Crea sito

RICETTA CRESCENTINE EMILIANE

RICETTA CRESCENTINE EMILIANE

Questa è una ricetta tipica Emilia Romagna,  le crescentine emiliane però in tutta la regione vengono chiamate in mille modi:

a Bologna si chiamano crescentine, a Cremona chizze,  torta fritta a Parma, gnocco fritto a Reggio Emilia e Modena, pinzino a Ferrara. In ciascuna zona ci sono variazioni più o meno lievi della ricetta e persino ogni famiglia vanta la propria. Una variante delle crescentine, non fritte ma cotte su appositi dischi di terracotta da cui prendono il nome, sono le tigelle modenesi.
Tradizione vuole che le crescentine si frigga nello strutto ma questa abitudine, negli anni, si è quasi definitivamente perduta a favore dell’uso di olio di arachidi perché più leggero di quello di semi.

Tutte queste informazioni le ho avute guardando Chiara Maci sul canale 33 nel suo programma TV che fa nelle varie regioni italiane.

La ricetta l’ho  sbirciata su internet nel sito del Cucchiaio d’oro ma per l’impasto ho preso quello del PANE FATTO IN CASA

 

RICETTA CRESCENTINE EMILIANE
  • Preparazione: 30+ tempi di lievitazione Minuti
  • Cottura: 3 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 25 pezzi
  • Costo: Basso

Ingredienti

  • 500 g Farina 0
  • 100 ml Latte
  • 120 ml Acqua
  • 7 g Lievito di birra secco
  • 40 ml Strutto
  • 1 cucchiaino Zucchero
  • 2 cucchiai Olio di oliva
  • q.b. Olio di semi di arachide (Per friggere)

Preparazione

  1. Per preparare le crescentine raccogliete la farina e il lievito nella ciotola della planetaria. Miscelate con un cucchiaio e aggiungete lo zucchero e lo strutto. Iniziate a impastare a bassa velocità versando l’acqua e il latte a filo. Montate il gancio a uncino e continuate a impastare fino a ottenere un impasto liscio, unendo verso la fine il sale. Trasferitelo in una ciotola, coprite con la pellicola alimentare e lasciate lievitare fino al raddoppio (circa 2 ore).

    Una volta lievitato stendete l’impasto ad altezza di un cm.

  2. Una volta steso, con l’aiuto di una rondella, tagliate l’ impasto a quadrotti.

    In una pentola mettete l’olio di semi di arachidi a friggere.

     

  3. Appena l’olio è pronto (per capirlo inserite all’interno uno stuzzicadenti, se l’olio fa tante bollicine vuol dire che è a temperatura!)

    Aggiungete due tre pezzi alla volta, appena si gonfiano inizieranno a dotarsi (un paio di minuti) girateli per un’altro minuto.

    Quando saranno pronti, scolate sulla carta assorbente.

  4. Da servire ben caldo e con un bel tagliere di salumi e formaggi.

Note

Con una buona marmellata di cipolle o miele saranno ancora più gustosi.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da emimettoaifornelli

Mi chiamo Noemi Del Papa, sono sposata da 5 anni ed ho due figli. La passione per la cucina mi ha spinta ad aprire un blog, per condividere con tutti le ricette che sono della mia infanzia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.