Crea sito

Zuppa di zucca

La zuppa di zucca è un piatto caldo tipicamente autunnale. Il sapore dolciastro della zucca viene risaltato dall’utilizzo di erbe aromatiche quali alloro, timo, maggiorana e prezzemolo.
E’ un ottimo e sostanzioso primo piatto da consumare nei mesi più freddi dell’anno, accompagnato da dei crostoni di pane abbrustoliti in forno o in padella.

Zuppa di zucca

zuppa di zucca ricetta nella cucina di martina

Ingredienti (dosi per 4 persone)
600 g di polpa di zucca
1 l di brodo vegetale
2 cucchiai di farina
Olio extravergine d’oliva q.b
Uno spicchio d’aglio
Un ciuffo di prezzemolo
Una foglia di alloro
Timo
Maggiorana
2 cucciai di aceto
Zucchero q.b
Pepe e sale q.b

Procedimento
Tritate il prezzemolo. Sbucciate la zucca, privatela dei semi, lavatela e tagliatela a dadini di circa 2,5 cm di lato. Asciugatela, infarinatela e fatela dorare in una casseruola con l’olio caldo, mescolando di tanto in tanto.
Unite il prezzemolo tritato, l’aglio schiacciato, mezzo cucchiaino di timo e di maggiorana, un pizzico di sale e una abbondante macinata di pepe. Mescolate e lasciate insaporire per due minuti.
Bagnate con l’aceto e unite mezzo cucchiaino di zucchero. Fate evaporare e aggiungete il brodo caldo e cuocete a recipiente coperto per circa 20 minuti.
Servite subito, ben caldo, accompagnato da dei crostini di pane.

N.B: se non amate l’agrodolce, e quindi non gradite il gusto della zucca abbinata all’aceto evitate di aggiungere quest’ultimo e bagnate la preparazione con 4 cucchiai di vino bianco secco. In questo caso non aggiungete lo zucchero.

zuppa di zucca ricetta nella cucina di martina

Curiosità: la zucca è un ortaggio che si consuma soprattutto in autunno, ma non tutti la gradiscono. Questa verdura contiene beta carotene, utili nel combattere i radicali liberi e per rafforzare il sistema immunitario. Oltre alla polpa si possono mangiare tutte le parti della zucca: la buccia, i semi (ricchissimi di proteine), le foglie (che possiamo utilizzare per insaporire la zucca durante la sua cottura oppure friggerle e mangiarle calde), i viticci, i fiori e i germogli.

Pubblicato da martina

Blog manager per la piattaforma blog Giallozafferano ( Gialloblog) e blogger per hobby. Nel mio blog racconto di me attraverso le ricette che mi piace cucinare... per tutto il resto c'è facebook!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.