Pesche dolci alla pratese

Le pesche dolci alla pratese sono dei deliziosi e freschi dolcetti di morbida pasta brioche farcita con crema pasticcera e bagnati nell’alkermes, una ricetta della tradizione toscana che anticamente veniva fatta dai fornai con un impasto di pane raffermo. Io ho preparato quelle del maestro pasticcere Paolo Sacchetti e la prima volta ho pensato che ci fosse un errore dato che mancava il latte o qualsiasi altro liquido nell’impasto ma poi il risultato mi ha fatta ricredere,sono buonissime! Unica modifica il lievito di birra, ne ho messo la metà.

Pesche dolci alla pratese ,Oggi cucina nonna Virginia

INGREDIENTI

Per la pasta brioche

  • 500 g di farina
  • 150 g di zucchero
  • 160 g di burro
  • 10 g di miele
  • 10 g  di lievito di birra
  • 5 uova
  • 3 g di sale
  • la buccia grattugiata di 1 limone

Per farcire

  • 500 g di crema pasticcera
  • foglioline di menta fresca oppure in pdz

Per la bagna

  • 100 ml di acqua
  • 100 g di zucchero
  • 200 ml di Alkermes

PROCEDIMENTO

Per la pasta brioche setacciare la farina in una ciotola poi aggiungere il lievito di birra sbriciolato, lo zucchero, il miele ed il burro a piccoli cubetti e lavorare l’impasto (per chi usa il Bimby 30 sec Vel 6).

Incorporare un pizzico si sale, la buccia grattugiata di un limone e le uova e continuare ad impastare (per chi usa il Bimby 2 minuti Vel Spiga) fino ad ottenere un impasto liscio ed elastico che metteremo a lievitare in una ciotola coperta con pellicola fino al raddoppio del volume, circa 4 ore.

Nel frattempo prepariamo la crema pasticcera seguendo la ricetta che troverete cliccando quì e la metteremo a raffreddare.

Prepariamo anche la bagna scaldando in un pentolino l’acqua con lo zucchero e l’alkermes e poi lasciarla raffreddare (per chi usa il Bimby 1 min 80 °C Vel 1).

Quando la pasta brioche avrà raddoppiato il volume staccare delle palline piccole quanto una noce e sistemarle in una teglia sopra un foglio di carta forno, schiacciarle leggermente e poi lasciarle riposare per 1 ora.

Pesche dolci alla pratese ,Oggi cucina nonna Virginia

Trascorso il tempo cuocerle a 200 °C per circa 10-15 minuti finchè saranno dorate in superficie.

Scavare un incavo nella base di ogni pallina ed immergerla nella bagna.

Pesche dolci alla pratese ,Oggi cucina nonna VirginiaPesche dolci alla pratese ,Oggi cucina nonna Virginia

Riempire ogni pallina con la crema pasticcera e unirle a due a due poi passare le pesche nello zucchero semolato e decorarle con foglioline di menta oppure di pdz.

Pesche dolci alla pratese ,Oggi cucina nonna VirginiaPesche dolci alla pratese ,Oggi cucina nonna Virginia

Le pesche dolci alla pratese sono pronte…buon dessert!!!

Consigli: lasciare bene inzuppare le palline di pasta brioche nella bagna. Le pesche alla pratese devono riposare mezza giornata almeno in frigorifero per far sì che i sapori si armonizzino alla perfezione. Per una lievitazione più veloce raddoppiare la dose del lievito di birra.

Se ti piacciono le nostre ricette ci trovi anche su twitter , su G+ e su Pinterest 

Iscriviti alla newsletter cliccando quì per rimanere sempre aggiornato sulle nostre ricette.

Pesche dolci alla pratese

2 Risposte a “Pesche dolci alla pratese”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.