in chiave alimentare?
A: Le proteine, i grassi e i carboidrati danno energia al corpo umano, un’energia che è misurabile in calorie.
Ogni cibo, in base al proprio contenuto di elementi di cui ti parlo, fornisce un certo quantitativo di calorie che può essere più o meno equilibrato, in base alla percentuale delle sostanze presenti: due cibi ugualmente calorici possono pertanto essere assimilati in modo assai differente dall’organismo.

S: Ci puoi fare un esempio in merito?
A: Certo, ti faccio l’esempio più comune che vorrei una volta per tutte, togliesse ogni dubbio.
Per esempio, che la pasta faccia ingrassare è un luogo che va sfatato.
La pasta è un alimento sufficientemente bilanciato in termini calorici e risulta perfettamente equilibrato una volta condito. Dal punto di vista della digeribilità sta in cima alla scala dei cibi. Il suo contenuto in ferro è paragonabile o superiore a quello del riso, delle noci, del miele ecc.
La pasta contiene fosforo, un elemento di importanza essenziale per il buon funzionamento dell’organismo umano.

S: Quindi questa sera potrei mangiare un bel piatto di maccheroni?
A: Perchè no? I maccheroni apportano al nostro corpo un ricchissimo contributo di sostanze minerali e devono riguardarsi come uno dei cibi di maggiore valore da usarsi in dieta mista con altri alimenti.
Perché vi faccio questa premessa? Perchè le 350 calorie fornite da 100 grammi di maccheroni, o altra pasta, sconditi non devono essere accusate di creare problemi dietetici.

S: E riguardo le proteine cosa ci consigli?
A: Ogni giorno il nostro organismo necessita di proteine che dovrebbe assumere attraverso una dieta varia ed equilibrata. Le proteine sono i costituenti fondamentali delle cellule, in esse vi sono una ventina di aminoacidi diversi, molti dei quali possono essere costruiti dall’organismo, altri invece devono essere introdotti con il cibo perché l’organismo non è in grado di costruirli da solo; sono nove e vengono detti aminoacidi essenziali.

S: E i grassi?
A: Aspettavo me lo chiedessi sai?
Forse non tutti sanno che i grassi danno molta soddisfazione, ma solo se abbinati a una dieta con pochi carboidrati.
Mangiando molti grassi e pochi carboidrati, il corpo è costretto a bruciare i grassi per produrre energia.
Se invece si mangiano molti grassi assieme a grandi quantità di carboidrati, il corpo brucia i carboidrati e di conseguenza i grassi si accumulano.
Sfortunatamente, molte persone continuano a temere, e spesso a evitare, qualunque tipo di grasso, anche quelli fondamentali per la salute.
Ricordate; i grassi proteggono la salute dei tessuti e degli organi interni e li mantengono al loro posto tonici ed elastici.

S: Per chiudere questo primo e davvero piacevole incontro ci puoi dare dei ragguagli generali?
A: Sono lusingato e vorrei esservi non solo oggi d’aiuto, ma grazie a Simone vorrei essere di nuovo presente attraverso tutto il mio sapere e la mia voglia di esserci.
Quando si ha fame e soprattutto durante un regime alimentare strettissimo, resistere alla tentazione di mangiare fuori pasto è davvero difficile.
Come prima cosa si potrebbe seguire la regola del “tre”, ovvero fare tre pasti completi al giorno, suddivisi in tre portate; ad esempio per colazione possiamo mangiare dei cereali integrali, un latticino magro e della frutta, a pranzo un buon primo completo e a cena un secondo con abbondante verdura e della frutta.
Il consiglio è sempre lo stesso: mangiate lentamente.
Mangiando velocemente non ci si sente mai sazi, perchè lo stomaco ci mette circa venti minuti ad inviare al cervello il segnale di sazietà, inoltre mentre si mangia non bisognerebbe fare nient’altro e concentrarsi sul cibo, masticando molto lentamente.
Bevete molta acqua durante il giorno, circa due litri, possibilmente un acqua molto ricca di magnesio, minerale che ha la proprietà di togliere il senso di appetito ma anche tisane oppure del the verde.
Fate due spuntini al giorno, uno a metà mattina e uno a metà pomeriggio a base di un frutto o di uno yogurt magro.
Favorire i farinacei integrali rispetto a quelli raffinati.
I cereali, il riso, la pasta e il pane se sono integrali contengono fibre che aumentano il senso di sazietà. Mangiare un insalata o altra verdura prima di ogni pasto.
Le verdure contengono fibre complesse che l’organismo non riesce ad assimilare subito, quindi la sensazione di sazietà durerà più a lungo.
Eventualmente si potrà calmare la fame con una mela, che contenendo la pectina, una fibra che si gonfia a contatto dell’acqua, dà la sensazione di avere lo stomaco pieno.
Infine dormite di più. Perchè la mancanza di sonno sviluppa la grelina, un recettore che sviluppa il senso di fame, mentre dormendo si sviluppa la leptina, che è il suo esatto contrario e cioè un recettore che sviluppa il senso di sazietà.

S: Grazie Alessandro per la disponibilità e per questo tuo primo spazio che ci regali attraverso tutto il tuo sapere. Sono convinto che i lettori faranno fin da subito buon tesoro di questi tuoi ragguagli.
A: Io ringrazio te Simone per lo spazio che mi hai dedicato e resto a disposizione per altri piacevoli incontri come questo.

S: Per chi è realmente interessato a cambiare il proprio stile di vita attraverso gli alimenti, può contattare Alessandro attraverso l’indirizzo mail ussupplementstore@gmail.com

Gianni Pimpinella e la sua cucina “stellata” che incanta Finale Emilia…

Gianni Pimpinella Executive Chef del ristorante Antico Casale di Finale Emilia, è uno chef molto umile e innovativo che tiene molto alla ristorazione tradizionale ma con l’aggiunta innovativa che deriva dalla grande passione e dalla sua enorme esperienza in giro nelle migliori cucine italiane.

La sua cucina è come descritta in precedenza una cucina semplice ma nello stesso complessa nei gusti e sapori che incanta la numerosa clientela che ogni giorno va a mangiare all’Antico Casale.
La grandissima dedizione al lavoro e il suo impegno nella ricerca della materia prima e nella ricerca di gusti nuovi e raffinati fa si che lo rende uno chef completo in tutti i sensi di vista.

Ecco alcuni piatti che propone Gianni Pimpinella:

Complimenti a Gianni Pimpinella per l’ottimo lavoro che sta facendo e continua a fare tra mille sacrifici che il mestiere da Chef propone ogni giorno. Auguro a Gianni le migliori fortune per il futuro e che la vita gli regali le migliori fortune. Continua cosi e non mollare mai….