Come pulire seppie calamari e totani

Dato che li adoro, vi voglio raccontare Come pulire seppie calamari e totani , che sono dei molluschi molto simili e largamente utilizzati in cucina, grazie al loro sapore delicato e alla loro versatilità. Innanzi tutto occorre capire come riconoscerli, ed io, per poterlo fare, l’ho chiesto al mio pescivendolo che in breve mi ha mi ha detto questo:

La differenza principale sta nel sacco (la parte lunga), che nelle seppie è largo e piatto, mentre quello dei totani e dei calamari è allungato e affusolato, e le pinne, nelle prime sono difficilmente visibili, mentre lo sono nei calamari che si trovano su gran parte del mantello e nei totani avvolgono solo la parte inferiore del mantello. Inoltre nelle seppie è presente il famoso “osso di seppia”, assente nei calamari e nei totani che invece hanno una penna interna, trasparente e più sottile rispetto all’osso di seppia.

DSCN4583logo

 

Categoria: consigli pratici

Tempo di preparazione: 15 min. (per 6/7 pezzi)

Difficoltà: facile

 

Come procedere:

Il procedimento per pulirle è identico per tutte e  tre le specie, per prima cosa, dividete il sacco dalla testa, quindi tagliate con delle forbici a metà il sacco (la parte allungata senza  braccia e tentacoli), dove risulta essere più duro e rimuovete il famoso “osso di seppia” oppure le penne trasparenti, che nel calamaro sono più spesse mentre nel totano più sottili e affusolate.

(quello nella foto è, per l’appunto una seppia)

DSCN4584

A questo punto dovrete rimuovere gli occhi e la sacca che contiene il “nero”, quindi dividete a metà anche la testa e premete leggermente con le mani  fino a che  fuoriescono.

Collage

Fatto ciò, aprite completamente la parte delle braccia e dei tentacoli e tagliate tutto a striscioline ( a seconda della preparazione che dovrete effettuare), poi sciacquate sotto l’acqua corrente.

Collage1

Ora seppie, calamari e totani sono pronti per essere utilizzati nella maniera che preferite.

Oltre a come pulire seppie calamari e totani, vi vorrei suggerire alcuni modi per cucinarle velocemente. Per le seppie, non può mancare il classico piatto con  pomodoro e piselli, per i calamari potete ricavare degli anelli e friggerli semplicemente passandoli nella semola di grano duro ed i totani invece, sono ottimi aggiunti ad un risotto ai frutti di mare.

Vi piacciono le mie ricette? Allora seguitemi sul vostro social network preferito! 🙂  Mi trovate su Instagram  Pinterest Google+  Youtube  Twitter o sulla mia pagina Facebook per non perdere nessuna novità!!

Precedente Gnocchi ricotta e spinaci Successivo Crema di ceci al curry con gamberetti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.