Ricciarelli moderni: “al cucchiaio” veloci, morbidi e facilissimi!

La storia e’ sempre quella, qui non si trova questo….quello…..e come faccio senza i Ricciarelli ?????

In Oregon non trovo di certo l’ammoniaca per dolci. Le mandorle amare? magari!

Per non parlare della carta di riso commestibile…neanche a pagarla oro!

Quindi la mia voglia di Ricciarelli e’ rimasta  nel cassetto per anni finche’ ,ieri, mi son buttata ed ho deciso di farne una versione facile, tanto per provare.  Senza ammonica, ed usando il cucchiaio dosatore.

Sorpresa!!! Onestamente questi biscottini sono semplici ma gustosissimi che non hanno nulla da invidiare ai tradizionali, se non il fatto che sono pronti in poco tempo.  Provateli anche voi!

RICCIARELLI MORBIDI

ricetta per circa 18

Per la Pasta di Mandorle fatta in casa

150 gr di farina di mandorle

220 gr di zucchero a velo

2 albumi a temperatura ambiente

1 cucchiaino di essenza di mandorla

1 pizzico di sale

Facoltativa: la scorza di un quarto di arancia

Per l’impasto

70 gr di Farina di Mandorle

1 Albume

semi di 1/2 stecca di vaniglia oppure un cucchiaino di essenza alla vaniglia

1/2 cucchiaino di lievito per dolci

Zucchero a velo ~molto abbondante~per ricoprire i Ricciarelli

COME SI FA’:

Nel contenitore di un robot da cucina, mettere la farina di mandorle, il sale e lo zucchero a velo.

Azionare le lame e lavorare l’impasto finche’ le mandorle iniziano a rilascire un po’ di olio, circa 2 minuti.

Ora unire gli albumi e l’essenza di mandorla. Azionare le lame e creare un impasto uniforme.

Sara’ molto appicciccoso e dalla consistenza di una “salsa”.

In una ciotola media, unire gli altri ingredienti e con una spatola amalgamarli.

ORA PESATE LA PASTA DI MANDORLE OTTENUTA , ve ne occorrono 380 grammi. Se ne avete un peso inferiore, aggiungete farina di mandorle fino a raggiungere tale importo.

Unite la pasta di mandorle (380 gr) all’ impasto.  Il composto risultante sara’ appiccicoso. Resistete alla tentazione di aggiungere farina o zucchero pero’!!!!!

In una teglia da forno mettete abbondante zucchero a velo  che vi servira’ per ricoprire i biscottini.

Usando un cucchiaio dosatore con la molla come questo sotto, cominciate a dosare l’impasto formando delle palline che adagierete sopra allo zucchero a velo.

ThunderGroup_SLDA024

Ogni 3 o 4 palline, ricopritele ABBONDANTEMENTE con lo zucchero a velo e da palline formate dei piccoli cilindri che adagerete sulla teglia da forno rivestita di carta forno oppure, meglio, con la tovaglietta di silicone.

Ripetete l’operazione fino a terminare l’impasto.

Se il cucchiaio dosatore rimane un po’ “impastato” con il composto, pulitelo riempiendolo con lo zucchero a velo e premendo la molla diverse volte per svuotarlo.

Con il fondo di un bicchiere o scodella, pressare i cilindretti cosi’ da ottenerne forme oblunghe simili ai Ricciarelli  e con la superficie piatta.

Lasciate riposare i  cilindretti di biscottini cosi’ come sono, nella teglia da forno, per almeno 1 ora.

Trascorso il tempo, riscaldate il forno a 150 gradi.

Quando e’ bello caldo, infornate i Ricciarelli per circa 15 / 20 minuti. I miei hanno cotto per 20 minuti.

Non devono prendere colore e freddandosi si induriranno ulteriormente.

Ecco fatti i Ricciarelli MODERNI  🙂 Si conservano in un contenitore, in frigo per almeno 3 giorni.

Secondo me sono ottimi con un bel caffe’, ma anche da soli.

Enjoy!!

Pubblicato da growingupitalian

Salve! Vivo tra due mondi, ma con i piedi per terra. E' un lusso poter scegliere il meglio di entrambi. La vita mi ha fatto questo regalo, e lo voglio condividere con Voi!! Sono nata negli anni 60 in Italia. Il mondo della televisione in Bianco e Nero, senza cibi GMO, senza smart phones. La mia infanzia e' stata costellata di persone incredibili e memorie indelebili della mia famiglia. Ora, 50 anni dopo e 10 mila km di distanza apparte, tutte queste memorie hanno contribuito ad arricchire la mia vita ..dopotutto, una ragazza puo' lasciare l'Italia, ma l'Italia non lasciam mai le sue ragazze!.Hello all. I live in between two worlds (USA and Italy) but I'm really grounded. I believe it's a luxury to be able to pick and choose the best of both. I've been given that gift and I'm sharing it with you. I was born in the 60's in Italy. Black and White pictures, no GMO, no tablets, no computers or cell phones. My childhood was starred by people and memories. It sure takes a village to raise a child...and a great family. I was blessed to have all of the above. Now, fast forward 50 years, 10,000 kilometers away. My life is richer than ever because of my upbringing. I have stories...lots of stories I will share with you. Afterall, A GIRL might leave Italy, but Italy NEVER leaves the girl!

2 Risposte a “Ricciarelli moderni: “al cucchiaio” veloci, morbidi e facilissimi!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.