Crea sito

Involtini di pesce spatola, ricetta per Natale e della ‘consolazione’

Gli involtini di pesce spatola l’ho chiamati ricetta  della ‘consolazione’ perchè è la prima dopo il test di preselezione per il concorsone nella scuola che non ho superato per 2 punti 🙁 Per un’insegnante eternamente precaria come me era un’occasione e quindi ho dovuto trascurare il mio blogghino per studiare!!! adesso si torna ai fornelli con la stessa grande passione di sempre e con questi involtini di spatola, suggerimento per un secondo piatto a Natale 😉

[banner size=”468X60″]

INGREDIENTIIMG_2180

  • 1 pesce spatola sfilettato
  • panatura profumata (quì) arricchita con scorzetta di limone
  • mezzo limone
  • olio e.v.o.
  • stecconi per spiedini

 

 

 

PROCEDIMENTO

Per fare questi involtini ho comprato un pesce spatola di 1 kg e l’ho fatto sfilettare dal pescivendolo ottenendo dei pezzetti per involtino, alcuni per cotoletta e due da arrostire semplicemente.

IMG_2175

Prima di procedere alla preparazione arricchire la panatura profumata con la scorza grattugiata di mezzo limone per dare un bel profumo fresco.

Con i tranci più lunghi ho fatto gli involtini: ungerli con olio e.v.o. e passarli nella panatura profumata poi arrotolarli lasciando la pelle nella parte interna ed infine infilzarli con lo steccone per spiedini, ne ho messi tre per ogni steccone.

IMG_2177IMG_2176

Arrostire la spatola sulla piastra calda mantenendo la fiamma a fuoco medio per non bruciare il pesce e rigirandolo da tutti i lati. I tranci più corti li ho fatti a cotoletta per la mia bimba ma anche questi si possono arrotolare per fare gli involtini.

IMG_2178

Condire con olio e.v.o. e servire caldi. Questa sì che è stata una bella consolazione, che ve ne pare? ;)…buon appetito!

IMG_2179

Se ti piacciono le nostre ricette segui Oggi cucina nonna Virginia anche su facebook

[banner]

2 Risposte a “Involtini di pesce spatola, ricetta per Natale e della ‘consolazione’”

  1. Mannaggia mannaggia, per soli due punti! 🙁 Speriamo che ne facciano un altro prossimamente, conosco tanti che aspettano da una vita di poter uscire dalla condizione di precari. Comunque questa ricetta mi sembra un ottimo modo per non pensarci e consolarsi un po’ 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.