Crema leggera al mascarpone e vaniglia di Matteo Triolo

image-3

Ingredienti:
mascarpone 1,5 kg
zucchero semolato 300 g
uova intere 6
vaniglia 2 bacche
panna liquida al 35% di grasso 250 g

Procedimento:
montare le uova intere con lo zucchero fino ad ottenere una spuma chiarissima e montata in modo ben fermo. Aggiungere il mascarpone precedentemente ammorbidito a mano e di temperatura ambiente.
Montare la panna per poi incorporarla alla massa di mascarpone e uova avendo cura di non smontarla.
Prima di conservare in frigo per farla riposare bisogna aggiungere la vaniglia così da esaltarne il gusto e renderla un attimo più fresca di quanto lo sia già.

matteo triglia

Crema fredda al Caffè di Cristina Cianciaruso

image

Ingredienti per 4 bicchieri (grandi):
caffè 4 tazzine
zucchero 1/2 cucchiaio
panna da montare 400 g

Procedimento:
Preparate il caffè con la moka e lasciatelo raffreddare nel frigorifero fino al suo completo raffreddamento.
In una ciotola con l’aiuto di una frusta elettrica, montate la panna, e aggiungete lo zucchero e il caffè.
Decorate i vostri bicchieri e lasciate riposare in freezer per qualche ora.
Infine potete spolverare del cacao o decorare con un filo di nutella.

Questa Ricetta e altre ricette di Cristina le potete trovare qui:
https://www.facebook.com/ilricettariodiunastudentessa//

image

Alessandra Leone presenta “Il Mio Nero” & “Il Mio Fiano” a Eataly a Milano

Alessandra Leone, giovane imprenditrice, nata a Seregno in provincia di Monza e Brianza ma con radici pugliesi ha presentato e ha fatto degustare gli ultimi due “gioielli” della sua Azienda Tenuta Ripa Alta di Cerignola in provincia di Foggia; “Il Mio Nero” e “Il Mio Fiano”.
Alessandra, ha raccolto la passione nel fare il vino dal nonno e dal padre che avendo i terreni facevano il vino in maniera casalingo. Oggi, grazie al suo duro lavoro, il suo impegno e la sua passione fa si che ha una cantina medio – piccola che punta esclusivamente sulla qualità e sulla cura personale e maniacale di ogni prodotto. Ogni suo prodotto rispecchia il pensiero e la filosofia nel far il Vino Buono di Alessandra, cioè deve essere varietale, non deve essere un vino artefatto e deve avere minime lavorazioni e prodotti possibili.
Alessandra a Eataly di Milano ha incontrato lo Chef Internazionale Simone Pezzulla che dove aver collaborato assieme con ricette e alla presentazione del padiglione Thailandia Expo 2015 Milano.

io e alessandra leone

Il Mio Fiano e Il Mio Nero sono due vini vinificati in Anfora come si faceva parecchi anni fa in Puglia. E’ la nuova scommessa di Alessandra, grazie a un libro regalato qualche anno fa si è messa a studiare e a riscoprire questa antica e valida tecnica di vinificazione.

Il Mio fiano è un vino bianco, ottenuto da da uve con raccolta leggermente anticipata, ultima settimana d’agosto/inizio settembre, macerazione a 15 gradi per 24 ore con acini interi e infine pressato. Messo a fermentare nell’anfora con il ghiaccio controllando la temperatura ogni 3 ore e la temperatura di fermentazione media è stata di 18 gradi. E’ un vino che ha completato la manolattica ed emana moltissimi profumi.

Il Mio Nero è il Nero di Troia fatto completamente tutto manuale. Fermentazione avvenuta in un grosso tino e fermentazione controllata con il ghiaccio a 27 gradi e pressato con un antico torchio manuale.

Lo Chef Simone Pezzulla ha avuto occasione di assaggiare i Vini di Alessandra Leone ed è rimasto molto entusiasta per le ultime due “Creazioni” di Alessandra. Ha trovato i vini molto immediati, freschi, puliti e rispecchiano completamente la grinta e la passione che Alessandra dedica ai suoi vini. Vini inconfondibili e unici. Molto validi per chi vuole proporre un alternativa giovane e di classe alla propria carta dei Vini.

Complimenti ad Alessandra Leone per la passione e l’amore che dedica ogni giorno alle sue Uve e ai suoi vini. Continua su questa strada con la stessa tenacia di quando hai iniziato e vedrai che il tempo ti ripaga e ti darà ragione sulla tua nuova scommessa!!!

Coniglio Pizzuto di Girolamo Orlando

Coniglio Pizzuto con il suo fegatino su riduzione di vino rosso secco siciliano aromatizzato all’arancia e cannella, con patate fritte al profumo di garofano e cipolla bianca agrodolce.

image

Ingredienti per 4 persone:
coscette di coniglio nostrano 8
fegatini di coniglio 4
succo di limone 70 ml
acqua naturale 1 l
olio extravergine d’oliva q.b
rosmarino q.b
sale fino q.b
pepe nero macinato al momento q.b

riduzione di vino rosso:
vino rosso secco siciliano 1 l
zucchero di canna 100 g
succo di arancia rossa 100 ml
cannella in polvere 2 g

cipolla agrodolce:
cipolla bianca 1
acqua naturale 500 ml
zucchero di canna 40 g
aceto di vino bianco 5 ml
sale fino q.b

patate fritte:
patate a polpa gialla 2
chiodo di garofano 1
acqua naturale 500 ml
olio di semi di girasole 200 g
sale fino q.b

Procedimento:
Pulire le coscette e i fegatini di coniglio e lasciare in acqua e limone per 30 minuti in modo che si attenui il sapore di selvaggina. Trascorsi i 30 minuti, togliere le coscette e i fegatini dall’acqua acidulata e asciugare con un panno. Porre solo le coscette in una placca da forno e aggiungere, sale, pepe, rosmarino e alio extravergine d’oliva, infornare a forno ventilato caldo a 180 C° per 20 minuti. Trascorsi i 20 minuti aggiungere (se necessario) un po di brodo vegetale e far cuocere per altri 10 minuti coperte da un foglio di carta forno in modo che non si imbruniscano troppo. In un tegame mettere il vino rosso, lo zucchero di canna, il succo d’arancia e la cannella in polvere. Porre su fuoco a fiamma media e fare ridurre della metà. A parte in una ciotola (di vetro o plastica, adatta al forno microonde) mettere acqua, zucchero di canna, aceto di vino bianco e mescolare aiutandosi con una frusta in modo che diventi una unica soluzione; aggiungere le cipolle tagliate a spicchi coprire con della pellicola il contenitore e cuocere in microonde per 12 minuti alla massima potenza. Da parte lavate e pelate le patate, tagliare a spicchi e tornire (smussare le parti spigolose) smollentare in acqua poco salate con il chiodo di garofano per 2 minuti, scolare e friggere in olio di semi già caldo (170 C° circa).Appena il tutto sarà pronto, scottare in padella con dell’olio i fegatini e impiantare come da foto. Servire ancora caldo.

image

Al Pizza Time di Cogliate la miglior pizza d’asporto della Brianza…

A Cogliate, in via Dante Alighieri 1, c’è Pizza time, una pizzeria d’Asporto gestita da due giovani fratelli di origine Napoletane, Valter e Francesco Comune, la loro passione, la loro dedizione al lavoro e la loro voglia di ascoltare e di accontentare il cliente, rende la loro pizzeria e soprattutto la loro pizza la miglior Pizza d’asporto della Brianza.

pizza cogliate 1

La loro pizza è una vera opera d’arte grazie alla lunghissima lievitazione della pasta.

pizza cogliate 8

Francesco ogni volta che vado mi delizia sempre con una pizza diversa… questa volta l’ha fatta davvero speciale…

pizza cogliate 3

pizza cogliate 5

pizza cogliate 4

pizza cogliate6

Pizza praticamente perfetta. Una pizza tipo napoletana, cotta a forno a legna. Perfetto equilibrio tra la pasta e il condimento della pizza. Mi ha preparato una campagnola con un pizzico di salsiccia. Verdure fresche e tagliate al momento è il tocco in più alla pizza.

Un altro pezzo forte della pizzeria Pizza Time è la pizza al trancio a lievitazione naturale.

pizza cogliate 7

Beh che dire… Da quando ho provato la loro pizza mi sono innamorato della loro pizza… finalmente anche la Brianza può avere un ottima pizza… Ringrazio di cuore l’ospitalità e l’accoglienza che Valter e Francesco mi riservano ogni volta che li passo a trovare e spero che la loro voglia e passione non finisce mai e di continuare a lavorare bene così per crescere sempre di più. Consiglio a tutti di provare questa fantastica pizza!!!

Potete passare a Cogliate in Via Dante 1 oppure chiamare al Tel. (+39) 02 96463192
dalle 11:30 alle 14:30 & dalle 17:30 alle 21:30 dal Lunedì alla Domenica con consegna a domicilio gratuita.

pizza cogliate 2

Risotto con funghi porcini, salsiccia e leggera mantecatura di zola

image

ingredienti per 4 persone:
Riso carnaroli Capittini 320 g
salsiccia 250 g
funghi porcini secchi Fontana 150 g
brodo vegetale 1 l
vino bianco 20 cl
burro 50 g
cipolla 1
olio extravergine di oliva 20 cl
parmigiano 40 g
zola 80 g
sale
pepe

Procedimento:
Mettete i funghi porcini secchi in ammollo con acqua fredda per almeno 30 minuti.
Fate soffriggere in una casseruola la cipolla finemente tritata e lasciatela rosolare con 20 g di olio extravergine di oliva. Aggiungete il riso e fatelo tostare. Aggiungete la salsiccia tagliata a pezzetti, fate rosolare e bagnate con il vino bianco, fatelo sfumare, aggiungete i funghi strizzati e tagliati a pezzetti e infine aggiungete il brodo vegetale. Alterrnate la cottura con l’acqua dei funghi filtrata e il brodo vegetale girando il risotto in tanto in tanto senza farlo attaccare. A cottura quasi ultimata mantecate con il burro e il parmiggiano gratuggiato e lo zola . Impiattate il risotto ben caldo all’onda.

Ricetta in collaaboraazione con

capittini_logo

fontana funghi

Muffin “funghetto”

Ricetta di Linda Bossini, Rachele Molena e Elena Della Torre

image

Ingredienti:
Muffin 6
gelato stracciatella 500 g
latte 300 ml
nutella q.b

Procedimento:
in un frullatore mettere gelato e latte per creare un frappé. Versare il frappé nel contenitore di vetro precedentemente sporcato di nutella. Chiudere il contenitore di vetro con il muffin.
Decorate con delle gocce di nutella sopra al muffin e infilate la cannuccia.

image

Strepitoso successo per la Sesta edizione di Corte e Sapori a Cogliate.

Strepitoso successo per il più gustoso evento tenutosi a Cogliate, sabato 18 giugno scorso, organizzato dai Giovani Sandalmazi tra le più antiche corti del paese offrendo cibo nostrano preparato al meglio dai ragazzi che si impegnano in cucina nonostante nella vita fanno lavori differenti dall’ambito gastronomico.

Corte e Sapori ormai è un appuntamento che apre l’estate cogliatese e quest’anno addirittura ha toccato quota di 500 persone che hanno animato il centro del paese, “armati” di bicchiere e posate hanno fatto il giro delle corti tra musica, divertimenti vari con giochi di una volta e cibo buono.

Quest’anno anche lo Chef Internazionale Simone Pezzulla era presente alla manifestazione dove ha dichiarato che è stata una splendida manifestazione dove arricchisce il paese grazie alla rivalutazione delle corti e del centro storico regalando la magnifica serata in allegria con gli amici grazie ai gustosissimi piatti che i ragazzi, che sono tutti volontari, hanno cucinato in maniera molto egregia.

c12

c11

Si inizia il giro tra le corte con gli antipasti nostrani, tutto buono e di eccellente qualità

c10

c9

Poi si passa al risotto al radicchio e vino rosso

c8

c7

Poi è la volta del Salame cotto con il purè

c6

c5

c4

Infine della meravigliosa crostata alla frutta

c3

c2

Sarata meravigliosa e “gustativa” su tutti i punti di vista. Ogni anno sempre meglio e magari c’è l’augurio che l’anno prossimo la manifestazione sarà arricchita dalla conoscenza gastronomica dello Chef Simone Pezzulla tanto da far diventare il prossimo evento unico e indimenticabile.

c1

Grandissimo successo per la Festa del Commercio di Cogliate con il suo Chef Simone Pezzulla

Grandissimo successo per la Festa del Commercio, evento tenutosi a Cogliate in provincia di Monza e Brianza domenica 19 giugno.

Anche quest’anno la festa del Commercio di Cogliate è stato un appuntamento molto atteso anche grazie all’altissima gastronomia che ha offerto il punto ristoro “Punto Caffè” di Maurizio Re in collaborazione con lo Chef Internazionale Simone Pezzulla che ha preparato e ha deliziato palati grazie alla postazione a vista.

Tantissime persone venute da ogni parte del nord Italia sono passate per trovare e a mangiare le specialità dello Chef Simone Pezzulla, tanto che per l’intera giornata ha cucinato 30 kg di risotto con funghi porcini, salsiccia con leggera mantecatura allo zola e 8 kg di trofie al pesto leggero e gamberi. Grandissimo successo per questi due piatti, che erano accompagnati da eccellenti vini della Cantinetta grazie ai consigli della sommelier Giusy Caimi.

image

Processed with MOLDIV

Grande collaborazione tra i collaboratori della festa grazie all’impegno di tutte le persone che hanno dato una mano per realizzare questa festa.

Processed with MOLDIV

Gli organizzatori ringraziano la Riseria Capittini di Galliate (No), Funghi Fontana di Momo (No), la Cantinetta del “Punto Caffè” di Cogliate (Mb), “La Madonnina Restaurant and Catering” di Cogliate (Mb), e Lo chef Simone Pezzulla che ha realizzato un menu particolare, semplice e raffinato, regalando i sapori della terra, gustosi e genuini ai numerosissime persone accorse alla festa.

Arrivederci all’anno prossimo con una nuova festa all’insegna del gusto.

San Giovanni Food, gli Antichi Sapori del Salento raggiungono anche la Svizzera.

Durante la festa Salentina tenutosi in Svizzera, ho avuto modo di conoscere Jonathan Gravante che vendeva e sponsorizzava dei prodotti davvero eccezionali arrivati direttamente dal Salento grazie all’Azienda San Giovanni Food.

Processed with MOLDIV

Il rispetto e l’amore per la propria terra e della natura, l’energica voglia di valorizzare il territorio del Salento e i suoi antichi e deliziosi sapori, la cura delle tradizioni contadine e culinarie tramandate di generazione in generazione e l’impiego di moderne ed avanzate tecnologie di settore e l’intento di valorizzare l’unicità e la prelibatezza dei prodotti tipici del Salento, Simone Toma, giovane salentino la cui famiglia da decenni si occupa della gestione di terreni agricoli, nel rigoroso rispetto della natura e della genuinità dei suoi frutti, decide di dare una svolta imprenditoriale e nel 2014 dà vita al Gruppo Toma Food e al brand San Giovanni, Antichi Sapori del Salento, un marchio fortemente legato al territorio, com’è già scritto nel suo nome: San Giovanni Elemosiniere è il Santo Patrono di Casarano, la cittadina salentina in cui Simone è nato e cresciuto.
Simone ha un grande sogno: valorizzare ed esportare i sapori tipici di una terra passionale e solare come il Salento in tutto il mondo. A dargli una mano due giovani amici, anche loro nati e cresciuti nel Salento, a Casarano: Stefano Coti e Marco Scorrano. È con il loro arrivo in azienda che il brand fa il suo ingresso nel Web e che la rete commerciale a cui si affida si espande a livello nazionale.

Jonathan Gravante durante la festa mi ha fatto assaggiare ed “innamorare” di questi fantastici prodotti. Ho avuto modo di assaggiare le Melazane a filetti, i peperoni a filetti, i funghi misti, il peperoncino a rondelle e la crema di pomodori secchi. Prodotti superlativi, racchiusi nei vasetti con chiusura ermetica e una volta aperti spigionano i profumi e gli odori del Salento anche a 1000 km di distanza.
Prodotti di eccellenza assoluta e di grandissima qualità, prodotti gustosissimi sopratutto per ottimi condimenti o aperitivi.

Consiglio a tutte le persone che sono salentine o semplicemente turisti che hanno assaggiato questi meravigliosi prodotti di comprare i Prodotti San Giovanni perchè ha la miglior qualità prezzo e prodotti di altissima gamma.

Processed with MOLDIV

Per visualizzare i prodotti e comprare online potete trovarli qui:

http://sangiovannifood.it/it/