Risotto allo zafferano – versione vegetariana

Il risotto allo zafferano è un primo piatto semplice e veloce. Ho specificato versione vegetariana perché la ricetta originale prevede l’uso del midollo di bovino e del suo brodo. Io come sempre tendo a facilitare e alleggerire le ricette e quindi utilizzo solo brodo vegetale e una bustina di zafferano. Il risultato è un piatto molto buono. Un idea per preparare una cena appetitosa in poco tempo e utilizzando pochi ingredienti.

Risotto allo zafferano

Portata: Primo piatto

Costo: Basso

Tempo di preparazione: 10 minuti

Tempo di cottura: 45 minuti

Tempo della ricetta:  55 minuti

Risotto allo zafferano – versione vegetariana

Ingredienti per 2 persone:

200 g di riso Arborio

1 bustina di zafferano

1 scalogno

1 L di brodo vegetale preparato con 1 scalogno, 1 spicchio di aglio, 1 carota e 1/4 costa di sedano, sale.

Vino bianco secco q.b.

Sale q.b.

Olio evo q.b.

3 cucchiai di parmigiano reggiano grattugiato

Preparazione:

Iniziamo a preparare tutti gli ingredienti del risotto:

  1. Fare il brodo vegetale bollendo per almeno 30 minuti cipolla, carota, sedano e aglio in 1,L di acqua salata. Filtrare e tenere in caldo.
  2. Lavare, asciugare e tritare finemente lo scalogno.

A questo punto fare rosolare lo scalogno in olio utilizzando una adatta padella per risotti. Unire il riso e farlo tostare. Sfumare con il vino bianco e mescolando di tanto in tanto portare a cottura il riso aggiungendo il brodo mano a mano che viene assorbito. A 5 minuti circa dalla cottura disperdere in poco brodo lo zafferano e mescolare bene per omogenizzare il tutto. A fuoco spento mantecare con parmigiano (se volete rendere il piatto più cremoso aggiungere una noce di burro). Servire e gustare.

Curiosità:

La preparazione di un buon risotto ha due fasi fondamentali: la tostatura iniziale e la mantecatura finale. La prima permette al riso di essere ben sgranato mentre la seconda operazione lo rende bello cremoso. Per fare una buona tostatura è consigliabile quindi mettere il riso nella pentola senza grassi. In questo modo non corriamo il rischio di bruciare la cipolla. I grandi chef (come Luca Montersino) consigliano infatti di pastorizzare la cipolla al microonde e unirla al riso già tostato e sfumato con il vino.

Precedente Vellutata di patate e broccoli Successivo Pasta arancia e limone

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.