Brodo vegetale per lo svezzamento

Brodo vegetale per le prime pappe!

brodo vegetale per le prime pappe dei bambini, svezzamento

Dopo il 5°-6° mese il bebè non si accontenta più dell’amatissimo latte materno, e dunque non più solo latte. Se non ci sono “direttive” diverse dal vostro pediatra, che oggi più che mai sostengono l’allattamento materno esclusivo anche fino a un anno, questo è il momento giusto per introdurre gradatamente la nuova alimentazione con il “vero” cibo e dare il via quindi allo svezzamento.

E così dopo la prima mela grattugiata, arrivano le prime pappe semplici proposte col cucchiaino.

Ogni pappa che si rispetti, almeno all’inizio, non può prescindere da un buon brodo vegetale, che vedrà solo poche verdure in principio. Salvo poi aggiungerne delle altre in misura di un nuovo ortaggio alla settimana, per valutare eventuali intolleranze.

Gli ortaggi e le verdure da proporre dopo le prime verdure del brodo vegetale che vado a proporvi saranno: la zucca, la lattuga, qualche foglia di spinaci o bietole, il sedano, la cipolla dolce, i fagiolini, e così via, seguendo comunque sempre la stagionalità.

Il primo brodo vegetale

Ingredienti per circa 600/700 g di brodo

una patata media

una carota

una zucchina

un litro d’acqua

brodo vegetale per le prime pappe dei bambini, svezzamento

Sbucciate la patata. Pelate la carota e spuntate la zucchina. Lavate molto bene le verdure e mettetele in una pentola che le contenga bene.

Coprite con l’acqua fredda, coprite inserendo un cucchiaio di legno tra il coperchio e la pentola (dev’essere semicoperta). Non aggiungete sale. Accendete il fornello e portate ad ebollizione.

Abbassate la fiamma e lasciate sobbollire per circa un’ora fino a quando vedrete che il liquido si sarà quasi dimezzato.

Filtrate il brodo e utilizzate la quantità necessaria alla preparazione della pappa.

Il brodo restante potrà essere conservato in frigorifero per 24 ore oppure potrete suddividerlo in porzioni e conservarlo in freezer. Potrete scongelarlo comodamente in un pentolino oppure al microonde all’occorrenza.

 

Lascia un commento