Cake ai lamponi

Cake ai lamponi

Siamo nel pieno della stagione dei lamponi, un frutto rosso che mi mette allegria solo a vederli ma un poco di suggestione nel cucinarlo e pertanto non l’ho mai usato. Sono però solita visitare questo bellissimo blog Starbooks, dove alcune food blogger si cimentano nella realizzazione, con tanto di voto finale, di alcune ricette tratte da libri culinari di recente pubblicazione tra le firme più note del momento. Alcuni mesi fa fui colpita da questa ricetta, che ho fatto e rifatto più volte con approvazione dei commensali, pertanto tramite la biblioteca recuperai il cotanto libro Simple di Diana Herny dove trovai la ricetta di oggi: il cake ai lamponi. E’ un dolce semplicissimo da fare, e, qui rispecchia in toto il titolo del libro, oltre che goloso. L’ho fatto per il compleanno della mamma e complice la famiglia al completo ce lo siamo mangiato quasi tutto.

  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    20 minuti
  • Cottura:
    75 minuti
  • Porzioni:
    8 persone
  • Costo:
    Medio

Ingredienti

  • 125 g burro
  • 225 g zucchero
  • 300 g Farina 00
  • 200 g lamponi (puliti)
  • 125 g Yogurt bianco naturale
  • 2 uova grandi (sbattute)
  • scorza di 2 limone
  • 1 bustina Lievito in polvere per dolci

Preparazione

  1. Mescolare i lamponi in due cucchiai di farina.
    Imburrate e infarinare o foderare con carta forno bagnata uno stampo da plumcake
    Sbattere il burro a temperatura ambiente con lo zucchero finchè non è composto soffice, unire la scorza dei limoni.
    Aggiungere poco alla volta le uova sbattute a parte.
    Unire la farina miscelato con il lievito alternandola con lo yogurt e mescolare bene per non formare i grumi.
    Mettere metà dell’impasto nello stampo distribuendolo uniformemente, distribuire i lamponi e unire il resto dell’impasto.
    Cuocer in formo caldo a 180° per un’ora e quindici minuti.
    Fa fede la consueta prova stecchino.
    Quando è freddo sfornare e spolverare con zucchero a velo.

Note

È un dolce buonissimo e ne vale la pena provarlo, come detto sopra lo abbiamo mangiato quasi tutto subito e andrebbe mangiato tutto subito.
Ne è avanzato una fettina, mangiata il giorno dopo, ma a mio modesto parere i lamponi tendevano già a deteriorarsi.
Comunque anche Diana Henry nel libro si era raccomandata di consumarlo in breve tempo perché i lamponi tendono a deteriorarsi.
È possibile mettere sopra anche una glassa fatta con 150 gr di zucchero a velo mescolato con 2 cucchiai di socco di limone come aveva fatto Diana Henry nel suo libro.

Precedente Pollo in fricassea per Quanti modi di fare e rifare Successivo Budinone senese per Quanti Modi di Fare e Rifare

Lascia un commento

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.