Coppa allo yogurt greco con Moscato di Terracina Passito “Psiche”

Amo sulla tavola,
quando si conversa,
la luce di una bottiglia
di intelligente vino.

(Pablo Neruda-Ode al vino)

 

Tra il mio girovagare, mi imbatto spesso in prodotti interessanti. Nel mio bel Lazio ci sono tante leccornie che andrebbero riscoperte o conosciute meglio. Il Moscato di Terracina è una di queste, una DOC dal 2007 che ottiene sempre buoni riconoscimenti nei concorsi nazionali ed internazionali. Sembra proprio che la Maga Circe ammaliò Ulisse ed i suoi compagni con la dolcezza di questo nettare al quale non seppero resistere.
L‘Azienda Agricola “Le Anfore” produce uno splendido Passito con queste uve, vendemmiate a mano nella prima decade di ottobre e poi lasciate appassire su i graticci sotto il vento che viene dal mare. La fermentazione avviene in acciaio e l’affinamento in piccole botti di rovere per almeno 6 mesi dopo i quali si passa all’imbottigliamento. Dal caratteristico colore ambrato e dagli aromi ampi, in bocca è morbido, vellutato e dolce senza essere stucchevole. Gradevolissimo. Ho pensato di utilizzarlo in questa coppa facendone anche delle sfere per mantenerne il gusto separatamente.

Le uve sui graticci per l’appassimento

Ingredienti per 4 coppe

  • yogurt greco  gr 450
  • zucchero gr 80
  • 4 tuorli
  • 2 bicchierini di Moscato di Terracina Passito
  • mandorle sgusciate gr 50
  • 8 biscotti al burro (oppure degli amaretti)

Per le sfere

  • Moscato di Terracina Passito gr 100
  • Agar Agar gr 1
  • Olio di semi lt 0,500

Preparazione

In una ciotola montate molto bene i tuorli con lo zucchero, aggiungete il Passito e lo Yogurt e poi incorporateli delicatamente. Tostate leggermente le mandorle e poi frullatele, quindi unitele alla crema. Sbriciolate i biscotti e metteteli sul fondo delle coppe. Dividete la crema su ogni coppa e poi mettetele in freezer coperte dalla pellicola per circa mezz’ora. L’alcool manterrà la crema morbida.

Nel frattempo, versate l’olio di semi in un contenitore cilindrico e riponetelo in freezer. Mettete a scaldare il moscato in un pentolino. Appena inizia il bollore, spegnete la fiamma, aggiungete l’agar agar e fatelo sciogliere. Togliere l’olio dal freezer, versare il liquido all’interno di uno squeezer (biberon da cucina) e far cadere una goccia alla volta dentro l’olio creando delle sfere. Raccoglierle ed asciugarle delicatamente. Queste sfere “scoppieranno” in bocca quando verranno schiacciate dalla lingua e sono delle gocce di Passito praticamente intatte.

Togliete le coppe dal freezer e decoratele con le sfere, le ho accompagnate con dei bicchierini di Passito perché, ricordatevelo, al dolce si abbina sempre un vino dolce! Niente brut! Si va sempre in assonanza.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
Precedente Le Sibille: tra spezie e opere d'arte Successivo Pancetta di maiale croccante