Sciara del fuoco

Ricetta di Alessandro Leonardi

Ingredienti per 4 persone:

per la pasta:
farina di grano duro 300 g
farina 00 20g
uova intere 3
sale 1 pizzico
nero di calamaro

Per il condimento:
peperoni 2
melanzana 1
cipolla di tropea 1
pesce spada 200 g
pomodorini 600 g
basilico
prezzemolo
olio
sale
timo
vino bianco

Procedimento:
Pulire il calamaro facendo attenzione ad estrarre per intero la sacca del nero, disporre il peperone in una teglia con mezza cipolla, un rametto di timo, olio, sale e pepe e far cuocere per circa 30 minuti a 200°. Una volta terminata la cottura, togliere la buccia e frullare il tutto per realizzare una vellutata liscia senza grumi.

Lavare bene la melenzana e togliere la buccia la quale, una volta essiccata in forno, potrà essere frantumata creando una specie di polvere non troppo sottile.
In una casseruola, mettere un filo di olio, i pomodorini, la mezza cipolla rimasta, sale e pepe e far cuocere per circa 15 minuti a fuoco lento. Terminata la cottura, frullare il tutto e passare al setaccio per rimuovere le parti più grandi. In questo modo il fondo del nostro piatto è già pronto.
Impastare le due farine con il nero ottenuto dalle sacche di calamari, le uova e un pizzico di sale, creare degli spaghetti, facendo attenzione che questi siano ben disposti su un piano in modo da evitare il contatto tra loro e le possibilità di attaccarsi.
In una padella, aggiungere un filo di olio ed una volta riscaldato aggiungere pomodorini tagliati grossolanamente, la melenzana e il pesce spada entrambi a cubetti, facciamo cuocere a fuoco dolce sfumando il tutto con del vino bianco. Una volta cotta la nostra melenzana e il nostro pesce spada, aggiungere la composta di peperoni e portare al bollore, spegnendo il fuoco dubito dopo. Cuociamo in abbondante acqua salata i nostri spaghetti e scolarli al dente. Amalgamare la pasta al nostro condimento aggiungendo a vostro piacimento qualche foglia di prezzemolo.

Montaggio del piatto:
Con un piccolo mestolo raccogliere un po’ di condimento e metterlo sul fondo del piatto, con l’ausilio di un forchettone, prendere i nostri spaghetti e facendoli girare in un mestolo, creiamo un nido da posizionare nel piatto sopra il condimento. Aggiungere i tocchetti di melenzana e pesce spada, spolveriamo il piatto con la cenere ottenuta dalle bucce delle melenzane essiccate in precedenza.
Buon Appetito.


Precedente Spaghetti con le cozze in bianco di Anna Lanzilao Successivo La Bottega della pizza si conferma la miglior eccellenza Cogliatese

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.