Tisana di Petali di Rosa – Rimedi naturali miracolosi

La Tisana di Petali di Rosa è un antico rimedio naturale utilizzato per la cura della congiuntivite, per scacciare i fastidi legati alla digestione e per curare la diarrea. Infatti le rose, soprattutto quelle canine, nei loro petali detengono molte proprietà benefiche, tra cui calcio, potassio, iodio, vitamine del gruppo A, B, e C. Inoltre l’assunzione dei petali di rose tramite tè, tisana o infuso ha effetti benefici e curativi anche per i classici malanni stagionali come: mal di gola, tosse, raffreddore e bronchite.

Per la preparazione della Tisana di Petali di Rosa utilizzate petali di rose sbocciate ma non appassite, potete scegliere se usare petali freschi o essiccati, come meglio credete.

Prendiamoci cura di noi stessi, giorno dopo giorno, d’altronde saremo le persone con cui trascorreremo la vita intera! 😉

Se la ricetta della Tisana di Petali di Rosa vi è piaciuta condividetela e seguite la pagina Facebook di Sale & Zucchero. 

Entra nella nostra community culinaria, simpatica e divertente, e lasciati ispirare dalle mie ricette!

Alla prossima ricetta ed al prossimo consiglio, non potete mancare!

  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    5 minuti
  • Cottura:
    10 minuti
  • Porzioni:
    1 tazza
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • Petali di Rose essiccati 1 cucchiaio
  • Acqua bollente 1 tazza da tè

Preparazione

  1. Prendete i petali di rose e metteteli in una ciotola con acqua fredda, ma solo per qualche istante. Asciugateli con dei fogli di carta da cucina.

    Mettete i petali in una tazza da tè e ricopriteli con acqua bollente, coprite la tazza e lasciate in infusione per circa 10 minuti.

    Filtrate il tutto e, se volete, dolcificate con un cucchiaino di miele. Bevete la tisana di petali di rose tiepida.

    N.B. Potete usare questa tisana, senza l’aggiunta di miele, per fare degli impacchi per gli occhi rossi ed arrossati.

Prova anche….

Precedente Insalata di melanzane e tonno - Ricetta Light Successivo Zuppa di lenticchie, orzo e spinaci

Lascia un commento