Crea sito

Sockerbullar, Pariserbullar o Bomboloni Al Forno per Quanti modi di fare e rifare

Per la prima volta partecipo a una fantastica iniziativa di Quanti modi di fare e rifare, un bel modo per sperimentare nuove ricette. Questo mese si parte per la Svezia da Barbara nel suo sito MY ITALIAN SMÖRGÅSBORD per sperimentare la ricetta dei Sockerbullar, Pariserbullar o Bomboloni finalmente AL FORNO!

E’ da poco che sto sperimentando la cucina e nuovi dolci e cercavo da tempo una ricetta per i bomboloni ma fatti al forno.. sono sempre del pensiero di evitare più possibile il fritto.

Vediamo un po’ gli ingredienti dei bomboloni di Barbara con le mie variazioni scritte in grassetto accanto agli ingredienti della ricetta originale:

Parto già dicendo che la mia dose totale è di 600 g di farina, rispetto quella di barbara che è di 1200 g. Ho voluto adattare la dose per la mia impastatrice, per avere un totale di 14 bomboloni del peso di circa 60 – 65 grammi l’uno prima di infornarli

INGREDIENTI:

Pre-impasto

  • 500 g di latte 250 latte tiepido
  • 75 g di lievito di birra (18g di lievito essiccato) 40 lievito di birra
  • 25 g di zucchero semolato 13 g di zucchero 
    semolato
  • 600 g di farina (io ho usato 200g farina di forza e 400g di farina 00) 300 g di farina metà Manitoba e metà “00”

PROCEDIMENTO:

  1. Nella planetaria sciogliete il lievito con il latte tiepido e lo zucchero. Aggiungete la farina ed impastate a bassa velocità per 5~6 minuti (o per 10 minuti a mano). Fate lievitare al coperto per 30~45 minuti.

20130130_152211

INGREDIENTI:

Crema alla vaniglia

    • 1 baccello di vaniglia
    • 500 g di latte
    • 6 tuorli d’uovo
    • 125 g di zucchero semolato
    • 40 g di amido di mais
    • 25 g di burro

Io invece della crema alla vaniglia ho voluto fare la crema pasticcera al limone con meno uova (con questa dose avanza un pochino per la quantità di 14 bomboloni, ma è un piacere mangiarla con un bel cucchiaio)
Ingredienti per la crema pasticcera:

  • 4 uova
  • 120 g di zucchero
  • 1 cucchiaio colmo di farina
  • 1/2 litro di latte
  • Buccia di un limone
  1. Battere insieme i tuorli con lo zucchero, aggiungendovi poco per volta la farina.20130130_160251
  2. Sempre mescolando, unite il latte tiepido e la scorzetta del limone. Fate bollire per qualche minuto mescolando continuamente.20130130_161431
  3. Versate la crema in un recipiente di ceramica e lasciatela raffreddare prima di usarla. Sarà di buona regola dare ogni tanto una mescolatina.
(è possibile utilizzare la pellicola trasparente appena si versa la crema nella ceramica, così che si evita di mescolare fino al raffreddamento)

Impasto finale

  • Tutto il pre-impasto
  • 200 g di burro 100 di burro
  • 150 g di zucchero semolato 70 di zucchero semolato
  • 25 g di zucchero a velo vanigliato
  • 5 tuorli d’uovo 2 tuorli grandi
  • 600 g di farina (io ho usato 200 g farina organica e 400 g di farina per tutti gli usi) 300 di farina metà Manitoba e metà farina “00”
  1. Nella planetaria aggiungete al pre-impasto tutti gli ingredienti eccetto il burro, impastate a bassa velocità per 5~6 minuti (o per 10 minuti a mano). Unite il burro a piccoli pezzi, e impastate per altri 10 minuti a velocità medio-bassa (o per 15~20 minuti a mano).
  2. Lasciate lievitare per 30 minuti in una ciotola appena unta d’olio.
  3. Preriscaldate il forno a 250°C.Travasate l’impasto sul piano di lavoro infarinato e dividete in 4 pezzi, prendete un pezzo di impasto e coprite gli altri con una ciotola capovolta per non far prendere aria e formare la crosta.
  4. Dividete il pezzo in 7~10 parti di 60 g circa. (se volete potete farli più piccolini).
    Stendete con il matterello ogni parte senza far sgonfiare l’impasto, mettete un cucchiaino di crema al centro, chiudete bene i bordi e arrotondate.20130130_174736
  5. Allineate i bomboloni in una teglia ricoperta da carta forno, distanziandoli poché in cottura aumenteranno di volume.20130130_174720
  6. Cuocete per 4~5 minuti a 250°C e per altri 4~5 minuti a 220°C. Estraeteli dal forno, spennellateli con il burro fuso e cospargeteli con zucchero semolato. (Io ho preferito evitare l’uso dello zucchero semolato perché non mi piace sentirlo tra i denti e ho optato per una spolverata di zucchero a velo).

SONY DSC

Diciamo che avevo molta paura che si aprivano, così li ho riempiti poco e chiusi con troppo impasto a mo’ di fagotto, infatti sono gonfiati tanto che il risultato è stato un interno leggermente vuoto. Per essere la prima volta mi è andata molto bene.

Sono buonissimi e sono davvero soddisfatta!

Il prossimo mese siamo invitati da Francesca con una nuova ricetta da provare nel suo blog Voglio vivere così con la ricetta Pastiera di maccheroni

 

Con questa ricetta partecipo al contest

Crema e panna

Ecco la versione con ripieno di crema di nocciole

20131017_145520

20131017_145634

 

Pubblicato da Laura

Sono una ragazza dalle mille passioni. Oggi mi dedico al cucito, domani alla cucina .. poi abbandono tutto e mi dedico alla grafica e alle foto, ma non riesco a far a meno di imparare nuove cose. Troppe passioni!

52 Risposte a “Sockerbullar, Pariserbullar o Bomboloni Al Forno per Quanti modi di fare e rifare”

    1. Anna cara 😀 mi dispiace che questo sistema è
      un po’ complicato.. se non sbaglio bisogna andare sull’ ingranaggio nella parte destra accanto alla scritta sharee fare logout

       
  1. Con tanto piacere sono giunta nella tua cucina ad ammirare la tua versione di sockerbullar….a presto con tante altre buone ricette!!!

     
  2. Sono Anna di C’è di mezzo il mare, vorrei lasciare un commento ma non
    capisco come fare. Credo che mi consideri ancora la Cuochina. Mi sembra
    complicato commentare

    .

     
    1. Adesso mi lascia commentare (forse!), meno male 🙂
      Complimenti per la tua realizzazione, ottimi Sockerbullar 🙂
      Ci si vede da Francesca 🙂

       
      1. si, ho visto che hanno aggiornato la versione e allora ho tolto disqus, così mi sembra molto meglio :* grazie per la visita! Baci! :*

         
  3. Bravissima, sono riuscitissimi, anch’io ho preferito usare la crema pasticcera al limone..ed anche per me è la prima volta che riescoa partecipare..alle prossime sfide sempre puntuali..cercavo lo spazio per i followersma vedo ora che ti posso seguire su g+…vado
    A presto!!

     
  4. Purtroppo questo sistema di commenti è comodo e scomodo .. Una volta si poteva laciare anche l’ url del proprio sito o blog. Vi chiedo gentilmente di lasciarmi nel commento anche il vostro sito così che io possa ricambiare la visita in caso non sia passata . Grazie baci

     
  5. Ciao Laly sono arbanelladibasilico.blogspot.it, cioè Carla Emilia, buonissimi anche i tuoi bomboloni, sto assaggiando a più non posso, per fortuna solo virtualmente 😉 Un abbraccio a presto

     
  6. Benvenuta …vedrai che ti troverai bene, è un’iniziativa simpatica e istruttiva …complimenti per i tuoi sockerbuller sono bellissimi, e poi sono così buoni… vero?

     
  7. Belli i passaggi per fare i tuoi bomboloni, vedo che anche tu, come me, ami i piccoli elettrodomestici.
    Abbraccio.

     
    1. Adoro la tecnologia! poi d’inverno (come in questo momento) ho i geloni alle mani e avere un’impastatrice per me fa tantissimo! Grazie a presto!

       
  8. complimenti per i tuoi bomboloni.E anche per il blog…come me,posti le fasi della lavorazione di cio’ che fai ed è importante vedere passo passo come nasce una ricetta!ciaoooo

     
    1. Penso che le foto della fase della lavorazione sia importante in un blog, sia per stimolare l’uso della ricetta oltre che “certificare” che realmente è stata realizzata 🙂 La trovo comunque una soddisfazione se può essere utile a chi ci vuole provare 🙂
      Baci!

       
  9. Bomboloni inseriti!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Spero non ti dispiaccia se per ragioni di comodità, ho inserito solo
    la scritta di “Bomboloni al Forno”!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

     
  10. Grazie della ricetta, inserita!
    Ti va bene come l’ho nominata, per far capire anche agli altri che c’è il limone?
    Altrimenti, cambio…
    Un abbraccio. Stefania

     
  11. Che brava!
    Pure io stavo cercando una ricetta per bomboloni al forno e questa mi sembra proprio ottima, come ottima trovo la crema al limone…
    Complimenti!
    Ciao, Vale.

     
    1. Buongiorno signor Gian, come può notare, questo è un post dove tanti partecipanti si son divertiti a rifare questa ricetta. Originariamente il post di questi bomboloni, o bombe come le vuole chiamare lei, è di una ragazza che vive in Svezia e lì si chiamano per l’appunto sockerbullar. Una regola di questo “gioco” è di inserire il titolo originale che richiama la ricetta.
      Grazie per la visita 😊

       

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.