Zeppolone di San Giuseppe dolce napoletano

Zeppolone di San Giuseppe dolce napoletano semplice e buono per la festa del papà, con crema tiramisù di mascarpone e ricotta, dolce di pasta choux.

Zeppolone di San Giuseppe dolce napoletano

Una delizia, se adorate le classiche zeppole di sicuro vi piacerà anche lo zeppolone di San Giuseppe, un dolce napoletano che come dice lo stesso nome è in un formato più grande.

Una sorta di paris brest napoletano, la ricetta è la stessa delle zeppole, quindi una pasta choux sistemata in uno stampo a ciambella o comunque in una forma molto più grande.

Una zeppola formato famiglia, una torta di choux da poter tagliare semplicemente a fette, perfette per festeggiare il papà tutti insieme.

Ovviamente potete farcirlo come preferite, nel modo classico di crema pasticcera e amarene o altre creme come queste QUI

Seguitemi in cucina oggi c’è lo Zeppolone  di San Giuseppe!

Zeppolone di San Giuseppe dolce napoletano

Zeppolone di San Giuseppe dolce napoletano

SEGUI ARTE IN CUCINA SU INSTAGRAM

QUI ALTRE RICETTE

Segui le ricette di Arte in Cucina anche su Telegram sul canale telegram.me/arteincucina

QUI SE VUOI SEGUIRMI SULLA PAGINA FACEBOOK

Ingredienti:

  • 150 g di farina
  • 250 g di acqua
  • 4 uova
  • 100 g di burro
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • Per farcire:
  • 250 g di ricotta
  • 250 g di mascarpone
  • 30 g di gocce di cioccolato
  • 5-6 cucchiai di zucchero
  • 4 cucchiai di caffè espresso

Procedimento:

  • Mettete il latte con il burro e lo zucchero in un tegame, lasciate sciogliere il burro a fiamma media.
  • Appena il burro è sciolto versate di getto la farina e incominciate a lavorare con una spatola, in modo energico per non far attaccare il composto al tegame.
  • Lavorate fino a che l’impasto non si stacca dalle pareti e incomincia a raggrupparsi come una palla.
  • Mescolate ancora aprendo l’impasto e richiudendolo sempre con la spatola per far asciugare bene la massa.
  • Quindi lavorate per un minuto e togliete il tegame dal fornello.
  • Lasciate raffreddare mescolando di tanto in tanto.
  • Quando il composto è freddo o comunque non più fumante versatelo nelle impastatrice oppure lavorate a mano e inserite il primo uovo.
  • Lavorate finché l’uovo non si è ben assorbito, poi, aggiungete il secondo uovo e lavorate ancora a completo assorbimento fino all’ultimo uovo.
  • La buona riuscita delle zeppole è nella lavorazione delle uova, nel’assorbimento completo delle uova ad ogni inserimento nell’impasto.
  • Versate il composto in una sacca da pasticcere con una bocchette, liscia o a stella, di 2 cm.
  • Se non avete uno stampo a ciambella potete realizzare il dolce direttamente sulla placca da forno come si fa con la paris brest.
  • Con questa dose va bene uno stampo da 22-24 cm, foderato alla base.
  • Fate un primo cerchio più piccolo con un diametro di circa 15 cm, affianco ne fate un’altro e poi un’altro ancora più largo, quindi in tutto sono 3 giri.
  • Poi ripetete un’altra volta, vi troverete con 3 giri sotto e 3 sopra, per un totale di 6 giri.
  • Potete anche fare solo 3 giri di base e solo un altro sopra, per un totale quindi di 4 giri.
  • Mettete lo stampo in forno a 180° per 20 minuti.
  • Trascorso il tempo controllate la cottura, l’impasto deve essere asciutto, spegnete e lasciate riposare 10 minuti nel forno spento.
  • Preparate il caffè e fate raffreddare.
  • Lavorate la ricotta con il mascarpone e lo zucchero, unite il caffè un po’ alla volta per evitare di smontare tutto in ultimo aggiungete le gocce di cioccolato.
  • Sfornate il dolce e tagliatelo a metà come si fa per le torte, riempite una sacca da pasticcere con la crema e farcite il dolce, dentro e sopra.
  • Spolverate di zucchero a velo.
  • Bon appétit

TI POTREBBERO INTERESSARE:

Torta soffice ripiena di cioccolato

Crostata morbidosa al cioccolato

Biscotti ripieni con nutella e gocce di cioccolato

Precedente Sformatini di melanzane e patate Successivo Pasta con zucchine fritte cremosa

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.