PANE CON SEMI DI PAPAVERO

Il pane con semi di papavero è una pagnotta che contiene poco lievito, e alla quale è stata fatta fare una lunga lievitazione, facendola anche riposare in frigorifero per una notte intera… fragrante, profumata e deliziosa, piacerà a tutti! Fare il pane in casa per me è bellissimo. Poi il profumo che sprigiona mentre cuoce è proprio buono! Sembra di essere dal panettiere. Il pane con semi di papavero lo preparo nel primo pomeriggio, lo lascio riposare per tre ore facendogli fare qualche piega, e poi dritto in frigo fino al mattino dopo.

pane con semi di papavero
  • Difficoltà:
    Media
  • Preparazione:
    20 ore
  • Cottura:
    60 minuti
  • Porzioni:
    1 pagnotta

Ingredienti

  • Farina W350 (o Manitoba) 400 g
  • Semola integrale rimacinata 200 g
  • Acqua (Temp. Amb. ) 400 g
  • Sale 15 g
  • Miele 10 g
  • Lievito di birra fresco 6 g
  • Semi di papavero 2 cucchiai
  • Olio extravergine d’oliva q.b.

Preparazione

  1. CON IL BIMBY: Mettere nel boccale il lievito, l’acqua e il miele, mescolare a velocità 3 per 1 minuto. Aggiungere le farine e i semi di papavero, poi impastare a velocità spiga per 2 minuti. In ultimo unire il sale, impastare a velocità spiga per 2 minuti.

  2. Sporcare con dell’olio le mani e tirare fuori l’impasto dal boccale. Adagiare su un piano di lavoro e con le mani dare la forma di una palla. Far riposare in un contenitore sporco di olio per tre ore, ricoperto da un asciugamano, ed ogni ora fare delle pieghe stretch and fold, cioè l’impasto verrà stirato e ripiegato più volte su se stesso prendendo un lembo d’impasto e tirandolo verso l’alto per poi ripiegarlo.

  3. Trascorso il tempo prendere l’impasto, infarinare bene e dare una forma a palla. Mettere nuovamente nel contenitore e coprire con un asciugamano o con la pellicola trasparente. Far riposare chiuso in frigorifero per 15-18 ore.

  4. Il giorno successivo prendere una teglia su cui ribaltare la pagnotta, effettuare le classiche incisioni e far riposare a temperatura ambiente per almeno 2 ore. Poi cuocere in forno caldo a 240° per 20 minuti, dopo abbassare a 200° e continuare per altri 40 minuti. Prima di tagliare a fette farlo raffreddare bene. Il pane con semi di papavero ora è pronto per essere gustato.

  5. pane con semi di papavero

    SENZA BIMBY:  Potete usare una planetaria o farlo a mano. Prima cosa sciogliere il lievito nell’acqua con il miele aiutandosi con una frusta. Unire poi le farine mischiate precedentemente e i semi di papavero. Impastare per qualche minuto poi per ultimo aggiungere il sale.

  6. Continuare ad impastare fino a quando si sarà formato un panetto elastico ed omogeneo. Sporcare con dell’olio le mani e adagiare su un piano di lavoro e dare la forma di una palla. Far riposare in un contenitore sporco di olio per tre ore, ricoperto da un asciugamano, ed ogni ora fare delle pieghe stretch and fold, cioè l’impasto verrà stirato e ripiegato più volte su se stesso prendendo un lembo d’impasto e tirandolo verso l’alto per poi ripiegarlo.

  7. Trascorso il tempo prendere l’impasto, infarinare bene e dare una forma a palla. Mettere nuovamente nel contenitore e coprire con un asciugamano o con pellicola trasparente. Far riposare chiuso in frigorifero per 15-18 ore.

  8. Il giorno successivo prendere una teglia su cui ribaltare la pagnotta, effettuare le classiche incisioni e far riposare a temperatura ambiente per almeno 2 ore. Poi cuocere in forno caldo a 240° per 20 minuti dopo abbassare a 200° e continuare per altri 40 minuti. Prima di tagliare a fette farlo raffreddare bene. Il pane con semi di papavero ora è pronto per essere gustato.

Note

Il pane con semi di papavero si conserva per alcuni giorni in un sacchetto di carta del pane. Potete anche tagliarlo a fette e congelare, oppure congelare anche intero.

Ottimo per accompagnare salumi e formaggi sia freschi che stagionati.

Potete seguirmi su FACEBOOK cliccando QUI

pane, pizze focacce lievitati

Informazioni su ledolcezzedimammanene

Sono una "pasticciona" sempre con le mani in pasta... Mi diverte cucinare per le persone che amo, e adesso lo posso fare a tempo pieno! La mia passione, l'amore per il cibo e per la cucina mi è stato trasferito dalla mia nonna, che giornalmente preparava pasta fresca e leccornie per tutti. Cucinare e pasticciare mi rilassa... ma non sono sola, con me c'è il mio inseparabile Bimby!!! Un aiuto indispensabile!!! Adesso posso dire grazie nonna... grazie bimby ;) vi lovvo!!!

Precedente CIAMBELLA ALLA ZUCCA ARANCIA E CACAO Successivo RAGU DI CARNE

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.