Calamarata ai frutti di mare

La calamarata è un formato di pasta che si presta molto alla preparazione di primi piatti marinari e che lega molto col suo sugo; di origine campana, prende il nome dalla famiglia dei molluschi ai quali, una volta tagliati ad anelli, si riferisce per la forma.

Io voglio proporvi la calamarata ai frutti di mare per la quale ho utilizzato una pasta artiginale e trafilata al bronzo con processo di essiccazione a temperatura medio-bassa per un eccellente risultato.

Se ricco di pesce la calamarata può rappresentare un piatto unico.

calamarata OCALAMARATA AI FRUTTI DI MARE

INGREDIENTI (per 4 persone)

  • 320 g di calamarata trafilata al bronzo
  • 2 calamari
  • 500 g mix di cozze e vongole
  • 200 g di gamberi sgusciati
  • 4 scampi
  • 1 cipolla bianca
  • 1 spicchio d’aglio
  • 3 pomodori maturi
  • 2 cucchiai di concentrato di pomodoro
  • 1/2 bicchiere di vino bianco secco
  • olio extravergine d’oliva q.b.
  • 1 cucchiaio di prezzemolo tritato
  • sale e peperoncino q.b.

PREPARAZIONE:

In una padella fate rosolare lo spicchio d’aglio con qualche cucchiaio d’olio, unite le cozze e le vongole, coprite finchè saranno tutti aperti; eliminate le valve, tenendone solo qualcuna per decorare il piatto, e filtrate il fondo di cottura.

Pulite e tagliate ad anelli i calamari; gamberi e scampi a pezzi.

Lessate in acqua bollente salata la pasta.

Nella stessa padella che avete utilizzato per  le vongole fate soffriggere appena la cipolla tritata, unite un cucchiaio di prezzemolo, poi aggiungete i molluschi, i crostacei e sfumate con il vino; non appena sarà evaporato l’alcol aggiungete il fondo di cottura delle vongole, il pomodoro spellato e senza semi a cubetti ed il concentrato di pomodoro, regolate di sale e pepe e fate cuocere a fiamma vivace per 5 minuti.

Scolate la pasta al dente e fatela saltare nella padella col sugo di pesce, dopo avervi unito anche le cozze e le vongole tenute da parte.

Completate con un filo d’olio, il prezzemolo e la vostra calamarata è pronta per essere impiattata.

Se volete seguirmi per restare sempre aggiornati trovate qui la mia pagina Facebook, Twitter e Google+

 CONSIGLIO: se trovate anche delle capesante fresche aggiungetele agli ingredienti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.