Crea sito

Cestini di Parmigiano ripieni di Trofie ai Funghi e Gamberetti in crema di Zafferano – Rita Z.

La nostra amica Rita Z. ci invia questo meraviglioso e gustosissimo primo piatto, Cestini di Parmigiano ripieni di Trofie ai Funghi e Gamberetti in crema di Zafferano, un piatto adatto per qualsiasi occasione speciale!

 

Cestini di Parmigiano ripieni di Trofie ai Funghi e Gamberetti in crema di Zafferano

Vediamo, passo passo, come si preparano

Ingredienti :

  • 1/2 chilo di trofie
  • 250 g di funghi puliti e tagliati a dadini
  • 350 g di gamberetti sgusciati
  • 2 bustine di zafferano
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • 3 spicchi d’aglio,
  • 3-4 bicchieri di panna da cucina o formaggio spalmabile
  • Sale
  • Pepe
  • olio evo
  • erba cipollina

Per i cestini:

Preparazione:

Preparate i cestini: in una padellina antiaderente mettete il parmigiano dandogli una forma circolare,fate cuocere a fuoco basso fino a quando farà delle bollicine,togliete dal fuoco,lasciate intiepidire e delicatamente con una spatola, mettetelo su una tazza capovolta e fate raffreddare.

Fate dorare l’aglio con un filo d’olio evo, quindi toglietelo e aggiungete i funghi,mescolate per qualche minuto e aggiungete i gamberetti,mescolate,aggiungete il vino e lasciate sfumare.

Regolate di sale e pepe,mettete il coperchio e fate cuocere mescolando ogni tanto.

A cottura ultimata,aggiungete una bustina di zafferano e la panna o formaggio spalmabile.

Lessate le trofie con l’ altra bustina di zafferano, scolatele,versatele nella padella con il condimento e,se necessario,aggiungete qualche cucchiaio di acqua di cottura della pasta,per raggiungere la cremosita’ desiderata.

Riempite i cestini con la pasta e servite tagliuzzando sopra qualche stelo di erba cipollina.

Informazioni:

  • Tempo di preparazione: 30 minuti
  • Tempo di cottura: 20 minuti
  • Tempo totale:  50 minuti

Se la ricetta è stata di tuo gradimento metti mi piace sulla Pagina Facebook del Blog

Torna alla HOME PAGE

Vedi anche

Cestini di parmigiano – by Veronica

Cocktail di gamberetti su cestino di parmigiano

Paccheri con pesto, pistacchio e gamberetti

Risotto arancia e gamberetti

Approfondimenti

I gamberi più commercializzati per l’alimentazione UMANA sono quelli di acqua salata anche se, in certe zone, quelli di acqua dolce rivestono un ruolo alimentare di tutto rispetto.

I gamberi fanno parte anche dell’alimentazione di numerose specie acquatiche e subacquee, pertanto, la loro cattura può essere finalizzata al supporto di allevamenti ittici specifici (come quello del salmone).
In definitiva, i gamberi si possono classificare per:

  1. Habitat (gamberi di acqua dolce o di acqua salata)
  2. Provenienza (gamberi italiani o mediterranei e gamberi oceanici).

I gamberi “propriamente detti” vivono a tutte le batimetriche, colonizzano pressoché l’intero pianeta e spesso risultano morfologicamente differenti tra di loro; elencare tutte le specie di gamberi non sarebbe di alcun aiuto ai lettori, pertanto di seguito cercheremo di illustrare con maggior chiarezza le razze più interessanti rispetto ai soliti gamberi (argentino, blu, californiano ecc.) presenti nei freezer dei supermercati o sui banchi dei mercati ittici.

  • Gamberi Mazzancolla: genere Penaeus (famiglia Penaeidae), le specie sono molto numerose e diffuse. Il gambero mazzancolla italiano/mediterraneo ha colorazione chiara, tra il bianco e il grigio, che comunque oscilla in base al fondale. Vive in batimetriche tra i 5 e i 50m di profondità e raggiunge i 20cm per 100g di peso. E’ molto pregiato e (in Italia) è noto come Gambero Imperiale o Spannocchia.
  • Gamberi indopacifici o gamberoni: genere Metapenaeus (famiglia Penaeidae); ne esistono alcune specie e sono TUTTI gamberi di dimensioni maggiori rispetto alla categoria suddetta. Generalmente sono prodotti della pesca oceanica, principalmente dell’Indiano e del Pacifico.

Gamberetti di mare:

  • Gamberi Boreali: nome latino Pandalus borealis (famiglia Pandalidae); colonizza sia l’Oceano Atlantico che il Pacifico e vive tra gli 0 ed i 9°C fino a 400m di profondità. Vanta una notevole importanza alimentare e commerciale.
  • Gamberi Rockpool Prawn: nome latino Palaemon elegans (famiglia Palaemonidae); lungo 12-13cm, è trasparente e vive prevalentemente alla luce. E’ presente nel Mediterraneo e nell’Oceano Atlantico.
  • Gamberi Common prawn: nome latino Palaemon serratus (famiglia Palaemonidae); lungo circa 6cm, è biancastro e vive prevalentemente all’ombra o al buio. E’ presente nel Mediterraneo e nell’Oceano Atlantico.
  • Gamberi Posidonia: nome latino Palaemon xiphias (famiglia Palaemonidae); vive a Madeira, sulle isole Canarie e nel Mar Mediterraneo; è presente tra 0,5 e 10 m di profondità in mezzo alla Posidonia oceanica e raramente nelle praterie algali.

Tratto da http://www.my-personaltrainer.it/alimentazione/gamberi.html