Filetti di Salmone alla Pasquale

Quando ero bambina, con la mia famiglia andavamo spesso a mangiare in un buonissimo ristorantino di pesce : “da Pasquale”, lo chiamavamo noi, poiché il proprietario si chiamava così, anche se il nome del ristorante era un altro.

Lì, tra le varie prelibatezze – che alla fine sono entrate a far parte dei ricordi culinari della mia vita e della mia famiglia, c’era questo antipasto-secondo a base di tenerissimi filetti di salmone.

Tempo fa ho comprato il salmone all’ ikea e l’ho cucinato in un certo modo…avendone fatto parecchio è avanzato e assaggiandolo il giorno dopo ho risentito lo stesso sapore del “salmone di Pasquale”.

Ho ricomprato subito del buonissimo salmone dal pescivendolo, e tutti gli ingredienti che mi ricordavo a memoria di quel piatto, e ho provato a rifarlo.

Che dite? Iniziamo a cucinare?

 

  • Preparazione: 25 Minuti
  • Cottura: 20 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 6 persone
  • Costo: Economico

Ingredienti

  • 700 g Filetti salmone freschissimo
  • 2 Cipolle bianche o Tropea (Grandi)
  • 2 Limoni Spremuti
  • 1 cucchiaino Sale (raso)
  • 1 cucchiaino Zucchero
  • qb Uvetta
  • 2 Carote (a piacere)
  • 30 g Pinoli
  • qb Pepe
  • qb Farina (per infarinare)
  • un filo Olio extravergine d'oliva
  • qb Acqua
  • 1 cucchiaio Aceto (abbondante)

Preparazione

  1. Prendere i filettoni di salmone (ossia il trancio privato della lisca centrale rotonda), togliere le lische infilate nella carne con l’aiuto di una pinzetta da pesce.

  2. Tagliare i filettoni in trancetto più piccolini di circa 120 gr ciascuno.

  3. Infarinare leggermente i tranci nella farina.

  4. Far rosolare in una padella precedentemente unta con olio. Appena comincia a soffriggere aggiungere il succo di due limoni spremuti.

    Far evaporare e far cuocere a fuoco normale per una decina di minuti.

  5. Nel frattempo far tostare i pinoli, mettere a bagno l’uvetta, tagliare la cipolla a striscioline e metterla in una casseruola con un goccio d’olio, un goccio d’acqua , un cucchiaino di sale e uno di zucchero. Nel momento in cui soffrigge aggiungere un cucchiaio abbondante di aceto e far sfumare. mandare avanti la cottura finchè le cipolle non saranno stufate. A piacere far cuocere a parte le carote tagliate a rondelle con un filo d’olio e un po’ d’acqua fino a che saranno stufate.

  6. Disporre il salmone su un piatto da portata, salare, pepare cospargere con i pinoli tostati, l’uvetta sgocciolata, le carotine e le cipolle stufate.

    Raffinato, delicato e non convenzionale.

Note

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.