Polpette di pane in brodo vegetale

Le polpette di pane in brodo: una minestrina semplice e gustosa facile che ricorda i piatti della nonna perfetta per grandi e piccini.
Una ricetta ideale per non mangiare sempre carne che va incontro anche a una idea per la cucina vegetariana .

Polpette di pane in brodo vegetale

Ingredienti

Per le polpette

  • Pane raffermo 300 g
  • Parmigiano reggiano 50 g
  • Prezzemolo 5 rametti
  • Sale 1 cucchiaino
  • Pepe q.b.

per il brodo

  • Carota 1
  • Cipolla 1
  • Sedano 1 spicchio
  • Patata 1
  • pomodoro (oppure concentrato di pomodoro) 1
  • Sale

Preparazione

  1. Incominciare con il brodo lavando bene tutte le verdurine.
    Poi tagliando a pezzi in maniera grossolana il tutto e mettere in una
    capiente casseruola con un filo d’olio.

  2. Rosolare per qualche minuto e sfumare con 4 litri di acqua.
    Aggiustare di sale e continuare la cottura per 30 minuti.

  3. Poi preparare le polpette:
    Mettere in una capiente terrina il pane tagliato a pezzetti.
    Bagnare con latte o l’acqua e lasciare ammorbidire bene.
    Scolarlo e strizzarlo bene e spezzettarlo con una forchetta.

  4. Amalgamare il tutto con l’aglio tritato,le uova , il parmigiano,
    il prezzemolo e aggiustare di sale e pepe.
    Impastare bene il tutto fino a formare un composto morbido modellabile.
    Formare delle polpette fino a finire tutto il composto di uova e pane.

  5. Per finire:
    Mettere le nostre polpette di pane nel brodo in ebollizione e quando iniziano
    a riaffrorare scolare e servire calde in una zuppiera e distribuire a piacere.

    Buon appetito!

Polpette di pane in brodo vegetale

Ultime ricette – Antipasti – Primi – Secondi – Dolci

SEGUIMI ANCHE SULLA MIA PAGINA FACEBOOK

LASCIAMI COMMENTO  QUI SOTTO ALLA RICETTA

TORNA ALLA HOME DEL BLOG

SEGUI IL MIO CANALE YOUTUBE E ISCRIVITI 

(Visited 2.256 times, 1 visits today)
Precedente Tagliatelle con farina di castagne con salsa di noci e speck Successivo Panini dolci morbidi ai mirtilli

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.