Troppi zuccheri e sale nel cibo spazzatura: il parere dei dottori

I migliori medici inglesi hanno accusato l’industria alimentare di “aver fallito con il pubblico” e chiede tasse per alimenti non salutari ricchi di zucchero e sale, ovvero per il “cibo spazzatura”.

La dott.ssa Dale Sally Davies, funzionario medico capo, ha dichiarato che il suo sogno è quello di rendere frutta e verdura più economica per tutti, grazie al ricavato delle tasse che pagherebbero tutti i fast food del mondo.

Nel suo rapporto annuale, ha anche invitato il governo a vietare lo zucchero aggiunto in vasetti di alimenti per bambini. L’industria alimentare ha affermato che le tasse non cambierebbero il comportamento dei consumatori.

La relazione di Dame Sally Davies prevede di creare una nazione più sana entro il 2040, con l’obiettivo di migliorare l’ambiente in cui viviamo per rendere più facile per le persone essere più sani.

Ciò significa affrontare le cause evitabili del 50% delle malattie croniche e del 40% dei tumori, vale a dire, dieta malsana, fumo, inattività fisica, bere troppo alcol e inquinamento atmosferico, ha detto.

Sulla base del successo della tassa sulle bevande zuccherate introdotta ad aprile, Dame Sally vuole che il governo faccia di più per costringere l’industria alimentare a tagliare zucchero e sale nel nostro cibo quotidiano, o almeno in quello presente da MC Donald’s e tutti gli altri famosi fast food.

“I settori che danneggiano la salute devono pagare per i loro danni o sovvenzionare scelte più sane”, dice il rapporto.

Dame Sally ha detto che l’obesità è una questione di disuguaglianza, con bambini e adulti nelle comunità più povere che hanno più probabilità di avere malattie legate al loro peso in età precoce e che durano più a lungo.

La signora Sally ha accennato che vorrebbe vedere le tasse di cibi malsani e sovvenzionare frutta e verdura, ma ha riconosciuto che questo sarebbe solo un “sogno”, molto difficile da realizzare.

Kate Halliwell, responsabile della politica alimentare e della salute nel Regno Unito presso la Food and Drink Federation, ha affermato che alcuni produttori hanno ridotto lo zucchero e il contenuto calorico nei cibi per più di un decennio.

Ma ha ammonito che cambiare le ricette per i prodotti alimentari non è una cosa immediata da mettere in regola.

“Lo zucchero svolge una varietà di ruoli oltre la dolcezza nel cibo, inclusi il colore, la consistenza e la consistenza in moltissimi prodotti industriali moderni.”

E ha detto che il controllo delle porzioni e la riformulazione dei prodotti, piuttosto che le tasse, sono politiche che hanno maggiori probabilità di modificare il comportamento dei consumatori.

“Le aziende alimentari e delle bevande dovrebbero concentrare gli sforzi dove possono avere il massimo impatto, invece di gestire l’impatto di una legislazione sbagliata”.

Nel frattempo, il governo ha annunciato che l’anno prossimo verranno donati 3,13 miliardi di sterline ai consigli in Inghilterra per iniziative in materia di salute pubblica, come servizi per smettere di fumare, servizi di gestione del peso e sostegno all’esercizio fisico.

Informazioni davvero interessanti da rapportare anche in Italia. E voi cosa ne pensate di una tassa per i fast food che vendono prodotti troppo zuccherati e/o salati?

loading...
Precedente 5 cibi da evitare: peggiorano l’infiammazione del corpo Successivo Dieta Detox da fare poco prima di Natale: affronterete i pasti al meglio