La tradizionale Massa di San Giuseppe della famiglia D’Alba.

la tradizionale Massa di San Giuseppe ad Uggiano la Chiesa con Fresco d’Alba…

Quando la devozione a San Giuseppe incontra le massaie e la cultura contadina salentina, nascono delle meravigliose tradizioni culinarie. Oggi vi raccontiamo come preparare la “Massa di San Giuseppe”.
Ad Uggiano la Chiesa, la tradizione vuole che la si prepari in grande quantità, in modo da distribuirla ai parenti, persone vicine e non, in nome della condivisione e della devozione al Santo, ma oggi in piena pandemia la prepariamo in casa.

Pur essendo questo un piatto facile, è necessario seguir i diversi passaggi con grande attenzione.

Si parte il giorno prima, mettendo i ceci a bagno per 12h, una notte solitamente, e cuocendoli in modo classico.
La pasta, una sorta di tagliolino, si può preparare la sera prima. Esclusivamente dall’unione della semola di grano duro locale con acqua e sale, si prepara la “minata”, distesa.
La sfoglia viene avvolta su sé stessa e lasciata riposare per una mezzoretta circa. Successivamente, si tagliano le singole striscioline con precisione in modo da avere la stessa larghezza del tagliolino, circa 4 o 5 mm. Al che si “sparpaglia” ogni singolo gomitolo di pasta, aprendolo per farlo essiccare all’aria fin all’indomani.
Il giorno dopo, lasciamo un pochino di pasta da parte, ed iniziamo a “girare nell’olio” caldo i mugnuli (o “cauli”) precedentemente sbollentati. Dopo qualche minuto, aggiungiamo un po’ d’acqua per ravvivarli, ed uniamo i ceci già cotti mescolando. Aggiungiamo dell’acqua calda nella stessa pentola, in quantità tale da cuocere nella stessa la pasta. Sistemiamo di sale e buttiamo la pasta per cuocerla. Non perdiamo l’occasione per condire a piacere con spezie tipiche, quali i chiodi di garofano, la cannella ed il pepe. A questo punto lasciamo in pentola la massa pronta e aspettiamo qualche minuto in modo che si “confessi”, lasciando che l’amido assorbi un po’ del condimento. Nel frattempo, in un pentolino a parte friggiamo la restante pasta in olio bollente: questa pasta dorata viene usata come guarnizione del piatto finito, un tocco semplice che regala croccantezza. Quando la massa è cotta si versa nei piatti di terracotta e si serve.
Azienda Fresco D’alba

Precedente La Bottega della pizza si conferma la miglior eccellenza Cogliatese

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.