Pizza con l’impastatrice

Parliamo di pizza con l’impastatrice: vuoi fare la pizza ma non sei sicura che venga bene? Non hai mai provato o hai provato e non è venuta bene? Vorresti riuscire a ottenere un buon impasto sia per teglia che per pietra refrattaria? Allora sei nel posto giusto.

Per lavorare la pizza con l’impastatrice uso la Kenwood 280, ma ci sono tantissimi modelli anche di altre marche ottime sul mercato che possono esserti d’aiuto per realizzare tantissime ricette.

Prepara l’impasto un giorno prima e lascialo riposare perché l’ingrediente fondamentale di questa ricetta è il tempo, che farà lievitare e quindi aumentare di volume l’impasto producendo anidride carbonica all’interno della maglia glutinica e maturare, ossia crea la scomposizione delle strutture più complesse come amidi grassi e proteine in elementi più semplici lo rendendo più elastico e digeribile.

Segui queste istruzioni la pizza con l’impastatrice verrà benissimo.


  • Difficoltà:Bassa
  • Porzioni:2 panetti
  • Costo:Basso

Ingredienti

  • 500 g Farina 00 (per pizza media forza)
  • 310 ml Acqua
  • 3 g Lievito di birra fresco
  • 1 cucchiaino e mezzo Sale
  • 2 cucchiai Olio di oliva

Preparazione

  1. **Nel video soprastante non mostro quando viene messo in frigo prima della lievitazione**

    Sciogli nella ciotola della planetaria il lievito con l’acqua leggermente tiepida, aggiungi qualche cucchiaio di farina e aziona l’impastatrice con l’accessorio gancio ad una velocità medio bassa.
    Mentre la macchina continua a lavorare aggiungi diversi cucchiai di farina, successivamente, il sale e l’olio e lascia lavorare la macchina aggiungendo un po’ per volta la restante farina.
    Potrebbe avanzarti un po’ di farina o potresti doverne aggiungere, valuta a seconda della consistenza dell’impasto che deve essere morbido e staccarsi dalle pareti della ciotola.

  2. Metti l’impasto all’interno di una ciotola unta di olio di oliva, coprila con un coperchio o con della pellicola trasparente e riponila in frigo a maturare 24/36 ore.
    E’ stato facile fare la pizza con l’impastatrice, vero?
    Continuiamo con gli altri passaggi.

  3. Il giorno successivo riprendi l’impasto dal frigo. Hai visto che è cresciuto? Lascialo lievitare a temperatura ambiente per circa 4 ore / 4 ore e mezza dopodiché riprendi l’impasto e fai dei panetti.
    Con 500 g di farina iniziale è possibile ottenere 2 panetti per la pizza in teglia, oppure 3 panetti da 300 g l’uno per fare la pizza tonda con la pietra refrattaria.

  4. Poggia i panetti su un canovaccio pulito e coprili, sopra aggiungi un altro canovaccio bagnato con acqua e strizzato e lasciali lievitare per circa 2 ore, questo permetterà di farli lievitare evitando di formare la crosta.

  5. Accendi il forno in modalità ventilato a 240° / 250° e nel frattempo stendi la pizza sulla teglia con un filo d’olio, aggiungi i condimenti a piacere e una volta che sarà arrivato a temperatura inforna. Se desideri avere una pizza con una mozzarella filante o del prosciutto non troppo cotto, aggiungili a metà cottura.

  6. Quando i bordi della pizza saranno ben colorati questa sarà pronta.

    Se vuoi usare la pietra refrattaria clicca QUI.

  7. E’ stato difficile preparare la pizza con l’impastatrice?
    Leggi i commenti di chi l’ha provata o come te ha avuto qualche dubbio, potrai scoprire altre informazioni utili per preparare la tua pizza!

I commenti di chi l’ha provata o ha avuto difficoltà

  1. Commenti pizza con l'impastatrice

E in più ..

Che pomodoro uso sulla pizza?
Prendo il mio bellissimo barattolo di conserva di pomodori a pezzi,

SONY DSC

prendo la quantità che mi serve e lo frullo velocemente con il minipimer aggiungendo sale, olio, basilico e rosmarino. 😉

 

 

 

Ti è avanzato qualche pezzo di pizza e non vuoi mangiarlo il giorno successivo? Puoi congelarla per qualche giorno.

Può interessarti l’uso della pizza cucinata nel forno di casa con la pietra refrattaria?

Pietra refrattaria pizza pietra 2Pietra refrattaria

English version –> http://lemilleunapassione.blogspot.it/

Sai stendere una pizza rotonda?

Stendere pizza

 
Precedente Minestra di riso, zucca e patate Successivo Patate dolci condite

4 commenti su “Pizza con l’impastatrice

  1. Buonissima ricetta, ma secondo me, mancano due spiegazioni importantissimi: 1. Cuanto si lasciano le pagnottelle a lievitare? 2. Che fruste usi a planetaria, la frusta a gancio, ho prima usi la K? Grazie mille!

     
    • Ciao Giovanni!
      È difficile dirti circa quanto può essere il tempo di lievitazione, perché i lieviti reagiscono in base al calore. Io posso avere una casa più fredda della tua e magari ho bisogno di un tempo maggiore di lievitazione che magari per me possono essere 3 o 4 ore e magari per te saranno solo 2 o 3.
      Dipende se l’impasto lo tieni coperto. Dipende dalla temperatura esterna quindi se siamo in estate la lievitazione sarà più veloce rispetto all’inverno. Purtroppo non esiste un tempo standard che ti dico precisamente che ci vogliono 2 ore e dopo due ore è pronto, no! Assolutamente.
      L’unica cosa è provare, fare la pizza e affidarti anche all’istinto, solo così si potrà imparare a riconoscere un buon impasto. La frusta che uso è il gancio. Solo con quello si possono fare questi impasti per lievitati come le brioches.

       
  2. marty il said:

    …mi sono persa… ma se uso le teglie grandi rettangolari (le mie sono 45×37 cm) con un impasto da 500 g ne posso fare due??
    scusa ma è la mia prima pizza fatta in casa…. altra domanda.. non usi lo zucchero per aumentare la lievitazione?

     

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.