Crea sito

Risotto alla zucca e salsiccia

Il risotto alla zucca e salsiccia è un primo piatto pieno di sapore e gusto. La dolcezza della zucca si sposa con la salsiccia per un connubio perfetto, tutto profumato al rosmarino, che dire un risotto eccezionale, si preparara in modo semplice, per un risultato che stupirà i vostri commensali.

  • DifficoltàMolto facile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di riposo2 Minuti
  • Tempo di cottura40 Minuti
  • Porzioni4
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 500 gZucca
  • 250 gSalsiccia (fresca)
  • 1Cipolla rossa di Tropea
  • Olio extravergine d’oliva
  • 1 ramettoRosmarino
  • 350 gRiso (per risotti)
  • Sale
  • 1 pizzicoPepe nero in grani (macinato)
  • 1/2 bicchierinoVino bianco
  • 1 lBrodo vegetale

Preparazione

  1. In un ampio tegame fate rosolare la cipolla rossa con un filo d’olio extravergine d’oliva, facendola appassire.

  2. Quando sarà appassita unite la salsiccia, facendola rosolare e sfumandola con il vino bianco, quando il vino avrà evaporato, unite la zucca che avrete pulito e tagliato a dadini.

  3. Unite un filo d’acqua un pizzico di sale e il pepe, fate cuocere il tutto per una trentina di minuti.

  4. Quando la zucca e la salciccia saranno cotti, unite il riso nel tegame mescolate e fate cuocere il tutto aggiungendo di tanto in tanto dei mestoli di brodo vegetale, ci vorrano 15 minuti dipende dal riso che avete scelto, quando sta per asciugare rimboccate di brodo e proseguite la cottura, aggiustando di sale se serve.

  5. Fate asciugare spegnete il fuoco e fate riposare il risotto per 2 minuti, impiattate e servite ben caldo

Fonte WIKIPEDIA
La zucca è comunemente usata nella cucina di diverse culture: la polpa di zucca si consuma cotta, i semi si mangiano abbrustoliti e opportunamente salati, crudi sono stati utilizzati per le proprietà vermifughe e tenifughe, inoltre da essi viene estratto un olio commestibile dal gusto delicato. La zucca è un ortaggio che si presta a mille ricette: si consuma cucinata al forno, al vapore, nel risotto o nelle minestre, fritta nella pastella, alcune si conservano tagliate a fette ed essiccate. Particolarmente famosi sono i tortelli alla mantovana, ripieni appunto dell’omonima varietà di zucca.
Anche della zucca si possono usare i fiori, solamente quelli maschili, quelli cioè con il gambo (peduncolo) sottile, che dopo l’impollinazione sono destinati ad appassire, da friggere, dopo averli impanati, come quelli delle zucchine.
Le specie più usate in cucina in Italia sono, per esempio, Cucurbita maxima, come la Zucca Marina di Chioggia, e Cucurbita moschata, come la Zucca di Napoli.
/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.