Pane con il lievito madre

Il pane con il lievito madre, che buono!

Mi danno tantissima soddisfazione i lievitati, ma quelli fatti con il lievito madre un po’ di più.

Sono quindici anni che uso il lievito madre, ho cominciato quando mi sono accorta che il lievito di birra e i lieviti artificiali mi procuravano diversi fastidi.

Il lievito madre me lo ha regalato la mia amica Barbara!

E adesso pronti per fare il pane con il lievito madre.

pane lievito madre
  • Preparazione: 30 Minuti
  • Cottura: 40 Minuti
  • Difficoltà: Medio
  • Porzioni: 6 persone
  • Costo: Economico

Ingredienti

Rinfresco del lievito

  • 150 g lievito madre
  • 200 g farina 0 bio
  • 100 ml Acqua

Impasto del pane

  • 300 g lievito madre (quello appena rinfrescato)
  • 400 g farina (a piacere, anche più farine diverse tra loro)
  • 200 g Acqua
  • 1 cucchiaino Miele

Preparazione

Rinfresco del lievito

  1. Io faccio il pane a giorni alterni e procedo in questo modo (orari indicativi) per avere il pane appena cotto per cena.

    Alle 9 faccio il rinfresco del lievito: nella planetaria con il gancio a foglia sciolgo il lievito con l’acqua, poi metto il gancio, aggiungo la farina e impasto finchè ottengo una massa soda e compatta.

    Metto l’impasto in una ciotola di vetro pirex, copro con la pellicola e lascio lievitare in luogo caldo (22/24°).

Impasto del pane

  1. Alle 14 faccio l’impasto: metto in un vasetto di vetro 150g del lievito rinfrescato (mi servirà per la prossima volta) che conservo in frigo.

    Con il lievito rinfrescato che rimane (300g) faccio il pane: nella planetaria con il gancio a foglia sciolgo il lievito con l’acqua e il miele, poi metto il gancio, aggiungo le farine a piacere (io metto sempre un po’ di manitoba perché è una farina forte e regge le lunghe lievitazioni)  e impasto finché ottengo una massa soda e compatta.

    A questo punto impasto un po’ a mano, do le forme desiderate (di solito io faccio una treccia sola), metto il pane in una teglia di vetro che possa andare in forno (pirex), copro in modo che la superficie non secchi e metto a lievitare in luogo caldo (22/24°).

    Alle 19 metto la teglia in forno (freddo) che accendo a 210° per 40/45 minuti.

    Sentirete il profumo che fa!!!

Note

  • Per avere il pane fresco a pranzo rinfresco il lievito la sera prima e lo tengo in frigorifero e impasto il pane la mattina dopo. Deve lievitare almeno 4 ore prima di poterlo cuocere.
  • io non tocco il pane dopo la lievitazione perché rischierei di “rovinare” l’alveolatura che si è formata e che invece serve per completare la lievitazione durante la cottura
  • faccio lievitare il rinfresco e il pane in contenitori di vetro pirex perché questi impasti hanno una certa acidità che alla lunga può intaccare gli altri materiali; con il vetro ciò non può succedere perché il vetro pirex non assorbe ed è inerte.
  • io non metto sale nel pane perché a noi piace così, ma se volete, a fine impasto aggiungete quello desiderato. Attenzione a non metterne troppo perché il sale interferisce con la lievitazione
/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.