Besciamella all’arancia

La ricetta della besciamella classica è una di quelle preparazioni base che non mancano mai nei più classici dei ricettari.
Molti preparano la besciamella ad occhio perché in realtà in base alla consistenza desiderata, si sceglie la dose della farina e di latte.
Ma nel momento in cui si decide di variarla ed aggiungere qualche ingrediente in più, potrebbe essere utile seguire le dosi indicate.
È questo il caso della mia besciamella all’arancia.
Il gusto è fine e delicato e vi assicuro che non è per niente stucchevole o disgustoso, tutt’altro.
Se usato con le giuste pietanze, dona sapore e raffinatezza ai piatti.
E allora pronti a scoprire la ricetta?

  • DifficoltàMolto facile
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura8 Minuti
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

120 ml di latte
40 gr di farina
1 arancia grande(succo e buccia)
Un pizzico di sale
20 gr di burro

Strumenti

Passaggi

La besciamella all’arancia è molto semplice da preparare.



Tagliate in due l’arancia,una parte della buccia la tagliate e l’altra la grattugiate.
Premetela poi con l’aiuto di uno spremi agrumi.
In un pentolino lasciate sciogliere il burro ed unite la farina.
A parte fate scaldare il latte con la buccia d’arancia (se biologica è meglio).

Una volta formata la pastella di burro e farina, unite il latte riscaldato senza senza togliere le bucce e mescolate.Dopo un minuto circa unite anche il succo d’arancia.Mescolate e raggiungete la consistenza desiderata aggiungendo latte se la volete più liquida e più farina se la preferite più densa.

Grattugiate una parte della buccia ed unitela alla besciamella ed alla preparazione che desiderate portare in tavola.Sarà un successone 😉

SU QUALI PIATTI POSSO UTILIZZARE LA BESCIAMELLA ALL’ARANCIA?

Può essere usata per lasagne con verdure (tipo carciofi, zucchine, porri..), ci si può condire la pasta, può essere usata su pietanze di pesce o per la carne e verdure in genere.

CONSERVAZIONE

La besciamella può essere conservata in frigo per due tre giorni. Se volete potete tenerla in freezer e scongelarla all’occorrenza.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.