Girelle di pasta sfoglia, nuovi abbinamenti!

Girelle di pasta sfoglia

Ciao a tutti! Chissà quanti di voi, come me, sono alle prese con l’organizzazione del cenone di capodanno. Avendo il compito di preparare qualche sfizioso antipasto, mi è venuto in mente di riproporre le irresistibili Girelle di pasta sfoglia, ricetta velocissima che si può preparare praticamente all’ultimo momento. Basta avere un bel rotolo e un po’ di fantasia, e il gioco è fatto![banner network=”altervista” size=”468X60″]

  • Ingredienti per le girelle di pasta sfoglia:

  • 1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare,
  • 50 g circa di speck,
  • q.b. di Philadelphia o altro formaggio spalmabile,
  • 100  g circa di emmenthal,
  • 1 zucchina grande,
  • q.b. olio e sale.

Per prima cosa tolgo il rotolo di pasta sfoglia dal frigo una ventina di minuti prima di cominciare, per poterlo utilizzare a temperatura ambiente.

Poi accendo il forno, ventilato, a 180°C (nel mio forno c’è la funzione “pizza”), e comincio a comporre le mie girelle di pasta sfoglia.

Srotolo bene la pasta e la divido a metà per il lato lungo.

Per fare le girelle di pasta sfoglia vegetariane, con le zucchine e l’emmental, affetto sottilmente per il lungo la zucchina e la scotto in padella velocemente con un filo d’olio. Dopo aver scolato le fette, aggiusto di sale e le lascio raffreddare. Nel frattempo faccio le girelle con lo speck.

Su una metà del rotolo spalmo una generosa quantità di formaggio fresco spalmabile (philadelphia o simili), poi ci dispongo sopra le fette di speck e, facendo attenzione a non far uscire il condimento, arrotolo nel verso del lato corto. Chiudo bene facendo una leggera pressione con le dita lungo il bordo e poi faccio le girelle di pasta sfoglia, tagliando con attenzione il rotolo in tante fette larghe poco meno di un centimetro. Questa combinazione di sapori me l’ha suggerita la mia cugina Daniela (qui il suo blog), che è una maga dei dolci ma che se la cava parecchio anche con i salati. Lei con questi ingredienti fa uno strepitoso strudel salato!

Fatte le prime girelle di pasta sfoglia, “attacco” col secondo gusto. Dispongo sull’altra metà del rotolo le fette di zucchina saltate in padella, sopra metto l’emmental (ma va bene qualunque altro formaggio dolce filante), e chiudo bene come ho fatto prima, stando attenta a tenere dentro il condimento. Taglio e dispongo tutte le girelle di pasta sfoglia sopra la carta forno, in una teglia o nella leccarda del forno.

Metto nel forno ben caldo per circa 15 minuti. Le girelle di pasta sfoglia sono ottime da gustare calde ma anche fredde mantengono intatta la loro fragranza e il loro gusto sfizioso!

Se volete altre combinazioni di sapori guardate qui.

Buon aperitivo! 🙂

[banner]

Oggi è l’ultimo dell’anno e ne approfitto per farvi i miei più cari auguri! Che il 2013 vi porti tanta salute, serenità e giorni felici!
Vi ricordo anche che si può festeggiare e divertirsi anche senza sparare i botti: vi prego evitateli, perché non solo sono pericolosi per noi, ma provocano tanti problemi anche agli animali, selvatici e domestici!

no ai botti di PetPassion.tv

2 Risposte a “Girelle di pasta sfoglia, nuovi abbinamenti!”

  1. ciao
    ho provato le girelle con prosciutto cotto e sottilette, che si sono sciolte praticamente tutte fuori dalle girelle. ho sbagliato formaggio? ho cotto troppo (25′)?
    grazie

    1. Ricciaifornelli ha detto:

      Ciao Nanni!
      Mi dispiace per questo inconveniente! Secondo me le hai lasciate troppo nel forno, essendo piccine, le girelle cuociono in meno tempo rispetto ad una torta salata o un panzerotto, a 180°C ventilato io non le lascerei più di 12-15 minuti, anche meno secondo il forno… la prima volta non vanno perse d’occhio proprio perché ogni forno ha una resa diversa.
      Sulle sottilette non saprei dirti, non le uso mai, forse si son dissolte proprio per la cottura prolungata. D’altra parte la loro caratteristica è di fondere molto in fretta!
      Fammi sapere come va se le rifai! 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.