Trofie al sugo di salsiccia

Le Trofie al sugo di salsiccia sono un primo piatto ricco e saporito, perfetto per i pranzi della domenica, ma non solo. Va benissimo anche per un pranzo veloce infrasettimanale, in quanto il sugo lo potete tranquillamente preparare in anticipo, anche per più di una volta. Volendo lo potete anche congelare già porzionato.
Vediamo la ricetta:

Trofie al sugo di salsiccia
  • DifficoltàBassa
  • CostoMedia
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni2-3

Ingredienti

  • 150 gTrofie
  • 2 cucchiaiOlio extravergine di oliva
  • 1Scalogno
  • 100 gSalsiccia
  • 200 gPassata di pomodoro
  • 1 ramettoRosmarino
  • q.b.Parmigiano grattugiato
  • q.b.Sale
  • q.b.Pepe

Preparazione

  1. Per le Trofie al sugo di salsiccia portate sul fuoco abbondante acqua, non appena inizia a bollire salatela e versate la pasta. Dopodiché scolatela al dente in modo da completare la cottura in padella insieme al condimento.

  2. Per il sugo: tagliate la salsiccia a rondelle, oppure se preferite spellatela e sbriciolatela. Fatela rosolare in una padella antiaderente con il rametto di rosmarino senza aggiungere grassi. Poi trasferitela su un piatto. Il grasso che ha rilasciato lo potete togliere se volete. Nella stessa padella aggiungete un filo d’olio extravergine d’oliva e fate soffriggere lo scalogno tritato. Unite la salsiccia precedentemente rosolata, la passata di pomodoro e un mestolo di acqua calda della pasta. Regolate di sale e pepe, e cuocete il sugo per 20-30 minuti a fuoco lento. Se mentre cuoce si dovesse asciugare troppo aggiungete ancora un po’ di acqua di cottura della pasta.

  3. Servite le Trofie al sugo di salsiccia con del parmigiano grattugiato a piacere. Buon appetito!

    Seguitemi anche sulla mia pagina di Facebook https://www.facebook.com/Nonsolodolcedilorena/?ref=bookmarks

Precedente Un invito alla Social Dinner più divertente dell'anno Successivo Crostata di ricotta e marmellata di mirtilli

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.